Momenti Wtf

WTF Moments: il finale sanguinoso e scioccante dell'omaggio di Halloween 4

>

Quando i produttori di Halloween franchise ha deciso di abbandonare l'approccio antologico del regista originale John Carpenter dopo il 1982 Halloween III: la stagione della strega e tornando alla storia dell'implacabile assassino Michael Myers, avevano bisogno di un nuovo personaggio principale che Michael potesse minacciare, poiché la star Jamie Lee Curtis non aveva alcun interesse a tornare nei panni di Laurie Strode. E mentre nel 1988 Halloween 4: Il ritorno di Michael Myers presenta diversi adolescenti ingenui nella vena di Laurie e delle sue amiche del film originale, il suo vero protagonista è Jamie Lloyd (Danielle Harris), di 7 anni, presentata come la figlia di Laurie (e quindi la nipote di Michael). Le cose diventano solo più strane da lì.

il libro della giungla (1994)

Halloween 4 è, per dirla gentilmente, non un gran bel film. Si tratta principalmente di evocare ricordi dell'originale di gran lunga superiore di Carpenter per riportare i fan all'ovile. Segna la transizione di Michael da un assassino squilibrato a un supercriminale completo, in grado di uccidere le persone conficcando loro il pollice nel cranio o ficcando loro una canna di fucile nel petto.

Ma se qualcosa del film funziona, funziona grazie alla performance di Harris nei panni di Jamie, una bambina perseguitata da un'eredità familiare che è stata stabilita interamente prima che lei nascesse. Laurie (insieme al padre senza nome di Jamie) è morta in un incidente d'auto di cui si parla a malapena, ei ragazzi crudeli a scuola insultano Jamie per avere uno zio che è 'l'uomo nero'.



halloween 4

Credito: 20th Century Fox

Michael, ovviamente, fugge dalla custodia durante un trasferimento dall'istituto psichiatrico dove è stato rinchiuso negli ultimi dieci anni e, naturalmente, torna nella sua città natale di Haddonfield, nell'Illinois, inseguito dal sempre più sconvolto dottor Samuel. Loomis (Donald Pleasence). Una guardia carceraria loquace menziona utilmente l'esistenza di Jamie poco prima che Michael ruggisca di nuovo in vita e uccida i suoi rapitori. E sebbene Jamie non abbia mai incontrato Michael, è ancora torturata dalla sua esistenza. Vede la sua faccia nello specchio e ha incubi su di lui che viene a prenderla. Il film chiarisce che Michael e Jamie sono indissolubilmente legati, e Harris rende quel legame inquietante e genuino.

Mentre le vittime adolescenti in Halloween i film e il genere slasher in generale vengono spesso 'puniti' per il loro comportamento deviante (sesso, uso di droghe, odio generale), Jamie viene presentato come puro e decente, e Harris, con i suoi grandi occhi marroni e il suo avido senso di meraviglia, rende Jamie facile da radicare. Per Jamie, fare dolcetto o scherzetto ad Halloween è un trionfo, un modo per sconfiggere le forze che hanno spinto a definire la sua vita da un assassino che non ha mai nemmeno incontrato.

'Halloween è fantastico! Possiamo stare fuori tutta la notte?' chiede alla sorella adottiva Rachel (Ellie Cornell), con sincero stupore.

Nel mondo del Halloween film, tuttavia, Halloween non è eccezionale, e non passa molto tempo prima che Jamie scappi via terrorizzato da Michael, vestito con un costume in stile arlecchino simile a quello che indossava il giovane Michael quando ha ucciso i suoi genitori e la sorella. Il film stuzzica la connessione di Jamie con Michael con le sue visioni speculari (compresa se stessa come il giovane Michael con lo stesso costume), e Jamie tiene anche teneramente la mano di Michael a un certo punto quando è steso a terra, apparentemente morto (Michael, ovviamente, non è mai effettivamente morto).

Ma niente di tutto questo prepara del tutto il pubblico per la scena finale, dopo che Michael è stato presumibilmente sconfitto per sempre.

Fino a quel momento, la maggior parte dei momenti WTF del film proveniva da scelte narrative sconcertanti, violenza assurdamente esagerata e palesi errori di continuità (guarda la cicatrice bruciata in continua evoluzione sul viso di Loomis!). Ma il regista Dwight H. Little conclude il film con un vero shock: mentre la madre adottiva le prepara un bagno, Jamie le tira giù la maschera del costume sul viso, cammina lungo il corridoio, afferra un paio di forbici e le usa per pugnalare il donna che l'ha cresciuta.

Little descrive la sequenza nello stesso stile del punto di vista dell'apertura del film originale di Carpenter, chiaramente inteso ad equiparare il Jamie precedentemente dolce e innocente con un maniaco omicida. Emerge, coperta di sangue, mentre Loomis le punta la pistola, proprio come farebbe contro Michael, a malapena trattenuto dall'ucciderla. Titoli di credito.

Harris riesce a realizzare quel cambiamento improvviso proprio come fa con tutte le altre emozioni di Jamie, dalla paura all'euforia alla malinconia. Fa lo stesso negli anni successivi Halloween 5: La vendetta di Michael Myers , che minimizza la svolta omicida di Jamie in favore di metterla in una clinica per bambini con disturbi mentali e le dà una sciocca connessione psichica con Michael che si manifesta in convulsioni e gesti. Ma il nucleo della malinconica performance di Harris rimane intatto, anche in mezzo all'idiozia dilagante della storia.

Jamie è trattato ancora più male negli anni '95 Halloween: La maledizione di Michael Myers , dove è interpretata da un'altra attrice e uccisa nel primo atto. E grazie ai retcon di entrambi i 1998 Halloween H20: 20 anni dopo e il 2018 . del regista David Gordon Green Halloween , è stata eliminata completamente dalla continuità della serie. Rob Zombie almeno ha apprezzato l'abilità di Harris, ingaggiandola in un ruolo diverso nella sua duologia di remake.

Tuttavia, Jamie è un eroe non celebrato in alcuni dei momenti più bassi del franchise. Forse qualche regista intraprendente ha bisogno di fare un sequel diretto di Halloween 4 e 5 , dando a Jamie (e Harris) il finale che si merita.



^