X-Men

X-Men come metafora queer

>

Gli X-Men sono stati spesso citati come un parallelo per il movimento per i diritti civili, ma essendo una storia incentrata su cinque ragazzini bianchi delle scuole di preparazione, è vero che parte della gravità della situazione si è persa nella traduzione. Tuttavia, gli X-Men sono cambiati notevolmente nel corso degli anni e questa base ha dato a innumerevoli scrittori e artisti l'opportunità di affrontare temi pesanti come classismo, razzismo, omofobia e abilità attraverso i fumetti mainstream. L'aspetto negativo di questo, ovviamente, è che quelle cose di solito appaiono solo come metafore e la rappresentazione ha ancora molta strada da fare.

jeffrey weissman ritorno al futuro

Tuttavia, rispetto ad altri fumetti mainstream, gli X-Men sono sempre stati notevolmente progressisti. Questo franchise è una rarità in quanto coerentemente si è concentrato sull'evidenziare l'errore del bigottismo come uno dei principali ostacoli nella vita del suo personaggio e ritrarre tutte le forme di intolleranza come profondamente sbagliate. Questo è ciò che ha attirato un pubblico così vasto su X-Men, ed è ciò che lo distingue per così tanti lettori. Gli estranei si sono sempre affollati su questo concetto, e per ragioni molto ovvie.

x-gay 2

Mekanix, scritto da Chris Claremont, disegni di Juan Bobillo, Marcelo Sosa e Edgar Tadeo, caratteri di Tom Orzechowski



La metafora mutante

I primi anni degli X-Men furono piuttosto scarsi di commenti sociali significativi al di là degli elementi di base della sua premessa. In effetti, il confronto iniziale tra Xavier e Magneto e MLK e Malcolm X offre una visione estremamente sbilanciata delle convinzioni di entrambi gli attivisti. Magneto viene dipinto come un suprematista estremista e mutante e confrontarlo con Malcolm X è ovviamente problematico, poiché Malcolm X non stava facendo cose come tentare di far cadere la Terra dal suo asse con il potere del magnetismo, né la prospettiva di MLK sopportava la stessa ingenuità come quella del professor Saverio. Se stacchiamo gli X-Men dall'idea che assomigli in qualche modo a queste persone e scenari della vita reale, ci viene dato un cast di personaggi riconoscibili che sperimentano una versione romanzata dell'oppressione, e questo ha attirato innumerevoli persone nel franchise che sperimenta l'equivalente del mondo reale, ma senza i fantastici superpoteri.

È vero che i confronti tra il movimento per i diritti civili negli anni '60 e gli X-Men molto fittizi degli anni '60 non vanno particolarmente bene, ma non è qui che finisce la metafora. Implicazioni e riferimenti all'omosessualità hanno cominciato ad apparire in modo più evidente dopo i primi anni '80. Nel Dio ama l'uomo uccide un predicatore bigotto di nome Stryker usa una campagna molto simile la paura della lavanda dichiarare che i mutanti si nascondono sempre tra la gente normale e perbene del mondo, rappresentando una minaccia invisibile. Tuttavia, la menzione effettiva di personaggi queer era inesistente in questo periodo, e in effetti c'era una grande soppressione di argomenti queer alla Marvel.

Negli anni '80, sulle pagine è stato riprodotto un sottotesto sempre più queer: Illyana Rasputin e Kitty Pryde che lottano tra loro a letto; l'avventura di Storm e Yukio; Mistica e Destino appaiono solo tangenti l'uno all'altro; la mancanza di interesse di Northstar per le donne; Rachel Summers nella sua interezza... c'era un sacco di stranezza implicita nella corsa agli X-Men di Claremont.

Negli anni '90, il virus Legacy è apparso come un analogo dell'AIDS in un periodo in cui era la principale causa di morte per gli uomini queer (anche se, ovviamente, erano principalmente i personaggi eterosessuali ad essere colpiti nel mondo immaginario degli X- Uomini). Molti mutanti sono morti a causa di questo. Come l'HIV, era visto come una malattia che colpiva solo persone specifiche fino a quando alla fine Moira MacTaggert fu infettata e lentamente morì a causa della malattia. Di nuovo, questo analogo non inizia a trasmettere il puro impatto dell'AIDS Non fornisce commenti sufficienti sulla demonizzazione degli uomini gay negli Stati Uniti durante gli anni '80, e non inizia nemmeno a rivolgersi alle successive comunità intorno il mondo che è stato colpito dalla crisi. Ignorare il fatto del mondo reale che comunità specifiche sono più vulnerabili di altre ha permesso che diventasse un problema ombrello che potrebbe ferire i mutanti di tutte le classi su un piano di parità, perdendo così ancora una volta gran parte dell'orrore dietro gli eventi del mondo reale su cui è basata la storia . Da un lato, questo ha senso in un libro rivolto ai giovani, ma dall'altro appiattisce una questione complessa.

Soppressione dei personaggi queer

Per quanto X-Men abbia attratto il pubblico queer nel corso degli anni, l'effettiva rappresentazione queer nelle loro pagine è stata piuttosto bassa. Sebbene ci siano più personaggi queer pro capite che nella maggior parte dei franchise, molti di questi personaggi svaniscono dai rispettivi titoli proprio nel momento in cui vengono scritti come non etero.

Northstar è stato il primo X-Man a uscire tramite il libro adiacente di X-Men Volo alfa, anche se non avrebbe ottenuto lo status ufficiale di X-Man per gli anni a venire. Nel 1992, un supereroe queer era sconosciuto, sebbene Northstar fosse stato scritto come queer fin dall'inizio in modi subtestuali. La sua storia di coming out si legge come una serie di tropi attraverso l'obiettivo di oggi, ma ovviamente, non si può sopravvalutare l'influenza della trama sui lettori queer. Sfortunatamente, quella è stata l'ultima menzione dell'omosessualità di Northstar per anni. Aveva una miniserie che andava e veniva senza un solo cenno alla storia, e infatti non ha più discusso della sua sessualità fino a quando non si è unito agli X-Men. È stato sposato con il suo ragazzo Kyle nel 2012, ma negli ultimi anni è apparso raramente in un ruolo di primo piano. Tuttavia, di recente lo abbiamo visto diventare di nuovo attivo nel libro Age of X-Man, il X-Tremist , e come gli X-Men queer di spicco vanno, Northstar è sempre stato uno dei più visibili.

x-gay 4

Astonishing X-Men #51, scritto da Marjorie Liu, disegni di Mike Perkins, Andrew Hennessy, Andy Troy, Jim Charalampidis e Rachelle Rosenberg, caratteri di Cory Petit, Joe Caramanga e Clayton Cowles

Nel frattempo, Mystica è un altro personaggio che è stato scritto come queer dalle sue prime apparizioni in Ms. Marvel alla fine degli anni '70, quando ha adottato Rogue insieme alla sua compagna Destiny. Quando si presenta come una nemesi per Carol Danvers, è perché Destiny l'ha avvertita che Carol rappresenta un pericolo per Rogue e le loro vite insieme. Infuriata, Mystica attacca Carol attraverso le persone a lei più vicine, mutilando in realtà uno dei suoi fidanzati. Per anni, ogni volta che Mystica è apparsa in un fumetto, è probabile che Destiny sia al loro fianco. Alla fine è stato rivelato che Nightcrawler era il figlio di Mystique, ma l'idea originale era incentrata su Mystique, in forma maschile, come padre di Nightcrawler, con Destiny come sua madre. Anche se solo valutati in base alla premessa di quella che è una storia migliore, Mystica e Destiny vincono con una frana. Allo stato attuale, il padre di Nightcrawler è un demone, anche se è abbastanza probabile che alla fine venga ricollegato.

Senza mai dichiarare loro due come coppia, i fumetti di X-Men dei primi giorni di Mystique riuscivano comunque a implicare una tenerezza che andava oltre l'amicizia tra loro. Il destino fu infine ucciso in battaglia dal figlio di Xavier, Legion, e la sua morte ebbe un effetto devastante su Mystica. Ci sono state alcune storie che hanno onorato la sua memoria del suo amore perduto. In The Wolverines – ancora mostrato senza contesto – Mystica era disposta a sacrificare tutto e tutti solo perché significava che poteva essere di nuovo con Destiny.

Hugh Jackman x Men 1

Mystica è stata una seduttrice ipersessualizzata di uomini in molte delle sue apparizioni nei fumetti dalla morte di Destiny, e sebbene ciò non sia intrinsecamente una cosa negativa, ha la tendenza a distrarre scrittori e lettori da altri aspetti interessanti del suo personaggio. Le sue storie l'hanno allontanata dalla discussione sulla sua queerness e sul suo potenziale status di personaggio non binario tanto da renderlo inesistente. A Mystica raramente è stata data l'attenzione più profonda che merita, anche dopo anni di storie in cui è apparsa come un personaggio di spicco. La sua relazione con Destiny è ancora citata nel contesto di una stretta amicizia nella maggior parte delle storie.

Iceman è forse una delle storie di coming out più interessanti degli X-Men. Già dalle sue apparizioni nei New Defenders, Bobby è stato visto lottare con la sua mascolinità. Ha fatto battute sull'essere un omosessuale, chiamandosi Lance, il ragazzo di Warren e non era in grado di connettersi con le donne, spesso esagerando nei suoi flirt in un modo che può solo essere interpretato come una sovracompensazione. Quando il personaggio non conforme al genere Cloud ha cambiato genere e ha flirtato apertamente con Bobby, si è sentito così a disagio che ha dovuto lasciare la stanza, e in seguito è stato verbalmente crudele con Cloud sulla loro capacità di cambiare.

Bobby ha camuffato i suoi poteri in un modo che i lettori non potevano vedere fino a quando Emma Frost non ha posseduto brevemente il suo corpo e ha sbloccato livelli insondabili che Bobby stesso non si era nemmeno avvicinato a raggiungere. Sgomentata da ciò che percepiva come la sua pigrizia, rimproverò Bobby, ma questo è un luogo in cui il suo desiderio di trattenere e nascondere parti di sé è diventato il più lampante. Anni dopo, Jean Grey ha scoperto senza tatto Bobby leggendo la sua mente e annunciandogli casualmente i propri pensieri, dicendogli che a nessuno importava, il che non è esattamente compassionevole quando si parla con qualcuno a cui importa così tanto che è stato chiuso per la maggior parte della sua vita . Iceman ha continuato ad avere la sua serie in corso in cui la sua sessualità è stata ulteriormente esplorata.

x-gay 1

All New X-Men #40, scritto da Brian Bendis, disegnato da Mahmud Asrar e Rain Beredo, scritto da Cory Petit

Sottotesto non risolto

Rictor e Shatterstar sono stati i primi a condividere un bacio tra persone dello stesso sesso nei fumetti Marvel. Anche di recente come il Shatterstar serie e sebbene la loro relazione sia sempre stata complicata, rimangono devoti l'uno all'altro e sono facilmente una delle grandi storie d'amore della Marvel. Ma la loro è una delle poche storie che esistono al di là di accenni e sussurri.

Storm, Kitty Pryde e Rachel Summers sono stati tutti indicati come queer per decenni a questo punto con scarsi risultati. Nel frattempo, Illyana è stata mostrata baciare Leah di Hel abbastanza di recente con poco seguito. Non è chiaro dove sta andando quella relazione o se la rivedremo mai più. Con questi personaggi, il sottotesto è travolgente, ma è difficile dire se avranno mai relazioni omosessuali aperte o se qualcuno di loro avrà la libertà di esplorare le proprie identità di genere in futuro.

Guardiani della Galassia script

Psylocke è stato stabilito come bisessuale in una recente corsa di Uncanny X-Force, ma la storia è a dir poco breve. L'antieroe Fantomex si divise in tre personalità separate, inclusa una chiamata Cluster che apparve in forma femminile. Stanco delle buffonate infantili di Fantomex, Psylocke iniziò una relazione con Cluster. Questa è stata facilmente una delle cose più interessanti accadute in tutta la serie, ma sfortunatamente la trama è semplicemente svanita e non è stata rivisitata. Psylocke ha acquisito maggiore importanza nell'Universo X, ma la sua visione complicata delle sue relazioni è stata meno esplorata.

Ci sono stati altri esempi di personaggi queer e archi narrativi negli X-Men, come Karma, Stacy-X, Anole, Daken e altri. Deadpool e Gambit sono stati entrambi suggeriti come pansessuali, ma potrebbero volerci decenni prima che si realizzi, se mai lo farà. Ci sono state brevi apparizioni di personaggi queer in realtà alternativa da Colossus a Wolverine a Beast e oltre, ma essere da altri mondi comporta naturalmente la brevità della trama. Eppure, il fandom queer intorno agli X-Men continua ad esplodere con nuovi creatori queer che producono alcuni dei migliori X-Stories degli ultimi anni. Alla fine, assumere più creatori queer sarà sempre la chiave per personaggi queer ben scritti.

Le narrazioni degli X-Men hanno fatto un uso frequente del confronto con le persone queer nella sua lunga storia, ma l'effettiva rappresentazione in pagina dei personaggi queer lascia ancora a desiderare. Anche attraverso i suoi passi falsi, X-Men è un faro per milioni di persone in tutto il mondo che sanno cosa vuol dire essere giudicati per quello che sono, o che hanno dovuto nascondere qualcosa su se stessi che la maggior parte dell'umanità potrebbe non capire. Innumerevoli sono le storie dell'outsider che ha scoperto gli X-Men in un momento importante della loro adolescenza e ha trovato un senso di appartenenza, e per questo gli X-Men rimangono un franchise estremamente importante.



^