Geekouture

Perché una gonna non è necessaria per Supergirl e Wonder Woman

>

I solchi di stile capitano ai migliori di noi, ma quando sei un supereroe con un aspetto immediatamente riconoscibile non è sempre facile deviare dalle aspettative. Quelli con poteri speciali non sono resistenti alle tendenze sartoriali, inoltre sarebbe terribilmente noioso se indossassero la stessa cosa giorno dopo giorno. Un intero armadio di opzioni si presenta nelle vite normali che i supereroi conducono come giornalisti o esperti di antichità, ma anche i loro costumi da combattimento possono beneficiare di un aggiornamento - e questo è qualcosa sia Supergirl e Wonder Woman stanno esplorando nelle loro prossime uscite.

Rompere la ruota dell'abbigliamento non è sempre facile, soprattutto quando si tiene conto del genere, ma Kara Zor-El (Melissa Benoist) e Diana Prince (Gal Gadot) stanno finalmente per abbandonare la gonna.

SUPERGIRL Nuovo Supersuit

Il CW



è mushu in mulan live action

quando Supergirl ha debuttato nell'autunno del 2015, il necessità di questo particolare dettaglio del costume era in discussione. Certo, la gonna fa parte del costume di Supergirl sin dal primo momento apparizione nel 1959 , ma non è poi così pratico in termini di movimenti del personaggio e di nasconderlo sotto il suo abbigliamento da ufficio (spesso aderente). C'è anche l'elemento di titillazione, che è stato parzialmente affrontato nel evoluzione del design nell'episodio pilota. Il primo ensemble che Kara prova consiste in pantaloncini corti e un top corto ritagliato, mentre continua a sottolineare che non lo indosserebbe nemmeno in spiaggia. Non ha questi scrupoli per la minigonna; piuttosto, il problema principale per Kara è ottenere il mantello che desidera. Il design è nato dalla vincitrice dell'Oscar Colleen Atwood, che è anche responsabile dei costumi dei supereroi su Il flash e Freccia - e come lei detto Varietà nel 2015 quando spiego il concetto del look, sento che c'è un vero amore per l'americana con Supergirl, e volevo davvero abbracciare quel cuore di donne.

C'è un aspetto stilizzato dei costumi dei supereroi, ma negli ultimi anni l'autenticità è diventata anche un importante fattore di design. Un costume che onori il materiale originale e allo stesso tempo si adatti a un'estetica del mondo reale è fondamentale per l'aspetto generale. Nel un'altra intervista dato lo stesso anno, Atwood ha spiegato: 'In Supergirl, mi piaceva molto il lato della persona 'reale' del suo personaggio e volevo che 'suonasse' in costume.' Ma come per i fumetti, in cui Kara ha indossato diversi look nel corso degli anni, è tempo di cambiare.

La Supergirl dei fumetti ha sfoggiato una varietà di abbigliamento nel corso dei decenni che ha abbandonato la gonna e ha abbracciato la moda di ogni rispettiva epoca. Negli anni '70, lei preso con i tempi in hot pants, maniche a sbuffo e top scollato. Il mantello aveva un dettaglio del girocollo che era molto di moda. Prima di questo, il Barbarella l'influenza era forte in un indumento che sembrava pronto per il costume da bagno, mentre fungeva da precursore dell'iconico vestito cut-out indossato da Julia Roberts in Bella donna .

quando torna la saga?
Supergirl

Credito: Stanley Bielecki Movie Collection/Getty Images

Nel 1984, Supergirl ha colpito il grande schermo con Helen Slater nel ruolo principale. È stato un anno di scaldamuscoli, minigonne, influenze preppy e spalline in continua espansione. Parte di questo spiega l'aspetto generale del costume di Supergirl, ma il suo era anche notevolmente simile a quello di Christopher Reeve. Superuomo abbigliamento (ed è andato per $ 20.000 all'asta l'anno scorso ). Prima della serie CW, questo è probabilmente il look più riconoscibile di Supergirl. Nonostante la lettura sia visivamente obsoleta, il riconoscimento dei caratteri è fondamentale per gli elementi promozionali. Tuttavia, è tempo di andare avanti e alcuni dei motivi per cui il cambiamento sta avvenendo ora rispecchiano il modo in cui Dress Reformers ha cercato di vendere pantaloni fino all'epoca vittoriana.

In un editoriale del 1851 per il giglio — il primo quotidiano negli USA diretto da e per le donne — Amelia Bloomer ha scritto sull'indossare un capo nuovo: pantaloni larghi che potevano essere indossati sotto una gonna, che consentivano una maggiore libertà di movimento. Elizabeth Smith Miller è stata accreditata per aver inventato i calzoncini, ma Amelia li ha messi sulla mappa, da cui il nome. Questo non è stato visto come una svolta alla moda, ma Bloomer non li stava spingendo su una piattaforma di moda né li stava sostenendo come un simbolo ideologico del suffragio. Piuttosto, erano i benefici per la salute che lei enfatizzava - essenzialmente, un cavallo di Troia dell'abbigliamento, in modo da non turbare coloro che volevano che le donne rimanessero in abiti restrittivi. Andare in bicicletta, fare piacevoli passeggiate e persino prendersi cura dei bambini erano ostacolati dall'abbigliamento vittoriano ingombrante e schiaccia-organi, e anche se questo non ha rivoluzionato l'abbigliamento femminile, è stata la scintilla che ha dato il via all'idea che le donne potessero indossare i pantaloni.

Storia dei pantaloni

Credito: Library of Congress/Corbis/VCG tramite Getty Images e Sasha/Getty Images

Più tardi, quando le donne hanno iniziato a indossare i pantaloni da adozione negli anni '20 e '30 - Voga prima messa pantaloni in copertina nel 1917 - ha incontrato resistenza. Marlene Dietrich era servizio rifiutato in un ristorante di Los Angeles nel 1933 e dovette cambiarsi in una gonna prima di sedersi.

Ma la seconda guerra mondiale ha cambiato tutto, non solo il numero di donne sul posto di lavoro, ma anche quello che era considerato un abbigliamento adatto. Ancora una volta, sottolineare questo elemento di praticità ha contribuito a venderlo ai membri rigidi della società.

Taglia al nuovo costume di Supergirl che è stato svelato poco prima dell'SDCC. Parlando con SYFY WIRE, Benoist ha spiegato che le fredde riprese notturne a Vancouver hanno influenzato la scelta:

Dal punto di vista logistico, avevo bisogno di qualcosa di un po' più pratico [perché] siamo in un posto freddo e la gonna con le acrobazie non sempre funzionava. Ma penso anche che sia una grande evoluzione e ci stiamo pensando da un po'.'

La produttrice esecutiva Sarah Schechter ha fatto riferimento al classico costume di Supergirl e ha anche gridato al fantastico design di Atwood. Tuttavia, era tempo per un nuovo vestito e Schechter ha sottolineato la crescita di Kara poiché ora riflette come lei vuole che il mondo la veda maturata. L'estetica da ragazza della gonna era una parte importante del look originale, mentre la tuta sembra sofisticata.

Questo non vuol dire che le gonne siano cattive (e tutti sono liberi di amare una minigonna); tuttavia, in questo mondo e con il prossimo Crisi sulle Terre Infinite evento crossover che si verificherà presto, ha senso per questo particolare aggiornamento del costume. Attuale Supergirl la costumista Victoria J. Auth ha creato questo nuovo look con Ironhead Studios e Bill Hargate Costumes. Queste sono le squadre che stanno dietro le altre recenti tute dei supereroi dell'Arrowverse, quindi l'aspetto di Kara si allinea visivamente con questa visione.

a che ora esce il pugno di ferro?
Poster del teaser di Wonder Woman 1984

Credito: Warner Bros Pictures/DC Entertainment

Liberandosi dall'estetica complessiva dei film che l'hanno preceduta, Diana Prince nel Wonder Woman 1984 il poster del teaser è gocciolato in oro con una tavolozza di colori audace e strabiliante. A differenza dei CW Supergirl , che ha guardato al passato per l'ispirazione dei costumi, l'incarnazione di Wonder Woman di Zack Snyder ha evitato i colorati pantaloncini da star per la pelle amazzonica. Una gonna di pelle blu smorzata (che viene brevemente sostituita da un abbigliamento più ampio del periodo degli anni '10 in Wonder Woman come disegnato da Lindy Hemming) è stato fondamentale per questa versione di Diana, ma sta anche abbandonando l'indumento a malapena a favore di un completo tutto dorato. Non è necessaria alcuna gonna per i leggings testurizzati, gli stivali alti fino alla coscia e l'armatura dorata adatta per Westeros, anch'essa disegnata da Hemming.

Il 1984 è stato l'anno Supergirl lanciato nelle sale cinematografiche, ma è anche l'anno in cui Diana Prince si ritrova per la prossima avventura guidata da Patty Jenkins. Considerando da quanto tempo sono in circolazione sia Supergirl che Wonder Woman, sarebbe terribilmente ripetitivo se indossassero la stessa cosa anno dopo anno. Nel frattempo, bilanciare il divertimento kitsch con il realismo grintoso è una linea difficile da percorrere, ma entrambi i costumi stanno colpendo nel segno. Perdendo la gonna, entrambi ottengono un fresco, divertente, e pratico upgrade del guardaroba che colpisce la tripletta sartoriale del supereroe.



^