Recensioni

Recensioni di Wonder Woman 1984: il film 'massiccio' e 'nostalgico' è troppo di una buona cosa, ma ai critici non sembra importare

>

Finalmente, Wonder Woman 1984 si farà strada verso un pubblico, che sia sugli schermi televisivi di casa, per gentile concessione di Warner Bros.' decisione per far uscire il film su HBO Max, o anche sul grande schermo in qualsiasi cinema sia ancora aperto.

Il seguito del 2017 Wonder Woman , un film che ha cementato un'intera nuova generazione di fan per il suo eroe titolare, vede il ritorno della regista Patty Jenkins al timone e Gal Gadot nei panni della principessa Diana Prince dell'Amazzonia. Insieme a lei sono Il mandaloriano di Pedro Pascal nei panni dell'intrigante uomo d'affari Maxwell Lord, Kristen Wiig nei panni di Barbara Minerva (alias Cheetah), gemmologa diventata criminale, e Chris Pine nei panni di Steve Trevor, l'interesse amoroso misteriosamente restituito di Diana.

che tipo di arco usa la freccia

Come indica il titolo del film, il film si svolge nel 1984, con Diana che ora lavora allo Smithsonian, mentre salva anche il mondo nel suo tempo libero, facendo attenzione a mantenere segreta l'esistenza di Wonder Woman. Tuttavia, la scoperta di una pietra magica che esaudisce i desideri porta a tutti i tipi di problemi poiché le persone iniziano a desiderare i loro desideri più profondi, il tutto senza pensare alle loro conseguenze. Toccherà presto a Diana (nei panni di Wonder Woman) affrontare sia Lord che Cheetah, facendo del suo meglio per correggere qualsiasi errore possa verificarsi nel mondo in generale.



Con solo pochi giorni prima che il film, che arriva a due ore e mezza, arrivi sugli schermi di tutto il mondo, le recensioni della critica sono già arrivate. E a partire dal 15 dicembre, il film detiene un 89% di valutazione su Rotten Tomato's Tomatometer , solo il 4% in meno rispetto all'impressionante 93% del primo film.

Wonder Woman 1984

Credito: Warner Bros./DC Comics

Vuoi sapere cosa dicono tutti? Bene, abbiamo preso il nostro lazo di notizia e metti insieme una bella carrellata:

regina dei dannati jesse

'Ci vuole un po' di tempo per arrivare ai principali set d'azione (a parte il prologo, che è stupendo), ma è troppo un piacere vivere in questo luogo ben realizzato, popolato da un quartetto di star capaci e carismatiche, curare. Una volta che l'azione si intensifica, tuttavia, le crepe iniziano a mostrarsi sotto il peso del film enorme. A un certo punto, il film passa dal dire qualcosa di vero sulla natura umana e sulla vita americana a trasformarsi in uno spettacolo in gran parte vuoto ... Forse inevitabilmente, la stessa Jenkins non si è dimostrata immune all'eccesso che ha speso nei suoi ambiziosi 150 minuti denuncia di film; quel runtime da solo è più che un po' autoindulgente. Ma ehi, se quest'anno ci ha insegnato qualcosa, è concederci una pausa e concederci le nostre indulgenze. Forse sarà Wonder Woman a salvarci, dopotutto.' —Maria Sollosi, EW.com

'C'è così tanto da fare in Wonder Woman 1984 è quasi ridicolo. Diverse tangenti si intrecciano dentro e fuori, tutto inizia a intensificarsi e per tutto il tempo i temi dell'altruismo, del duro lavoro, del coraggio e dell'ottimismo vengono seminati lungo la strada. A volte si perde tra le erbacce ma alla fine finisci Wonder Woman 1984 con un piacevole ed edificante senso di speranza e la sensazione di golosa soddisfazione, il fatto che sia stato un po' troppo lungo e un po' confuso lungo il percorso è praticamente spazzato via. Wonder Woman 1984 è un'esperienza piacevole e avvincente (a volte per un difetto) che ti lascerà un sorriso sul volto, in parte a causa delle circostanze, ma soprattutto a causa del film, dei difetti e di tutto.' - Germain Lussier, io9

'Come Jenkins' originale Wonder Woman , questo sequel va fuori controllo una volta che i cattivi ottengono il loro pieno potere, passando da una commedia avvincente basata sui personaggi a una super battaglia piena di CGI. (La colonna sonora tipicamente troppo zelante di Cue Hans Zimmer.) Jenkins è una regista di enorme talento su cui lo studio ha colto una possibilità – una possibilità che raramente viene messa in discussione quando viene conferita agli uomini – e dimostra il suo valore non lasciando che lo spettacolo affoghi le esibizioni. A differenza di tanti degli uomini di punta incredibilmente cesellati della DC, l'innegabilmente splendido Gadot fa sembrare le qualità di Wonder Woman riconoscibili – e quindi degne di aspirare a se stesse. Proprio come Wakanda rappresenta una terra libera dalle restrizioni della supremazia bianca in Pantera nera , Diana Prince rappresenta ciò che qualsiasi donna potrebbe ottenere, se elevata al di fuori del patriarcato.' - Pietro Debruge, Varietà

' Wonder Woman 1984 le scene di combattimento sono meravigliosamente coreografate, anche se poco frequenti, e ci sono alcuni elementi visivi sorprendentemente sorprendenti e stravaganti cenni ai fumetti, non tutti i quali sono stati rovinati dai trailer. Una volta che Minerva ha terminato la sua evoluzione (devoluzione?) in Cheetah, i suoi gloriosi smackdown con Diana valgono assolutamente il prezzo dell'ammissione (un abbonamento HBO Max?), Mentre continua il tema un po' sottosviluppato del film di 'le donne forti inevitabilmente si combatteranno sempre l'una contro l'altra'. '' —Senan Maguire, Poligono

'Cosa succede quando un film sugli eccessi degli anni '80 si impantana, beh, in troppi eccessi? La risposta può essere trovata in Wonder Woman 1984 , un seguito divertente ma disordinato della reintroduzione del supereroe amazzonico del 2017 con Gal Gadot e diretto da Patty Jenkins. C'è molto da amare in WW84 : interpretazioni audaci di un cast delizioso, costumi fantastici, regia frenetica di Jenkins. Ma è al servizio di una trama che perde di vista ciò che rende il personaggio così grande in primo luogo.' — Esther Zuckerman, Thrillist

star wars la fine della guerra dei cloni

' Wonder Woman 1984 è un film con il cuore pieno di speranza e amore; uno sguardo nostalgico indietro a un tempo amato che fornisce evasione da un anno eccezionalmente difficile. L'aderenza a un modello di supereroe più classico significa che è privo di qualsiasi autentica sorpresa o innovazione eccezionale, ma questo approccio è sempre filtrato attraverso l'obiettivo contemporaneo di Jenkins, che gli conferisce una distinta umanità tra i formaggi degli anni '80. Un notevole miglioramento rispetto al suo già ottimo predecessore, Wonder Woman 1984 è esattamente il tipo di film brillante e pieno di speranza che l'eredità del personaggio merita.' — Matt Purslow, IGN

'Cosa c'è di più chiaro in Wonder Woman 1984 è che Patty Jenkins riconosce davvero il potere delle immagini che sta trasmettendo allo schermo: cosa significa vedere una ragazza essere un'eroina d'azione; la risonanza di un uomo d'affari assetato di potere che trasmette sulle comunicazioni della Casa Bianca; la maestà di Diana che sale verso il cielo nella ricerca di cambiare il mondo in meglio. Questi momenti sono così potenti che sembra già che abbiano una vita oltre lo schermo. Wonder Woman 1984 non solo offre i brividi di successo che il 2020 è mancato, ma ancora più emozionante è la sensazione che ti lascia: la speranza che anche noi possiamo proiettarci in un futuro più luminoso.' — Ben Travis, Rivista Impero

' WW84 è al suo meglio divertente nelle prime sequenze. Come ha fatto nell'ultima puntata, Jenkins si apre tornando all'infanzia di Diana (è interpretata con il simpatico coraggio di Lilly Aspell), riportando in vita Connie Nielsen e Robin Wright, rispettivamente, nei panni di sua madre Ippolita, Regina delle Amazzoni, e la sua potente guerriera zia e mentore, Antiope...' — David Rooney, Il giornalista di Hollywood

'Sia Wiig che Pascal sono autorizzati a esagerare in modo esuberante in un film che, a due ore e mezza e con lunghe gite tra l'Egitto e Washington, D.C., può sembrare eccessivo e ingombrante come il decennio in cui è satira. Ma esteticamente e concettualmente, Wonder Woman 1984 tiene insieme. L'arredamento anni '80 (per gentile concessione della scenografa Aline Bonetto) è di volta in volta sfacciato e serio, celebrativo e satirico. Il moralismo dell'avidità è cattivo sembra sia specifico dell'epoca che decisamente contemporaneo. Gadot e Pine fanno grandi chiacchiere, ei loro ritmi semplici e folli forniscono non solo leggerezza ma anche zavorra: mettono a dura prova un film in cui il tempo, nonostante tutta la sua malleabilità, sembra sempre che stia scivolando via.' — Giustino Chang, L.A. Times

Spider-Man, Iron Man e Thor sono tutte co-creazioni di quale scrittore iconico?

Wonder Woman 1984 vola su HBO Max e in alcuni cinema statunitensi il 25 dicembre.



^