Cervelli

Le cellule zombi trasformano i non morti nel tuo cervello e continuano a esprimere i geni dopo la morte

>

Non tutti gli zombi sono cadaveri barcollanti con una brama di cervello. Alcuni potrebbero nascondersi nel tuo cervello. Dopo la morte, cellule cerebrali non morte crescere braccia stranamente lunghe e potrebbe sembrare più vivo di qualsiasi altra cosa post mortem. Queste sono le cellule gliali . Una nuova ricerca, che ha rivelato cosa è successo nel tessuto rimosso da pazienti sottoposti a chirurgia cerebrale, ha scoperto che la glia esprime i geni molto tempo dopo che altri tipi di cellule cerebrali hanno cessato di funzionare. Questo fenomeno sta inviando il pensiero precedente - che tutto cessa dopo che il cuore si ferma - nella tomba.

Poiché le cellule gliali sono cellule infiammatorie che si rianimano nella disperazione per salvare il cervello, vedere questa zombificazione non è stato uno shock per il ricercatore Fabien Dachet, che di recente è stato coautore di uno studio pubblicato su Rapporti scientifici .

Queste cellule gliali non si arrendono alla morte, ha detto Dachet a SYFY WIRE. La loro funzione normale è quella di proteggere la vita e compiere uno sforzo disperato per riparare i traumi e ristabilire la corretta omeostasi dell'ambiente cerebrale. I geni che esprimono post mortem sono gli stessi geni che sappiamo essere attivati ​​dopo un trauma cerebrale o un ictus e sono coinvolti nella neuroinfiammazione.



Le cellule cerebrali zombi non erano state osservate prima poiché la maggior parte degli studi su tessuti cerebrali umani (presumibilmente) morti sono stati effettuati 12 o più ore dopo la morte. Quegli studi precedenti avevano trascurato di studiare il tessuto cerebrale che era stato appena tagliato fuori dal suo apporto di sangue ossigenato, che è anche il momento in cui le cellule gliali iniziano a far crescere quelle appendici raccapriccianti che potrebbero davvero passare per afferrare braccia di zombi. Il tessuto è stato studiato in diversi punti durante un arco di 24 ore per vedere cosa, se non altro, è sopravvissuto. L'80% di sconto sui geni nel cervello è sopravvissuto all'intero periodo.

action figure she-ra

I geni che sono sopravvissuti più a lungo durante la morte simulata sono stati quelli utilizzati per il regolare mantenimento cellulare, che Dachet ritiene siano probabilmente così stabili perché si trovano già ovunque in tutti i tipi di cellule. Geni neuronali furono i primi a perire. Questi sono i geni che stanno dietro il pensiero e la memoria nei neuroni, e qualcuno che è passato in qualche grande universo al di là o parallelo non sta più pensando esattamente alle cose terrene. Dachet crede che conoscere il loro destino dopo la morte possa ancora giovare ai vivi.

cellule gliali e neuroni

Quando i neuroni (blu) muoiono, le cellule gliali (rosse) diventano completamente zombie. Credito: Getty Images/Daniel Schroen

Il fatto che i geni neuronali siano i primi a scomparire è davvero importante per quelli di noi interessati a studiare la funzione cerebrale e le malattie cerebrali, ha affermato. Questa rapida degradazione dei geni coinvolti nell'attività cerebrale può essere biologicamente importante ed è probabilmente strettamente correlata a un silenziamento programmato dell'espressione necessario per ridurre la loro espressione quando il cervello non è più attivo.

A differenza delle cellule gliali non neuronali, i neuroni moriranno senza ossigeno. Il cervello umano ha bisogno di dieci volte più energia di qualsiasi altro organo del corpo. Puoi perdere conoscenza in pochi secondi se il sangue smette improvvisamente di fluire al cervello. Quando l'ossigeno o l'energia precipitano, può portare a danni permanenti e persino alla morte cellulare nel cervello di un sopravvissuto a un ictus o a un trauma. I geni neuronali sono dipendente dall'attività , il che significa che possono subire cambiamenti drastici a causa dell'attività cerebrale, come le crisi epilettiche. Man mano che i geni neuronali si degradavano, l'attività dei geni zombificati aumentava simultaneamente per 12 ore.

avatar l'ultimo scrittore dominatore dell'aria

Le cellule gliali diventano completamente zombi perché sono cellule protettive che cercano di compensare qualsiasi perdita di funzione cerebrale e proteggono il resto del cervello se una parte perde ossigeno e il resto è a malapena senza fiato. Nel segmento di tessuto cerebrale morto che è stato studiato, è stato riscontrato che la risposta gliale che produce i geni si verifica ovunque, il che significa che la risposta potrebbe probabilmente esplodere in tutto il cervello di una persona deceduta. Sfruttare il tessuto cerebrale rimosso chirurgicamente che non è necessario per la diagnosi o il trattamento può riflettere ciò che sta realmente accadendo in un cervello malato prima che la decomposizione vada troppo oltre.

Più lungo è l'intervallo tra la morte e quando viene raccolto il tessuto cerebrale (l'intervallo post mortem), più si verificano cambiamenti nei cambiamenti neuronali e gliali, ha detto Dachet. Questo è preoccupante per i ricercatori che cercano cure per le malattie del cervello poiché i geni nei tessuti con lunghi intervalli post-mortem non riflettono più la vera malattia di base.

Dachet e il suo team stanno ora sviluppando un'interfaccia web per i neuroscienziati per vedere quanto sia stabile un gene specifico in base al tempo trascorso dalla morte. Dirà loro anche in che modo quel gene è colpito e quanto velocemente si degrada. Questo ha il potenziale per cambiare il modo in cui i disturbi neurologici vengono compresi e trattati in futuro.

Rick e Morty pubblicità di cereali

A proposito, un film di zombie sulle cellule gliali che crescono in proporzioni enormi, allungando le braccia in cerca di nuovi cervelli da invadere, deve esistere.



^