Opinione

The Wiz è un grande musical ma un film terribile

>

La serie di L. Frank Baum di Oz i romanzi sono un punto di riferimento innegabile della cultura pop del XX secolo. La loro influenza culturale, politica e storica sulla letteratura, il cinema, il mondo accademico e molto altro è stata quasi una leggenda nel secolo successivo alla sua morte. Il romanzo del 1900 Il Meraviglioso Mago di Oz rimane il libro più famoso della serie, anche perché è quello che si è adattato così tanto. L'amatissimo film della MGM del 1939, interpretato da Judy Garland, ha da tempo consolidato la sua reputazione come uno dei più grandi film mai realizzati. Il prequel della storia incentrato sugli adulti di Gregory Maguire ha ricontestualizzato la sua strega cattiva come un antieroe incompreso e in seguito è diventato uno dei più grandi successi musicali di Broadway, Malvagio . La Disney ha anche provato il gioco di Oz con Sam Raimi's Il grande e potente Oz , con risultati contrastanti.

La storia di Dorothy e del suo viaggio in una terra magica si è rivelata un terreno fertile per i narratori che desiderano raccontare le proprie storie di scoperta, crescita e scoperta che non c'è posto come casa. Nel 1974, Broadway vide una nuova interpretazione di Oz che fondeva il racconto classico con la moderna cultura afroamericana, e il risultato fu uno degli spettacoli di Broadway più peccaminosamente sottovalutati di tutti i tempi. Ma potresti ricordarlo più come un film che, in mancanza di un termine educato, è fallito in modo spettacolare come una storia di Oz. il mago è stato ideato dal musicista Charlie Smalls e dal drammaturgo William F. Brown, con l'aiuto aggiuntivo di personaggi come Luther Vandross. Il loro sogno era quello di prendere l'iconica storia di Il Meraviglioso Mago di Oz — sia il libro che il film della MGM — e interpretarlo attraverso una lente orgogliosamente nera.

Lo spettacolo stesso è in realtà notevolmente fedele alla storia originale in termini di struttura. Dove supera i propri termini è nello stile e nel carattere. Presa come la storia universale di una bambina che ritrova la strada di casa, è qualcosa che tutti possono apprezzare, ma il suo significato colpisce molto più profondamente se inteso come la storia di una giovane ragazza nera sola che trova un modo per credere in se stessa e abbracciare il cultura intorno a lei. È una rivisitazione contemporanea che sembra senza tempo e che ama con tutto il cuore il proprio messaggio. Con un punteggio buono come questo, non c'è da meravigliarsi se lo spettacolo ha trovato rapidamente un pubblico e ha funzionato per quattro anni a Broadway. Ha continuato a spazzare via i Tony Awards con sette vittorie, tra cui Miglior Musical.



occhio del signore degli anelli

Negli anni '70, il cinema nero stava emergendo come una forza innegabile nel cinema americano. Personaggi come Melvin Van Peebles, Bill Gunn e Gordon Parks stavano entrando nel mainstream e film come Lancia , Superfly, e Ganja & Hess stavano trovando non solo il plauso della critica, ma un vero successo commerciale. Anche le icone della Motown Records si erano trasferite nel cinema, producendo film per le loro più grandi star, come Diana Ross. Ha fatto il suo debutto cinematografico interpretando Billie Holiday nel film biografico Lady canta il blues , distribuito da Motown Productions (che le è valso una nomination all'Oscar) e che sarebbe seguito dall'ormai cult preferito Mogano . Ross era una star innegabile e uno che ha avuto grande influenza sia alla Motown che alla Universal Pictures. Quindi, anche se a 33 anni era troppo vecchia per la parte di Dorothy, e anche se il capo della Motown Berry Gordy non la voleva nella parte, l'ha ottenuta andando direttamente in studio e organizzando un accordo con il produttore esecutivo Rob Cohen. .



^