Netflix

Perché Trollhunters di Netflix è uno dei migliori programmi per bambini per adulti nel 2018?

>

C'è sempre stato un certo stigma sul fatto che i programmi TV animati siano uno stupido intrattenimento per bambini, ma viviamo in un'epoca di Peak TV, dove i cartoni sempre più acclamati dalla critica si rivolgono anche a un pubblico più anziano. Uno di questi ha appena concluso la sua terza e ultima stagione: Netflix's Cacciatori di troll . Laddove molti spettacoli animati realizzati per il pubblico più giovane si concentrano solo sull'essere divertenti e tendono ad essere piuttosto semplici, questo spettacolo di Guillermo del Toro trova il giusto equilibrio tra adatto ai bambini e serio. Seriamente, quanti programmi animati rivolti ai bambini presentano esorcismi o cannibalismo implicito?

Esistono troll, goblin, gnomi e folletti. Ci sono troll buoni e troll cattivi. I troll malvagi vivono in un luogo chiamato Darklands, dove sono imprigionati. I buoni troll sono protetti dal loro guerriero prescelto, chiamato Trollhunter.' Seguiamo James Jim Lake Jr, un quindicenne che un giorno trova un mistico amuleto, che gli conferisce il mantello e i poteri del Trollhunter.

Ci sono alcuni riferimenti a Peter Parker con un grande potere da cui derivano grandi problemi di responsabilità Uomo Ragno , ma lo spettacolo deve chiaramente molto a Buffy l'ammazzavampiri . Studente delle superiori con una mamma single in una piccola città? Dai un'occhiata. Uno scelto per combattere contro creature oscure di cui il resto del mondo non è a conoscenza? Dai un'occhiata. Squadra composta dai compagni di scuola dell'eroe che aiuterà a combattere il male? Dai un'occhiata. Mentore che preferisce leggere piuttosto che combattere? Dai un'occhiata.



Per i primi episodi, Cacciatori di troll dedica la maggior parte del suo tempo a Jim cedendo alla sua chiamata mistica per mantenere un senso di normalità nella sua vita. Lo stesso Clancy Brown (che doppia il cattivo principale Gunmar) ha paragonato lo spettacolo a Harry Potter in un'intervista a SYFY WIRE : Inizia molto giovane e sembra una specie di spettacolo per bambini, e i troll non sono troppo spaventosi e le storie sono un po' semplici.

Come i primi due libri della saga dei maghi, del Toro's Cacciatori di troll fa appello a un pubblico più giovane concentrandosi sui problemi quotidiani a cui possono relazionarsi, con un tono pesantemente comico che sottovaluta i prossimi thread. I conflitti ruotano tutti intorno alla vita scolastica di Jim, ad esempio se può imparare o meno la storia dei troll e arrivare comunque in tempo per le prove teatrali, o come può fare la sua presentazione per la lezione di spagnolo e combattere uno gnomo mentre è miniaturizzato allo stesso tempo. I troll principali che incontriamo sono amichevoli e divertenti - non è una sorpresa quando il mentore di Jim è interpretato da Kelsey Grammer - e anche il bullo della scuola viene curato piuttosto rapidamente e in modo divertente.

La prima stagione dello show è incredibilmente veloce per uno spettacolo animato. Non c'è un momento sprecato mentre Jim realizza la serietà della sua nuova posizione e i personaggi maturano man mano che la storia diventa progressivamente più oscura. Sebbene il lasso di tempo di Cacciatori di troll non è chiaro, possiamo vedere i personaggi principali crescere e maturare tanto quanto il maghetto o il nomade dell'aria. Il defunto grande Anton Yelchin dà a Jim la meraviglia con gli occhi spalancati di un bambino e tutte le preoccupazioni e le ansie di un adolescente con troppo nel piatto. Presta la sua gravità al personaggio mentre Jim abbraccia la sua vocazione di protettore e come ciò significa che lui e i suoi cari saranno presi di mira.

Ora le minacce del mondo dei troll e della scuola si intrecciano e lo spettacolo diventa serializzato - aiuta anche il fatto che la storia abbia introdotto cattivi su entrambi i lati della vita di Jim, quindi ogni aspetto della storia ha ancora un pericolo per la vita. In cui si Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria ha dedicato più della metà di ogni stagione a storie secondarie mentre costruiva un finale a puntate, Cacciatori di troll va dritto al punto dopo pochi episodi nella sua prima stagione, introducendo cattivi più grandi e una mitologia in continua espansione da sviluppare ulteriormente negli episodi successivi.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^