Opinione

Perché Never Let Me Go è più tempestivo (e doloroso) ora che mai

>

È ironico che Non lasciarmi mai andare è stato quasi ignorato al momento della sua uscita iniziale 10 anni fa questa settimana, ma gli eventi recenti lo hanno dolorosamente, purtroppo, reso più rilevante che mai.

Diretto da Mark Romanek e adattato da Alex Garland ( Ex machina ) dal romanzo distopico di fantascienza del 2005 di Kazuo Ishiguro, Non lasciarmi mai andare esiste in un mondo molto simile al nostro, uno che dà un premio alla vita e allo stesso tempo la tratta (e i suoi componenti chiave) come se non valessero nient'altro che pezzi di ricambio. Grazie a un esperimento del 1952, l'umanità è riuscita ad aumentare la propria aspettativa di vita oltre i 100 anni. Quell'esperimento ha portato alla riproduzione di cloni, chiamati donatori, per fornire organi vitali a coloro che possono permetterseli. Gli esseri umani vengono fotocopiati, vivono vite parallele a quelle che un giorno avranno bisogno degli organi e dei tessuti di cui questi donatori hanno bisogno per sopravvivere, con il costo di una vita la cui esistenza è di servire solo il materiale di partenza quando si guasta.

Poiché una pandemia ci tiene (la maggior parte di) nelle nostre case e lontano dalle nostre famiglie, è difficile non chiedersi perché gli altri rischierebbero di far ammalare se stessi o gli altri non indossando una maschera fuori - o partecipando eventi superspreader in massa - come se ci fossero backup come Kathy (Carey Mulligan), Tommy (Andrew Garfield) e Ruth (Keira Knightley) in attesa dietro le quinte. In realtà, tutto ciò che abbiamo siamo noi. E l'un l'altro.



x-men jeans grigio

Mentre la santità della vita sembra frustrantemente persa per la maggioranza della popolazione attuale, è in prima linea nelle menti dei donatori. È un'amara ironia nel film che gli unici che apprezzano e apprezzano quanto sia speciale l'esistenza (i donatori) sono quelli che esistono solo per aumentare la durata della vita di una società che dà la vita per scontata. Che questa consapevolezza intrinseca di una vita da vivere ricade su quelli progettati per estendere quella vita si manifesta all'inizio del film, specialmente con il personaggio di Kathy. La sua voce fuori campo trasmette i dettagli chiave della costruzione del mondo, come il modo in cui ogni donatore - la parola clone non viene mai usata - dovrebbe dare fino a quattro contributi sulla strada per essere completo, che nel mondo di Non lasciarmi mai andare è un eufemismo per morire. La società e coloro che sovrintendono a Kathy e ai suoi amici usano tale terminologia per giustificare ciò che stanno facendo e ciò che devono fare i donatori. Crea una separazione, una distanza emotiva, che consente agli umani che tirano i fili di evitare per lo più di dover vedere i loro burattini come qualcosa di diverso da quello.

I donatori hanno un'anima. E sogni, dolori, speranze e paure. Proprio come noi. Non si perdono nulla: è il rifiuto volontario di tutti gli altri di riconoscere o valutare i donatori per quello che sono. Sono meno di, anche se i loro servizi non hanno prezzo. Prendersi cura di loro come qualcosa di più che donatori richiede un costo morale che è troppo da sopportare, ma abbastanza da giustificare il sacrificio della nostra etica per avere la possibilità di migliorare il nostro benessere, per continuare a vivere più a lungo in modi che convalidino e consentano più compromessi etici. Ciò che viene fatto per aggiungere anni alle nostre vite svaluta il significato di quelle vite perché la loro estensione arriva al prezzo di quelle considerate sacrificabili. Il che vanifica del tutto lo scopo di prolungare la vita.

È ancora più un pugno nello stomaco quando vediamo come possono essere i giovani donatori quando vengono raccolti per la prima volta. (La maggior parte nei loro primi anni '20). O che Kathy, una badante di 28 anni che deve ancora fare la sua prima donazione, ha più compassione ed empatia per la vita di quelle per cui vive letteralmente. Per qualcuno creato in un laboratorio e senza genitori, i donatori sembrano più umani della maggior parte degli umani. Anche se il fegato, i reni e, alla fine, il cuore vengono estratti da loro fino alla morte, i donatori non perdono mai di vista ciò su cui è fin troppo facile per questa società chiudere un occhio.

Cresciuti a Hailsham, un collegio progressista per donatori gestito dalla direttrice Miss Emily (un'eccellente Charlotte Rampling), Tommy, Ruth e Kathy sono sottoposti a un mondo che nega loro un senso di autonomia mentre sono orgogliosi di quante volte ogni donatore ha ha dato un contributo a quel mondo. Ma anche in confini così compromessi dall'identità, sembra esistere il potenziale per una delle caratteristiche più distintive della vita umana: l'innamoramento. Qui, il romanticismo è la salvezza letterale; col passare del tempo, il nostro trio di donatori si rende conto della possibilità di una sospensione del servizio se i donatori possono dimostrare di essere innamorati. Questa nuova informazione arriva quando Kathy inizia una storia d'amore con Tommy ma, come i due amanti, è di breve durata. Perché Ruth e Tommy alla fine si innamorano e rimangono una coppia per la maggior parte del loro confino a Hailsham.

L'amore che potrebbe liberarli finisce per legarli ancora di più al loro destino. Ancora una volta, i donatori sono capaci delle stesse manipolazioni e del dolore di coloro che ricevono i loro organi, come apprendiamo qualche tempo dopo la fine della relazione di Ruth e Tommy. L'ex coppia è entrambe fragili a causa di una serie di donazioni, con il dolore di Ruth aggravato dal grande senso di colpa per non aver mai amato davvero Tommy. Amava l'idea di lui e vi si aggrappava egoisticamente per non dover sopportare l'esistenza da sola. Quel senso di colpa lascia il posto a un senso di redenzione, mentre Ruth cerca di aiutare Kathy e Tommy a riaccendere ciò che lei ha negato loro anni fa, e metterli sulla strada del rinvio, prima che Ruth muoia sul tavolo operatorio.

Tommy e Kathy devono scoprire che il sacrificio alimentato dal senso di colpa di Ruth è stato vano perché non c'è rinvio. Faceva tutto parte di un altro esperimento: usare Hailsham per studiare se tutti tranne i donatori umani sono capaci dell'amore che solo i veri umani mostrano. Se davvero hanno un'anima.

Le ramificazioni etiche di questa rottura Tommy, prima che un'ultima donazione lo uccida. Kathy è rimasta con il ticchettio dell'orologio mentre si avvicina l'inizio delle sue donazioni. La sua inquietante voce fuori campo negli ultimi momenti del film dice quello che tutti abbiamo pensato: qual è il punto di usare (o non usare) la sua vita per estendere gli altri quando ogni parte alla fine subisce lo stesso destino? Sono tutti completi. Proprio come dobbiamo chiederci come non indossare una maschera o uscire per un brunch sia utile a noi e al bene collettivo in questo momento, in un momento in cui il bilancio delle vittime quotidiano ci ricorda come la vita sia allo stesso tempo preziosa e apparentemente data per scontata.

viviamo in una società burlone

A dieci anni dalla sua uscita nelle sale, Non lasciarmi mai andare è uno sguardo sottovalutato e impenitente su cosa significa vivere veramente contro semplicemente esistere. E, come tutta la buona fantascienza, il film usa il genere come uno specchio per il pubblico per dare uno sguardo lungo e duro alla realtà e, si spera, ispirarli a fare qualcosa quando non gli piace ciò che vedono riflesso.

Perché se i pezzi di ricambio possono apprezzare il valore di tutta la vita, forse, un giorno, anche noi possiamo.



^