Voltron

Anno del Robot, Parte 1: Come Go-Bots, Transformers, Voltron e Mighty Orbots hanno conquistato il mondo

>

Trent'anni fa, un'onda anomala che ha cambiato per sempre il mondo della fantascienza ha travolto la televisione americana. trasformatori , Potenti Orbot, e Voltron tutti hanno debuttato sulle onde radio degli Stati Uniti nel settembre del 1984. Sfida dei Go-Bots seguito in ottobre. Tutti e quattro questi spettacoli hanno coinvolto robot giganti, originariamente salutati dall'Asia, e hanno affascinato i bambini di tutto il mondo.

Cosa c'era dietro questo assalto totale di uomini meccanici giapponesi? Perché Transformers ha avuto successo mentre il resto è sbiadito in vari livelli di oscurità culturale? Parliamo con alcune delle menti più importanti dietro tutti e quattro gli spettacoli e scopriamo la storia interna sull'anno dei robot dei cartoni animati in una serie in tre parti. Leggi la parte 2 (l'età d'oro dei robot che si trasformano) qui e la parte 3 (l'ascesa dei trasformatori e la caduta di tutti gli altri) qui.

Ragazzi giocattolo



Quando il Giappone divenne una potenza manifatturiera nei primi anni '80, le loro linee di giocattoli iniziarono ad attirare l'attenzione americana. Grandi aziende come Bandai e Takara hanno visto che c'erano soldi da guadagnare in licenza di prodotti all'estero e le aziende americane sono rimaste colpite dall'ingegnosità meccanica e dal senso dello stile che hanno dimostrato.

Hassenfeld Brothers (l'azienda che ora conosciamo come Hasbro) ha lavorato con l'azienda giapponese Takara dal 1969, quando hanno esportato il G.I. Joe line in Giappone. I giocattoli nati da quella collaborazione si sono evoluti nel tempo nelle linee Diaclone e Microman e, nei primi anni '80, i bambini giapponesi hanno iniziato a impazzire per le figure di Diaclone che, seguendo una serie di istruzioni, potevano essere trasformate nelle forme di automobili, aerei e altri oggetti banali.

viviamo in una società jolly meme

Quando è arrivata la notizia che Hasbro si stava preparando a spingere pesantemente dietro questi giocattoli giapponesi in America, la concorrente Tonka (all'epoca più nota per i suoi veicoli da costruzione in metallo pressofuso) ha collaborato con le aziende giapponesi Bandai e Tomy per portare alcuni dei loro robot, in particolare la serie Machine Robo. Questi giocattoli erano veicoli pressofusi simili alla già di successo della linea Matchbox, solo che potevano essere manipolati per trasformarsi in forme robotiche. È interessante notare che molti dei modelli Machine Robo sono stati ispirati da idee presentate da normali bambini giapponesi.

I Go-Bot sono stati i primi sul mercato e sono diventati rapidamente una sensazione. Poiché Tonka aveva circa 300 diversi stampi per giocattoli tra cui scegliere, è stata in grado di saturare rapidamente il mercato con un numero di robot diversi. Ad un prezzo di soli $ 3 per una cifra, erano un popolare ripieno di calze, e Hasbro perse la vitale stagione natalizia del 1983 con Transformers, ma nel 1984 era passata alla concorrenza, con i giocattoli Takara più grandi e complessi che si erano rivelati grandi venditori.

Voltron aveva anche giocattoli da legare, prodotti dalla ditta di giocattoli giapponese Popy. Realizzati in metallo pressofuso, erano piuttosto costosi, ma presentavano dettagli incredibili. Anche il produttore di giocattoli americano Panosh Place ha creato la propria linea di action figure dei personaggi umani dello show.

Mattel è stato annunciato come il principale licenziatario per i giocattoli Mighty Orbots e ha persino prodotto materiali di marketing per il loro robot combinatore, che è stato modellato sul GodMars DX di Bandai. Ma tra la produzione dei materiali e la Toy Fair del 1985, Mattel si è ritirato. Le ragioni verranno più avanti in questa serie quando affronteremo alcune questioni legali spinose.

l'infestazione della casa di collina teodora

Per recuperare l'investimento su questi giocattoli, era fondamentale che fossero messi di fronte al maggior numero possibile di occhi dei consumatori. E i grandi cambiamenti nel panorama dei media durante l'amministrazione Reagan lo hanno reso possibile.

Mostrarmi il denaro

Per decenni, la FCC ha tenuto d'occhio la quantità di contenuti pubblicitari e promozionali trasmessi insieme agli spettacoli per bambini. Norme rigorose garantivano che gli spettacoli non potessero essere abbinati alla pubblicità dei prodotti presenti negli spettacoli. Ma quando Ronald Reagan è entrato in carica nel 1980, ha inaugurato una fase di capitalismo del libero mercato che ha cambiato per sempre la TV per bambini.

Reagan nominò Mark Fowler commissario della FCC nel 1981 e Fowler iniziò immediatamente a smantellare quei fastidiosi regolamenti uno alla volta. Quando si trattava di cartoni animati per bambini, ora potevano essere direttamente basati su linee di giocattoli e altri prodotti di consumo. Questo ha dato il via a un'ondata di cartoni animati a partire da Fred Wolf Films' pasticcino alla fragola speciali e ha raggiunto il culmine con He-Man e i padroni dell'universo .

Quella serie di action figure e set di gioco, rilasciata da Mattel nel 1982, è stata accompagnata da una serie animata realizzata da Filmation e distribuita a syndication. He-Man e i padroni dell'universo è stato il beneficiario di molti dei cambiamenti normativi di Fowler: il livello di violenza era più alto rispetto agli spettacoli precedenti, con l'eroe muscoloso autorizzato a colpire e lanciare i suoi nemici (anche se ancora non usava la sua spada). E, cosa più importante, i personaggi dello spettacolo avevano tutti le loro action figure in modo che i bambini potessero recitare le trame a casa.

Questi spot pubblicitari di lunga durata sono stati una potente lezione di sinergia crossmediale: hanno venduto enormi quantità di giocattoli e ottenuto grandi ascolti per le reti. Ciò ha coinciso con un boom del numero di reti televisive, poiché piccole stazioni indipendenti hanno iniziato ad aprirsi nei mercati di tutto il paese. Queste stazioni non avevano l'obbligo di trasmettere alcun programma di rete, quindi erano libere di programmare qualunque cosa potessero pagare per incollare gli occhi al tubo. E i cartoni animati, specialmente quelli ricchi di azione, sono perfetti.

Movimento estremo oriente

A partire dai primi anni '80, le società di animazione americane hanno iniziato a rendersi conto che potevano risparmiare denaro esternalizzando il lavoro nei paesi asiatici, in particolare in Giappone e Corea. Tutti e quattro gli spettacoli dell'ondata di robot giganti del 1984 avevano radici in Giappone.

Potenti Orbot è stata, sorprendentemente, la prima delle quattro serie ad essere presentata in anteprima, debuttando l'8 settembre. A differenza degli altri spettacoli, che erano sindacati da stazione a stazione, Orbot è andato in onda il sabato mattina su ABC e ha avuto una breve stagione di soli 13 episodi. Lo spettacolo è stato creato dal produttore americano Fred Silverman (l'uomo che ha fatto Scooby Doo un grande successo) e il regista giapponese Osamu Dezaki, e si è distinto per l'incredibile qualità dell'animazione e la trama solida.

tammy e il t-rex

Voltron era l'unico spettacolo che utilizzava filmati giapponesi esistenti come base, dalle serie giapponesi Re Bestia GoLion . Lo spettacolo originale era un po' più oscuro: cinque piloti spaziali tornano sulla Terra per trovarla devastata dalla guerra termonucleare, quindi scoprono cinque leoni robotici che si uniscono in un potente guerriero. World Events Productions ha acquistato i diritti degli Stati Uniti per lo spettacolo e ha rimontato, quindi ha pagato la società giapponese Toei per produrre un nuovo pilota che ha introdotto lo status quo americano. Ha debuttato in syndication il 10 settembre.

Il 17 settembre, trasformatori è stato presentato in anteprima sulla TV degli Stati Uniti in syndication con una miniserie in tre parti chiamata 'More Than Meets The Eye', animata da Toei. Hasbro è stato così preso dalla miniserie mentre era ancora in produzione che ha finanziato una prima stagione di tredici episodi, che è stata presentata in anteprima alla fine del mese. Le forti vendite di giocattoli Transformers li avevano convinti che il franchise aveva le gambe. La premessa di trasformatori era semplice: due eserciti in guerra di robot si schiantarono sulla Terra, dove presero la forma di normali veicoli e altri oggetti per non essere scoperti. Gli eroici Autobot, guidati dal rimorchio del trattore Optimus Prime, hanno combattuto contro i devastanti Decepticon e il loro leader Megatron, che poteva trasformare il suo corpo in una pistola Walther P38 stranamente realistica. La prima stagione ha offerto una trama insolitamente complessa con forti connessioni tra gli episodi.

quando è uscito Iron Man?

Sfida dei go-bot è stata l'ultima serie ad essere presentata in anteprima. I giocattoli Go-Bots erano arrivati ​​sugli scaffali dei negozi alla fine del 1983, prima che Hasbro vendesse i propri giocattoli Transformers, ma Tonka non strinse un accordo con lo studio di animazione Hanna-Barbera fino all'84. Una miniserie in cinque parti che ha introdotto il mondo dei Go-Bots è stata presentata in anteprima il 29 ottobre in syndication e la serie completa non ha fatto un inchino fino al settembre del 1985. La premessa di base era quasi identica a Transformers: robot che possono cambiare le forme arrivano sulla Terra per continuare una battaglia senza fine, ma non c'era continuità tra gli episodi, preferendo invece le trame 'fatto in uno'.

Lavoro di carattere

Quando Hasbro ha portato Transformers negli Stati Uniti, ha capitalizzato una lezione appresa da He-Man e G.I. Joe – senza una trama, le action figure sono solo pezzi di plastica. Quando il G.I. La linea di figure di Joe lanciata nel 1982, Hasbro ha collaborato con Marvel Comics per sviluppare i singoli personaggi e il loro mondo, come comunicato attraverso le 'schede' sul retro della confezione. Questo approccio è stato un tale successo che hanno rinnovato la partnership nel 1984 con Transformers.

Il caporedattore della Marvel, Jim Shooter, ha ideato il concetto di base di due gruppi di guerrieri, gli Autobot e i Decepticon, che arrivano sulla Terra e si adattano all'ambiente circostante trasformandosi. Sfortunatamente per lui, i nomi e le descrizioni dei personaggi che Shooter e lo scrittore Denny O'Neil hanno inventato sono stati rifiutati da Hasbro. Ha poi dato il progetto allo staff della Marvel Bob Budiansky, che di recente era stato il disegnatore del cancellato Cavaliere fantasma serie. Dice: 'Di fronte a una scadenza imminente, Shooter ha setacciato gli uffici editoriali della Marvel alla ricerca di qualcuno che potesse scrivere almeno un inglese di base. I primi editori Marvel a cui Shooter si è avvicinato, tutti con più esperienza di scrittura di me, non volevano avere niente a che fare con trasformatori . Probabilmente ero la terza o la quarta scelta di Shooter.' Budiansky, usando nient'altro che le immagini dei giocattoli, ha inventato quasi tutti i nuovi nomi e personalità dei personaggi in un fine settimana.

Una curiosità di questo periodo è che Hasbro aveva inizialmente rifiutato il nome 'Megatron' per il leader dei Decepticon, lamentandosi che suonasse 'troppo spaventoso'. Budiansky è riuscito a convincerli che era questo il punto, e il nome è andato avanti. Molto di ciò che consideriamo la 'personalità' dell'iconico trasformatori i personaggi sono usciti dalla sua penna.

Duo dinamico

C'era ancora un ostacolo nel percorso del dominio dei Transformers. Sebbene le regole FCC fossero state notevolmente allentate, era ancora vietato trasmettere pubblicità per i giocattoli di cui parlava il cartone durante il cartone animato. Ma Hasbro aveva un asso nella manica sotto forma di Sunbow Animation.

Sunbow non era solo lo studio che produceva il trasformatori serie animate; avevano anche G.I. Joe , che aveva fatto il suo debutto con un paio di miniserie nel 1983 prima di passare alla serie completa nel settembre del 1985. Gran parte del lavoro effettivo è stato affidato a studi giapponesi come Toei, ma Sunbow è stato responsabile dell'introduzione degli spettacoli nel mercato sindacato statunitense .

chi è stato il primo peloso?

Joe Strike, all'epoca un animatore di Sunbow, mi ha spiegato come funzionava. 'Sunbow ha prodotto sia il trasformatori e G.I. Joe serie, e quando li hanno portati alle stazioni TV per la syndication, hanno offerto un accordo che nessun altro poteva. Se le stazioni acquistate G.I. Joe , Hasbro comprerebbe annunci per trasformatori giocattoli da ventilare durante esso. E se hanno comprato trasformatori , Hasbro comprerebbe G.I. Joe Annunci.' I proprietari dei canali ovviamente adoravano avere porzioni di programmazione pagate con annunci pubblicitari - e annunci che promuovevano altre proprietà sulla rete - quindi era nel loro interesse ottenere entrambi gli spettacoli per la syndication.

Nessuno degli altri spettacoli poteva vantare quel tipo di sinergia, e l'evidente superiorità del trasformatori cartone animato (e giocattoli) ne ha fatto il leader di mercato. Ma la vera battaglia doveva ancora venire.

Domani: arriva Voltron, il boom dei robot dei cartoni animati inizia davvero e i primi contendenti iniziano a cadere.



^