Selvaggio Selvaggio Ovest

Wild Wild West compie 20 anni: ripensando a uno dei più grandi flop degli anni '90

>

Se hai familiarità con il lavoro di Kevin Smith, allora avrai sicuramente sentito la storia del suo incontro con Jon Peters. Quando a Smith è stata offerta la possibilità di scrivere la sceneggiatura per un film di Superman negli anni '90, ha incontrato il famigerato produttore premio Oscar per sostenere il suo caso. Peters, l'ex fidanzato e parrucchiere di Barbra Streisand che ha continuato a produrre Tim Burton's Batman , era una figura selvaggiamente divisiva e l'epitome dello stereotipo del produttore pazzo di Hollywood, come evidenziato nei suoi incontri con Smith. Come dettagliato in una delle sue storie più divertenti, Smith ha notato come Peters avesse tre clausole per il suo progetto Superman: Supes non poteva volare, non poteva indossare quel vestito e doveva combattere un ragno gigante nel terzo atto del film . Superman vive mai fatto (invece, guarda un documentario davvero divertente del suo mancato lancio), ma Peters non ha mai perso il sogno di quel ragno gigante.

Taglia al 1999 e al film Selvaggio selvaggio ovest . Cosa combatte Will Smith nel climax di quel film? Hai indovinato. Perché un ragno gigante? Chissà? Poi di nuovo, la confusione intorno a quel particolare punto della trama evidenzia semplicemente il disordine confuso che era il resto del film.

simpsons tree house of horror episodio
Selvaggio selvaggio ovest ha incassato $ 222,1 milioni da un budget di $ 170 milioni, rendendolo il primo indiscusso flop della serie positiva di Smith come protagonista. Ha spazzato via i Razzies del 1999 e ha vinto cinque premi su otto nomination, con la star originale della serie TV Robert Conrad che sembrava raccogliere i premi ed esprimere quanto fosse deluso dal film. Smith in seguito si è scusato con Conrad per il film, ma avrebbe ottenuto due nomination all'Oscar e alcuni dei più grandi successi commerciali della sua carriera. Steampunk non è mai decollato a Hollywood, nonostante altri sforzi di alto profilo, forse perché l'industria ha difficoltà a prendere sul serio un'estetica così seria. Anche in un'epoca di dominio dei supereroi, c'è qualcosa negli ingranaggi e nei cappelli a cilindro che è semplicemente troppo per loro.

Per quanto riguarda Jon Peters e la sua ossessione per il ragno gigante? Non fa un film da molti anni e i suoi crediti da produttore più recenti sono essenzialmente solo di nome, ma quando la possibilità di realizzare il film di Neil Gaiman l'uomo di sabbia è uscito nei primi anni 2000, ha cercato ancora una volta di portare il suo grande aracnide meccanico sul grande schermo. Incredibilmente, quel film non è mai successo.



Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^