Stephen King

Con il suo nuovo finale per The Stand, Stephen King risponde a una delle domande più antiche della sua fiction

>

C'erano molte ragioni per aspettare con impazienza il nuovo tentacolare adattamento di La posizione su CBS All Access quando è stato lanciato l'anno scorso, dal suo cast stellare alla possibilità che offrisse speranza in un momento oscuro con la sua storia di sopravvissuti alla pandemia che si uniscono per sconfiggere il male. Per i fan di lunga data di Stephen King, tuttavia, la cosa più allettante della miniserie è stata un nuovo contributo da King stesso: una scena 'coda' molto pubblicizzata che offrirebbe un nuovo senso di risoluzione all'epica storia della luce contro l'oscurità alla fine del mondo. Ora il finale della serie, e il nuovo finale di King, è arrivato, e con esso arriva una toccante risposta a una delle più grandi domande persistenti nell'enorme corpus di opere dell'autore.

**ATTENZIONE SPOILER! Ci sono spoiler per La posizione Episodio 9, 'Il cerchio si chiude', sotto.**

King è stato aperto in passato sulle sue difficoltà a scrivere La posizione, il romanzo ancora considerato da molti fan (me compreso) la sua opera migliore. Nella sua memoria Sulla scrittura: una memoria del mestiere , ha spiegato in dettaglio come a un certo punto il libro è quasi andato fuori dai binari perché aveva esaurito troppi fili narrativi. Si era fatto inciampare, finché non si era reso conto che una bomba nella Boulder Free Zone era un modo pratico per ridurne alcuni e semplificare il suo piano.



Questa è la storia più famosa delle lotte del libro, ma non è l'unica. Più avanti nello stesso passaggio del suo libro di memorie, King spiega di aver faticato anche a raggiungere una conclusione soddisfacente per la scena finale, in cui Frannie Goldsmith e Stu Redman mettono a letto il figlio e riflettono per un momento quale sia la loro lotta al seguito del Capitano I viaggi significavano.

Nel libro, questa riflessione termina con Stu che chiede a Frannie se pensa che 'la gente impari mai qualcosa', una risposta alla battaglia contro Randall Flagg che si è conclusa solo quando una bomba atomica (il più grande devastatore artificiale del mondo) è esplosa nel mezzo di Las Vegas. . In quel momento, Stu sta pensando al futuro, ai loro figli e ai figli dei loro figli, e si preoccupa se saranno effettivamente in grado di ricostruire il mondo senza ricorrere ai vecchi metodi di distruzione reciprocamente assicurata.

nostro archivio trasformatori

In risposta, Frannie dice semplicemente: 'Non lo so'.

Nel Sulla scrittura , King ha spiegato perché questa si è rivelata la risposta, e il suo ragionamento è semplice e comprensibile: non riusciva a pensare a nient'altro da dire per i suoi eroi che non suonasse superficiale o sdolcinato.

'A volte il libro ti dà risposte, ma non sempre, e non volevo lasciare i lettori che mi avevano seguito attraverso centinaia di pagine con nient'altro che qualche vuoto luogo comune a cui non credevo', ha scritto King, aggiungendo che lui non credevo La posizione aveva una 'morale' o che doveva avere.

Questo ci porta alla sequenza 'coda' nel finale della serie, 'The Circle Closes'. In questo nuovo materiale - che lo showrunner Benjamin Cavell ha descritto come un'opportunità per dare a Frannie una 'posizione' tutta sua, dopo che non può fare il viaggio a Las Vegas - King non arriva al punto di dare alla storia una 'morale'. ,' ma lui fa finalmente dare a Frannie una risposta alla domanda di Stu. Uno che è coerente con il resto della narrativa migliore e più ambiziosa dell'autore.

La nuova coda di King segue lo stesso percorso narrativo di base del romanzo. Frannie e Stu sono ancora partiti da Boulder per tornare nello stato natale di Frannie, il Maine, dove sperano di crescere il loro bambino e sostanzialmente iniziare una nuova zona franca sulla costa orientale. Si fermano anche in una versione della vecchia casa di Madre Abagail in Nebraska (anche se questo è meno palese nella miniserie) per riposare un po' in mezzo al grano. Ma è qui che King sceglie di lanciare una breve narrazione laterale costruita attorno al pozzo della vecchia casa, e la pompa a mano su di esso. Con Stu lontano in cerca di rifornimenti, Frannie precipita nell'oscurità e la fa opporsi a una versione sognante di Flagg, il cui spirito persiste anche dopo la sua sconfitta.

In quella che equivale a una sorta di 'Ultima tentazione di Fran Goldsmith' (che, vale la pena ricordare, ha tentato di porre fine alla sua vita all'inizio della miniserie), Flagg offre alla giovane madre qualcosa che il resto del mondo non è mai stato in grado di darle sulla scia di Captain Trips: certezza. In cambio di un bacio, le dice, lei può garantire la sicurezza del suo bambino e (forse per la prima volta dall'inizio della sua gravidanza) può farsi carico della narrazione. Frannie - che ha lottato così tanto per costruire una vita e una famiglia alle sue condizioni - vede la tentazione per quello che è e resiste.

quanti episodi ci sono in dragon ball z

In cambio, viene ricompensata non solo da una visione di Madre Abagail dal passato, ma da una versione apparentemente reincarnata della vecchia che emerge dal grano per tirarla fuori dal pozzo e guarire le sue ferite, solo per scomparire di nuovo. Poi, alla fine del loro viaggio, seduta su una spiaggia del Maine, Frannie ripete le parole che Madre Abagail le ha dato nel pozzo, che servono finalmente come risposta a quella domanda senza risposta del romanzo di King. Le persone imparano cose, si scopre, e Frannie ha imparato questo:

'La ruota gira, la lotta continua e il comando è sempre lo stesso. Essere vero. In piedi.'

Di per sé, l'ultima parola di Frannie sulla storia funziona come una toccante risoluzione delle sue lotte, mentre King articola la pace che ha trovato con la sua nuova vita dopo la sua tentazione, così come la comprensione che ora ha dell'oscurità che persiste nel mondo anche dopo la caduta di New Vegas. Nel contesto del canone King più ampio, tuttavia, dice qualcosa di ancora più potente, e come prova, King e il regista Josh Boone ci hanno offerto alcune uova di Pasqua da legare La posizione ancora più vicino al magnum opus della carriera di King, La Torre Oscura .

Le due opere erano collegate anche prima di questa miniserie, certo. La versione della Terra devastata da Captain Trips si rivela essere una versione della Terra all'interno del Torre Oscura multiverso a un certo punto della saga, e Randall Flagg è un'altra incarnazione di The Man in Black, lo stregone oscuro che funge da primo antagonista del Torre epico. All'interno di 'The Circle Closes', King e Boone tessono ancora più tessuto connettivo tra le due storie mostrandoci una tartaruga (un essere protettivo nei miti di King che appare anche in ESSO ) e ad un certo punto ha dato a Frannie un revolver e un cinturone antiquati, battezzandola così senza parole un pistolero come Roland Deschain, l'eroe di La Torre Oscura .

mortal kombat (1992 videogioco)

Roland, lungo la strada per la Torre nell'epopea di King, affronta numerose tentazioni, comprese varie possibilità di voltare le spalle alla sua ricerca e forse trovare un po' di felicità nell'arrendersi. Rifiuta, e mentre raggiunge la fine del suo viaggio, King tenta anche i suoi lettori. Nelle ultime pagine di La Torre Oscura VII , l'autore offre a Constant Reader una scelta: Continua a leggere e conosci la verità del finale, o fermati con una risoluzione netta e trionfante. Se scegli di voltare pagina, troverai Roland che ricomincia da capo, riprendendo la sua ricerca della Torre con la debole speranza che la prossima incarnazione del viaggio sia migliore.

La ruota gira. La lotta continua.

Dando a Frannie il pistolero una versione di quella stessa scelta e mostrandole che vince la tentazione di prendere la strada più facile, King si concentra ulteriormente La posizione nella cosmologia del suo lavoro, rendendolo non solo una storia della resistenza dell'umanità, ma dell'umanità persistenza . Nel mondo di Stephen King, il pozzo delle tenebre e del male esiste indiscutibilmente, in mostri sia umani che disumani. I suoi personaggi sono per sempre costretti a confrontarsi con questa verità e, sebbene lo facciano tutti in modi diversi, il messaggio travolgente del suo lavoro non è quello di fuggire dall'oscurità, ma di affrontarla e superarla. Questa è la risposta definitiva. Questo è ciò che impariamo. E ora che King stesso ha fatto scorrere migliaia di parole in più - e molte più visioni di oscurità, sia reali che immaginarie - attraverso il suo cervello, è in grado di dirlo senza pretese.

Essere vero. In piedi.




^