La Strega

'La strega' e 'L'invasione degli ultracorpi' fanno dell'orrore sia il conformismo che l'individualità

>

L'orrore parla di quell'estraneo ridacchiante che gratta alla tua porta. La domanda nel genere è sempre su quale lato del portale ti trovi. Sei con la comunità, combattendo la minaccia? O stai facendo il tifo per il mostro per sfondare e distruggere il peso ottuso dell'ordinarietà?

Da quella prospettiva, il film di Don Siegel del 1956 L'invasione degli ultracorpi , che compie 65 anni questo mese, e il film del 2016 di Robert Eggers La strega , che compie 5 anni, sono brutte e trasudano immagini speculari. ultracorpi parla di come i malvagi alieni pod si infiltrano nella piccola e sana cittadina californiana di Santa Mira degli anni '50. La strega parla di una famiglia buona, sana e timorata di Dio nel 1630 e di quanto sia divertente quando la loro figlia riesce ad abbandonare la loro noiosa ipocrisia per unirsi a un baccanale di streghe. Si potrebbe sostenere che tra il 1956 e il 2016, l'americanismo buono e sano ha iniziato a sembrare meno eroico e più simile alla morte. Le streghe di Eggers sono gli alieni di Siegel, ma con PR migliori.

Se guardi più da vicino nelle fauci del male e/o del bene, però, inizi a chiederti se anche il PR sia cambiato. ultracorpi ha tanta antipatia per la deindividuazione quanto La strega ; La strega diffida tanto della libertà quanto ultracorpi . Entrambi celebrano un individualismo americano che entrambi temono, e per una buona ragione.



< Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBCUniversal.

perso nello spazio toby stephens


^