X-Men: Giorni Di Un Futuro Passato

Perché sostituire Kitty Pryde con Wolverine in Days of Future Past è stata la cosa giusta da fare

>


ATTENZIONE: SPOILER per X-Men: Giorni di un futuro passato Seguire

X-Men: Giorni di un futuro passato è stata, per me, un'eccellente avventura supereroica, piena di drammi 'tutto è in gioco', tradimento 'così freddo che brucia' e azione di 'Hugh Jackman a torso nudo'. Ma ha solo una vaga somiglianza con la saga 'Days of Future Past' di X-Men #141 e #142, i fumetti su cui è basato il film. Sì, si tratta di inviare un X-Man indietro nel tempo per impedire a Mystica di assassinare una figura politica, riscrivendo così il futuro. Ma ci sono diversi cambiamenti che sono avvenuti nella traduzione, non ultimo il personaggio principale della storia: invece di Kitty tornare ad avvertire gli X-Men, come ha fatto nel fumetto, il compito è affidato a Wolverine nel film. .

Ovviamente, la decisione è stata presa sulla base dell'appello al botteghino. Hugh Jackman, che interpreta il mutante che amiamo amare, è un successo provato - così come il personaggio, che si è procurato due film indipendenti, entrambi con buoni numeri - Le origini di X-Men: Wolverine e il ghiottone ha guadagnato $ 373 milioni ha guadagnato $ 414 milioni, rispettivamente, al botteghino.



Ma non si tratta solo di star power.Bryan Singer potrebbe aver avuto un motivo speciale per dare a Wolverine un posto sulla lastra del viaggiatore del tempo.

Ai tempi di 'Days of Future Past', Kitty, che è stata introdotta nel numero 129, era relativamente nuova per gli X-Men ed è persino svanita per diversi problemi quando la trama si è spostata verso la saga di Phoenix. Ma era chiaro che Kitty fosse...timida e spaventata, e solo in 'Days of Future Past', quando incontriamo il suo futuro sé, Kate, incontriamo il supereroe che doveva essere.

Nel frattempo, Wolverine era già quel supereroe e, essendo un uomo con una lunga vita, è già un adulto in passato. Se pensi alle prove e alle tribolazioni di una ragazza di 13 anni che cerca di convincere gli X-Men della sua veridicità - e questo era, in effetti, un ostacolo nel fumetto - rallenta la trama. Wolverine può, e lo fa, colpire il suolo (e chiunque sulla sua strada) correndo.

Non che non inciampi. Essere persuasivi non è il punto forte di Wolverine, e il film ne trae pieno vantaggio drammatico. Apre anche alcune eccellenti opportunità per lo sviluppo del personaggio e il dialogo che non sarebbero potute accadere con Kitty, come quando il giovane Xavier riconosce Wolverine dal suo (brevissimo) cameo in X-Men: Prima Classe .

Anche se sarebbe stato meraviglioso vedere Kitty trasformarsi da timida a capace in un istante – e l'attrice Ellen Page ha assolutamente le carte in regola per farcela – questo non è quel film. In effetti, il film non è nemmeno di Wolverine. È di Charles Xavier.

Sono le lotte del Professor X con i suoi poteri e la sua mobilità che sono al centro di questo film, e Wolverine è solo l'obiettivo attraverso il quale vediamo il suo mondo... che è esattamente il modo in cui vediamo le cose nel film del 2000 del regista Bryan Singer, X-Men .

Rendendo Wolverine, e non Kitty, un personaggio focale, Singer ha chiuso il cerchio con la sua storia.



^