Fantasmi

La Demon House di Zak Bagans è ancora pericolosa, secondo il suo esorcista

>

Dopo che un case manager dei servizi per l'infanzia e un'infermiera hanno giurato su e giù nel 2012 che un bambino di 9 anni aveva camminato all'indietro su un muro con un sorriso che gli allungava il viso, la gente ha iniziato a prestare attenzione alla Demon House a Gary, nell'Indiana. Il ragazzo ei suoi due fratelli furono ascoltati dalla madre e dalla nonna parlare con 'voci demoniache'; un'adolescente sarebbe stata spinta a un tentativo di suicidio dai demoni che abitavano la casa. Seguirono esorcismi e Lee Daniels fu secondo quanto riferito adocchiando la storia per il suo prossimo grande film nel 2014. La casa — secondo alcuni essere abitato da oltre 200 demoni - era pronto per essere l'inferno centrale del prossimo grande franchise horror, 'il prossimo Amityville'.

x-men olivia munn

Poi tutto si fermò bruscamente. Hollywood era spaventata. Poi Zak Bagans è arrivato in città.

Bagans, che si descrive come 'uno dei principali ricercatori al mondo su fantasmi e demonologia', ospita e produce esecutivamente il Travel Channel di Avventure di fantasmi e ha acquistato la famigerata Demon House nel 2014. Lui e il suo equipaggio hanno trascorso i successivi due anni a condurre un'indagine.



Ora Demon House , un documentario di un'ora e mezza sulle esperienze di Bagans dentro e intorno alla casa titolare, sarà presentato in anteprima il 16 marzo. Bagans e il sacerdote cattolico che ha lavorato al caso con Bagans, padre Michael Maginot, hanno parlato con SYFY WIRE in anticipo della data di uscita del documentario sui demoni e le conseguenze della casa.

Se hai mai guardato Avventure di fantasmi, allora sai esattamente cosa aspettarti da Demon House . È un montaggio auto-serio di stordite riprese della telecamera portatile, rievocazioni drammatiche ricoperte da musica spettrale e dai bassi e un'analisi eccessiva di ogni urto nella notte, il tutto narrato nel baritono del Nord-Midwest di Bagans. Il tuo investimento nella storia dipenderà al 100% da quanto credi, o vuoi credere, nel soprannaturale.

quando fa il dott. chi ritorna

'Questo è il caso che mi ha davvero fottuto', dice Bagans agli spettatori all'apertura di Demon House . La sua dichiarazione arriva pochi istanti dopo un avvertimento che recita: 'I demonologi credono che i demoni possano attaccarsi a te attraverso altre persone, oggetti e dispositivi elettronici... Guarda a tuo rischio'.

Senza rivelare molto, Bagans sostiene un disturbo fisico in relazione al demone più importante della casa, un demone che dice sia venuto da lui nei suoi sogni non molto tempo prima che comprasse la casa nel 2014. Il demone, un uomo capra alto 12 piedi , presumibilmente ha visitato Bagans in sogno e ha respirato fumo nero nei polmoni di Bagans.

Dice a SYFY WIRE che vede ancora la casa nei suoi sogni anche dopo averla demolita nel 2016 (che non è uno spoiler, solo un fatto ricercabile che dovresti sapere entrando nel documento - non ci sarà un seguito).

'Non sono il tipo di persona più normale che ci sia', dice Bagans. 'Sì, ​​mi piace avere il caos nella mia vita. Ho un piccolo pericolo dentro di me, una piccola parte in cerca di emozioni forti. E anche se fisicamente mi è successo qualcosa dalla casa che ho ancora oggi, ho sentito che quello che ho passato io, quello che hanno passato le altre persone, è una parte della storia.'

All'inizio del documentario, forse contraddicendosi, Bagans afferma di essere stato inizialmente uno scettico di Demon House. È una scommessa sicura da parte sua, un modo per facilitare gli scettici nella storia; le persone mentono, le coincidenze esistono e dopo aver condotto oltre 1.000 indagini sui fantasmi in tutto il paese, Bagans è il tipo di persona che vorrebbe che le storie fossero vere.

A confermare la storia di Bagans in tutto il documentario ci sono la troupe di Bagans, gli assistenti sociali, i medici, le varie vittime della casa e padre Maginot, il sacerdote cattolico locale che ha eseguito esorcismi su alcune delle vittime .

Padre Maginot ammette una certa tensione tra lui e Bagans durante tutto il processo. Bagans, un drogato di adrenalina, non ha preso a cuore gli avvertimenti di Padre Maginot su quanto pericolosi potessero essere questi demoni.

3sotto: racconti di arcadia cast

'Quando siamo andati a casa per la prima volta, ho chiesto a tutti di avere una sorta di protezione quando entriamo', dice padre Maginot. «Tutti gli altri cameraman e le persone che erano lì avevano protezione, ma Zak non ne voleva. Voleva sperimentare in prima persona. È stata un po' una difficoltà, perché è pericoloso, ma lui ha insistito su questo.

'Anche se questo non è entrato nel documentario, è stato un punto di contesa tra di noi. Sono rimasto un po' sorpreso che non sia entrato nel documentario, perché gli piace metterli nelle sue cose. Non gli dispiace mostrare scontri, ma ha lasciato fuori quello... Sembrava un crampo al suo stile.'

steve rogers capitan america #2

Bagans attribuisce a questo caso il merito di aver aperto gli occhi sull''aspetto dell'influenza delle entità demoniache'. Nonostante non abbia mai ripreso nulla dalla telecamera durante il suo tempo a casa - il segno distintivo delle indagini paranormali - Bagans dice: 'Ho scoperto che non si trattava di quello. Riguardava gli effetti che avrebbe avuto sulle persone... [I demoni possono] viaggiare attraverso i dispositivi elettronici e attraverso l'aria, e sono molto, molto intelligenti [e] più veloci di quanto il nostro cervello possa nemmeno immaginare.'

Il presunto pericolo associato a questi demoni è ancora vivo. La casa non c'è più, ma i terreni sono tutt'altro che sacri: l'Energia Demoniaca esiste ancora, secondo la comprensione della fede cattolica di come quell'energia si aggrappa a un luogo e alle persone.

'[Entrare senza protezione] ha davvero incasinato [Bagans], e ha anche portato alla distruzione della casa, cosa con cui non ero d'accordo', dice padre Maginot. 'Penso che avrebbe potuto proteggere molte più persone [da] possederlo, rinchiudendolo in modo che le persone non si scherzassero con questo. Ora che è un lotto aperto, come menzionato nel documentario, la gente va lì a fare sedute spiritiche o altro, e la polizia deve essere chiamata... per cacciare via la gente. Quelle persone sono in grave pericolo e non c'è modo di proteggerle davvero. E tutto ciò di cui hai bisogno è la curiosità. La curiosità è un invito.

'Quindi molte persone si stanno preparando per un'esperienza molto pericolosa. Non è che puoi andartene ed è finita con 'È stato bello'. Voglio dire, una volta che qualcosa si attacca, devi affrontarlo. Potrebbero non sapere come affrontarlo.'

Demon House anteprime nelle sale e sarà disponibile su VOD e Digital HD il 16 marzo.



^