Proxima Centauri

Senza motori a curvatura, quanto tempo impiegheranno le sonde Pioneer e Voyager a raggiungere i sistemi stellari alieni?

>

Negli anni '70 esisteva l'unico motore a curvatura che poteva far viaggiare un'astronave più velocemente della velocità della luce Star Trek . E oggi è ancora l'unico posto in cui esiste un motore a curvatura.

Senza una tecnologia che li renda in grado di zoomare su un altro sistema stellare a velocità di curvatura, devi chiederti quanto tempo impiegherà la navicella spaziale lanciata dalla Terra circa 40 anni fa per arrivare da qualche parte come Proxima Centauri. Pioneer 10 e 11 non possono più inviare messaggi alla Terra ma sono ancora là fuori. I Voyager 1 e 2, che miracolosamente hanno ancora alcuni strumenti scientifici funzionanti, hanno entrambi lasciato l'eliosfera e ora stanno attraversando il vuoto dello spazio.

Ma dove sono diretti esattamente e quanto tempo impiegheranno per raggiungere la destinazione verso cui sono dirette le loro traiettorie? Questo è esattamente ciò che hanno in mente il duo di ricercatori Coryn Bailer-Jones del Max Planck Institute for Astronomy e Davide Farnocchia del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, motivo per cui hanno deciso di utilizzare il telescopio Gaia dell'ESA per ottenere almeno un po' di un'idea su dove saranno diretti questi pezzi di metallo terrestre.

Sebbene cesseranno di funzionare molto prima di incontrare qualsiasi stella... è comunque interessante chiedersi a quali stelle passeranno più vicine nei prossimi milioni di anni, hanno detto Bailer Jones e Farnocchia in un articolo recentemente pubblicato su Note di ricerca dell'AAS .

Poiché Gaia osserva il cielo appena fuori dall'orbita del nostro pianeta attorno al Sole, può vedere per anni luce: dal 2013, osserva e raccoglie dati su un miliardo di stelle. Bailer-Jones e Farnocchia hanno usato lo stesso metodo che hanno usato mentre cercavano di tracciare l'origine e la traiettoria di 'Primo all'inizio di quest'anno. Si sono affidati alla seconda versione di Gaia, che ha coperto con precisione le posizioni 3D e le velocità di 7,2 milioni di stelle, e hanno anche guardato al database di informazioni astronomiche simbad per determinare le velocità radiali di 222.000 in più.

Immagine della NASA dei Voyager

Voyager 1 e Voyager 2 ai margini dell'eliosfera. Credito: NASA

cosa è successo a sif in thor?

Determiniamo[d] le traiettorie asintotiche dei quattro veicoli spaziali partendo dalle loro effemeridi dal sistema Horizons di JPL, propagandole numericamente fino all'anno 2900, e quindi estrapolandole all'asintoto, hanno affermato gli scienziati.

Quindi, tornando indietro solo per un momento, una traiettoria asintotica continua verso una curva nello spazio, ma non necessariamente incontra quella curva (diciamo che in questo caso la curva in questione è il confine di un altro sistema stellare). La navicella spaziale potrebbe passare tra i sistemi stellari senza mai entrarvi. Questa traiettoria è stata determinata da effemeridi, o file di dati dal sistema Horizons del JPL che forniscono tutte le posizioni di alcune stelle su intervalli di tempo regolari. Bailer-Jones e Farnocchia hanno calcolato come sarebbero state queste posizioni delle stelle nell'anno 2900. Sulla base delle loro scoperte, hanno esteso la traiettoria.

Dopo aver fatto avanzare velocemente il cielo fino a 2900, gli scienziati hanno approssimato le stelle più vicine alle quali sarebbero passate le quattro navicelle spaziali e hanno integrato le loro orbite con ogni Pioneer e Voyager per capire quali fossero i sorvoli più probabili. Non dovrebbe sorprendere che Proxima Centauri sia stato il primo sorvolo di tre veicoli spaziali su quattro, poiché è il più vicino al Sole. Pioneer 10 e Voyager 2 potrebbero incontrarsi intorno a Proxima Centauri. L'altro incontro ravvicinato di Voyager 1 oltre a Proxima potrebbe essere una stella binaria. Voyager 2 potrebbe finire per avvicinarsi a una stella che si illumina di blu. Pioneer 11 sembra che farà le sue cose.

I futuri rilasci di dati da Gaia e altri sondaggi che forniscono velocità radiali per stelle più (specialmente più deboli) potrebbero rivelare sorvoli specifici e più ravvicinati, hanno concluso Bailer-Jones e Farnocchia.

Star Trek Voyager Warp 10

Peccato che nessuna di queste astronavi possa imbattersi in un meccanico alieno in grado di rinnovare la propria attrezzatura scientifica per teletrasportare indietro ciò che trovano nell'ultima frontiera.

(attraverso Note di ricerca dell'AAS )




^