Netflix

Perché Neon Genesis Evangelion colpisce Netflix è un grosso problema?

>

Neon Genesis Evangelion i fan sono abituati a grandi impatti. La trama stessa dell'iconica serie anime degli anni '90 segue le conseguenze di un evento chiamato 'Second Impact', l'alba di un 'Third Impact' e le battaglie risultanti tra mostri giganti e robot giganti con adolescenti ai comandi. Ma venerdì potrebbe essere stato l'evento di maggior impatto nella storia della serie, dato che l'intera cosa è ora in streaming su Netflix. È un grosso problema per una serie di motivi.

L'anime di 26 episodi, trasmesso originariamente dal 1995 al 1996, è uno degli anime più importanti e influenti della storia. Creato da Hideaki Anno, Neon Genesis Evangelion inizia come un elegante anime robot gigante e gradualmente si trasforma in un'esplorazione sconvolgente della depressione, sostenuta da animazioni elettrizzanti, combattimenti brutali e personaggi memorabili. La serie ha fatto scalpore negli Stati Uniti così come in Giappone, e oggi sarebbe difficile trovare un anime che non sia stato influenzato, in qualche modo, da Neon Genesis Evangelion .

Eppure, fino a quando Netflix non ha ottenuto i diritti di streaming della serie, era quasi impossibile guardare la serie, legalmente o illegalmente.



Neon Genesis

Credito: Netflix

Alla fine degli anni '90, era abbastanza facile (anche se un po' costoso e dispendioso in termini di spazio) acquistare la serie completa su nastri VHS, con due episodi su ciascun nastro. Poi le cose hanno iniziato a farsi un po' complicate.

Vedere, Neon Genesis Evangelion - o vigilia , come viene spesso chiamato — ha più finali. C'è il finale nello spettacolo vero e proprio, un film teatrale che essenzialmente sostituisce gli ultimi due episodi chiamati Fine dell'Evangelion , e un altro film che è una specie di clip-show con 30 minuti di nuovo materiale intitolato Morte e rinascita . Tuttavia, la società che ha gestito l'uscita americana della serie, ADV, non ha concesso in licenza i film e ci è voluto molto tempo prima che un'altra società li rilasciasse. Le versioni bootleg hanno prosperato nel frattempo.

All'inizio e alla metà degli anni 2000, era ancora possibile ottenere eleganti cofanetti di DVD della serie di 26 episodi, ma Fine dell'Evangelion non era incluso e ottenere una copia - contraffatta o legittima - era difficile. Guardare l'intera serie spesso implicava sperare che la versione bootleg che stavi acquistando su eBay avesse effettivamente il contenuto che stavi cercando e che la qualità non fosse così male da essere inguardabile.

Le cose sono diventate ancora più difficili per l'americano vigilia fan una volta che il mercato del DVD ha iniziato a vacillare con l'ascesa dello streaming. ADV, la società che deteneva i diritti della serie, è fallita nel 2009. I diritti alla fine sono tornati al creatore della serie, Hideaki Anno. Per quasi un decennio, non ci sono state nuove versioni fisiche della serie e nessuna società americana ha voluto pagare per i diritti (presumibilmente molto costosi) per lo streaming della serie. Più vigilia i fan potevano solo sperare di ottenere una versione di terza mano, possibilmente contrabbandata e forse incompleta, della serie.

Neon Genesis Evangelion

Credito: Netflix

Entra in Netflix, che ha ottenuto i diritti di streaming sia per la serie principale che per i vari finali dei film. Per la prima volta in un decennio, e certamente nel modo più semplice e meno costoso, le persone possono guardare vigilia , che sia la loro prima volta o semplicemente il loro ultimo rewatch.

In realtà, l'unica cosa che manca all'uscita di Netflix (a parte il doppiaggio inglese originale, che è stato sostituito da uno nuovo di zecca con nuovi doppiatori) è la canzone che suonava nei titoli di coda. Apparentemente Netflix non ha ottenuto i diritti per lo standard jazz 'Fly Me to the Moon'. Per i fan di vecchia data, è una triste assenza, ma, diamine, almeno è possibile guardare Neon Genesis Evangelion e poi saltare su YouTube per ascoltare 'Fly Me to the Moon'.




^