Film Dell'orrore

Perché non possiamo distogliere lo sguardo dal sangue nei film dell'orrore

>

Qualche anno fa, durante un weekend di Halloween, mi sono abbuffata di guardare il Sega franchising. Sono un fanatico di un buon film horror, ma in genere mi sono bloccato con il soprannaturale e la fantascienza, evitando i film slasher e quelli in cui le scene macabre avrebbero potuto essere strappate dalla realtà. Il Sega film, che ruotano attorno al 'Jigsaw Killer', che intrappola e tortura le sue vittime con 'giochi' che mettono alla prova la loro volontà di sopravvivere, mi hanno lasciato emotivamente distrutto. Le scene di morte cruenti e i momenti che precedono la fuga di infiniti personaggi vulnerabili, sono tra i più macabri che abbia mai visto.

Chiamami un peso leggero, ma scavando il tuo bulbo oculare o avendo il tuo testa mutilata da un elmo caricato a molla e pieno di spuntoni è una scelta piuttosto raccapricciante e incasinata. Eppure, non potevo distogliere lo sguardo. Volevo nascondere i miei occhi, proteggere i miei sensi vergini dalla carneficina immaginaria e dallo spargimento di sangue, ma non è successo. Fissai, in attesa, mentre ogni secondo contorto passava. Dopo, ho messo in dubbio la mia moralità. Avevo delle tendenze nascoste da serial killer? La mia bussola morale si è rotta? A quanto pare, secondo gli esperti, non sono il prossimo Charles Manson. In effetti, sono perfettamente normale.

Quando guardiamo i film dell'orrore, siamo assaliti da una curiosità morbosa allo stesso modo in cui siamo paradossalmente attratti dalla scena di un incidente d'auto o di uno scandalo di celebrità. 'È una parte normale del carattere umano avere interessi sia sadici che, l'altra faccia della medaglia, masochisti', dice Gail Saltz , psichiatra e autore di Il potere del diverso: la differenza tra disturbo e genio . Di solito, spiega, questi interessi sono sublimati. In psicologia, la sublimazione è un meccanismo di difesa in cui impulsi o idealizzazioni socialmente inaccettabili vengono inconsciamente trasformati in azioni o comportamenti socialmente accettabili. Per avere un assaggio del macabro, alcune persone entrano nelle forze dell'ordine o diventano chirurghi. Altri guardano ore di finti omicidi.



jennifer lawrence nel film dei passeggeri

Caleb Wilde , un impresario di pompe funebri di sesta generazione e autore di Confessioni di un direttore di pompe funebri , disegna una connessione tra sesso e morte. Dice che entrambi rappresentano gli aspetti meno trascendenti del nostro essere, le basi più animalesche di chi siamo. Entrambi sono stati svergognati, in un modo o nell'altro, specialmente in Occidente. Con la morte, simile al sesso e alla pornografia, è la vergogna che ci fa guardare al sangue e al sangue. 'Penso che quando ignoriamo la morte, o quando la temiamo o quando non la coinvolgiamo nella nostra vita, la nostra reazione può essere quella di cercare questa 'pornografia della morte', dice Wilde.

I film dell'orrore sono un modo semplice per avvicinarsi alla morte, esserne toccati solo un po', ma senza esserne totalmente coinvolti. 'I film horror possono essere inquietanti, ma non è la cosa reale', dice Wilde. 'Non è la persona amata, non sono io, è immaginario, è qualcosa che possiamo fare indirettamente per affrontare le nostre paure'.

Dan Sellers, regista indipendente e proprietario di Produzioni di Wreak Havoc , crede che le persone siano attratte dai film horror perché c'è un grande valore di intrattenimento nell'esperienza della paura, ma in un ambiente controllato. 'Penso che sangue e sangue abbiano un'attrazione abbastanza primitiva, in quanto tutti abbiamo la capacità di sanguinare, ma non è necessariamente qualcosa che la gente vede regolarmente', spiega.

Margee Kerr , sociologo che studia la paura e autore di Scream: terrificanti avventure nella scienza della paura , concorda con Sellers sulla natura primordiale della curiosità morbosa e afferma che la tensione tra attrazione e repulsione è stata per secoli argomento di grandi pensatori. 'In Platone' Repubblica , Socrate racconta anche una storia di Leonzio, che cercò di coprirsi gli occhi quando vide i corpi dei morti dopo un'esecuzione, ma non riuscì a trattenersi e guardò comunque.'

Ci siamo evoluti per avere un pregiudizio alla negatività, il che significa che ci concentreremo prima e presteremo maggiore attenzione a cose che sono percepite come spaventose o minacciose. E la morte è in cima alla lista.

archivio del nostro my hero academia

'Forse vedere arti mutilati, parti del corpo in decomposizione e bagni di sangue in quell'esperienza controllata di andare al cinema offre uno strano livello di comfort, mascherato da eccitazione', afferma Sellers. Accenna verso il teoria del trasferimento di eccitazione , che gli esperti usano spesso per spiegare la nostra attrazione per i film di paura. La nostra frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la respirazione aumentano durante la visione di un film spaventoso. Questa eccitazione fisiologica persiste dopo la fine di un film. Le persone tendono ad associare inconsciamente questa intensa reazione fisica a un impeto di eccitazione. Quella 'eccitazione mascherata', come la chiamava Sellers, è spesso ciò che tiene le persone agganciate ai film di paura.

HorrorVillain_Results_Jigsaw.jpg

Kerr crede che ci possano essere dei benefici dalla visione del macabro, ma dipende da diversi fattori: se scegliamo volontariamente di vedere il materiale (abbiamo acquistato i biglietti per un film o in un posto come il Mutter Museum?), e se possiamo ci fermiamo impegnarsi con il materiale a piacimento (nessuno ti obbliga a guardare). 'A seconda del contesto, questo [film dell'orrore] può aiutare le persone ad affrontare alcune idee impegnative come la propria mortalità, o persino aiutarle a capire ed entrare in empatia con gli altri, attingendo davvero al valore e alla vulnerabilità della vita umana'.

i migliori episodi della serie animata di batman

Ma quanto sangue è troppo? 'Purtroppo, non c'è una risposta facile', dice Kerr.' 'Il punto in cui diventa cattivo o pericoloso dipende dall'individuo, dalle sue motivazioni, dallo scopo che la visione sta servendo e così via'.

Saltz dice che la persona interessata a dove tracciare la linea non è la persona di cui preoccuparsi. 'La persona per la quale la visione ripetitiva del sangue sarà un problema non è realmente preoccupata per una linea', spiega. 'Questo tende verso i sociopatici, nel senso che mancano un po' di empatia e un po' di autocontrollo necessario per seguire le regole.' Questi sadici trasgressori, come il serial killer, Charles Manson, o l'assassino immaginario, Jigsaw, traggono piacere dal causare dolore ad altre persone.

E, sì, anche i registi dell'orrore credono che ci sia una linea di confine su quanto lontano dovrebbe arrivare il sangue. 'Ci sono stati alcuni film horror che hanno superato il limite e sono semplicemente troppo cruenti o troppo violenti e quelli sono film che disturbano più che spaventare o eccitare', afferma Peter Paul Basler , regista e produttore svizzero-americano. Cita il primo episodio della settima stagione di Il morto che cammina , che ha ucciso due personaggi principali in modo estremamente cruento e ha suscitato indignazione tra i fan e i gruppi di controllo.

'Penso che se il cinema è fatto bene, allora forse va bene fissarsi sulle scene cruente perché quelle sono le scene che ripagano la suspense dell'edificio', dice Sellers. La famigerata scena della doccia in Psicopatico , che è una scena ben nota e celebrata, ne è un perfetto esempio. 'È così potente a causa di tutta la suspense che lo porta, e per quanto riguarda l'omicidio in sé e il sangue, riguarda tanto ciò che non vedi quanto ciò che ti viene mostrato', aggiunge.



^