Hayao Miyazaki

Perché il mio vicino Totoro è altrettanto incantevole 30 anni dopo?

>

Alcuni bambini credono in Babbo Natale o giurano che la fatina dei denti esiste. Altri in realtà ballano con gli spiriti della foresta che fanno crescere enormi alberi dal nulla e hanno uno strano fascino per gli ombrelli.

il mio vicino Totoro (Tonari no Totoro) evoca la magia da quando è nato dal cervello della leggenda dell'animazione Hayao Miyzak i. La creatura titolare - Miyazaki insiste che è una creatura e non lo spirito della foresta che in seguito è stato interpretato come - è emersa dalla sua immaginazione mentre stava scrivendo una storia per un libro per bambini. Alla fine sarebbe diventata la mascotte dello Studio Ghibli e si sarebbe materializzata in altri film Ghibli tra cui Pom Poko, il servizio di consegna di Kiki e La città incantata, dove cammina con nonchalance attraverso lo stabilimento balneare di Yubaba.

Non ci sono supereroi, ragazze magiche o battaglie epiche a Totoro. E mentre questo fa parte del suo fascino, inizialmente era una grave preoccupazione. Miyazaki temeva che la magia quotidiana dell'infanzia sarebbe passata inosservata perché si svolgeva nel Giappone rurale invece dei fantastici fondali che erano così cruciali per i suoi precedenti film d'animazione, Nausicaa della Valle del Vento e Castello nello Sk y. E così Totoro è stato rilasciato come parte di un doppio lungometraggio con il suo inquietante film del dopoguerra Tomba delle lucciole soprattutto per paura che non reggesse al botteghino.



il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

Le sue preoccupazioni erano inutili, le sue preoccupazioni infondate; Totoro è stato un enorme successo. Miyazaki non aveva bisogno di magia, poiché ha immaginato qualcosa che gli riportasse panorami mozzafiato del Giappone così come lo ricordava durante la sua infanzia a metà degli anni '50, un'era molto prima dei videogiochi e degli smartphone, quando i bambini giocavano ancora fuori e non avevano t ancora dimenticato come fingere. Lui e il direttore artistico Kazuo Oga sono stati ispirati dalla tranquilla bellezza di satoyama , o terreni agricoli ai margini di una foresta, e colori trovati in natura, utilizzandoli per illustrare il film come se fossero acquerelli. Ogni foglia, filo d'erba, girino e lumaca è resa così meravigliosamente che la loro visione della natura è nientemeno che ultraterrena, anche se la storia non lascia mai la Terra.

neca tartarughe ninja mutanti adolescenti

Poiché voleva riflettere la meraviglia che vedeva attraverso i suoi occhi da ragazzo, Miyazaki ha evitato qualsiasi riferimento ai racconti popolari giapponesi, vedendo il paese attraverso l'obiettivo di un ragazzo di città recentemente sfollato. Il film vive e respira anche con la convinzione shintoista che ogni cosa abbia uno spirito, dando a ogni cosa nei campi e nelle foreste una vita propria.

Totoro è stato ben accolto quando è apparso per la prima volta nelle sale cinematografiche nel 1988, con i critici che hanno elogiato i suoi sfondi da sogno e la nostalgia dell'infanzia. Cattura quei momenti di innocenza fugaci come i giorni estivi trascorsi a correre a piedi nudi sull'erba, che durano solo fino al tramonto ma rimangono per sempre nella memoria. Ci sono stati diversi romanzi del film e un cortometraggio anime che esplora il personaggio di Mei mentre interagisce con curiosi veicoli felini a molte zampe in Mei e il Kittenbus .

Capitan America guerra civile
il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

Quando Satsuki e Mei Kusakabe si trasferiscono in campagna con il padre per essere più vicini all'ospedale dove la madre si sta riprendendo da una lunga malattia, iniziano a scoprire cose soprannaturali che appaiono solo quando desiderano essere viste. La casa in cui si trasferiscono è stata abbandonata così a lungo che ora è infestata da folletti di fuliggine, quelle creature di polvere nera sfocata con due occhi e senza bocca che si vedono anche passare intorno alle stelle arcobaleno in La città incantata .

Mentre gioca nei campi assolati e segue una strana creatura simile a un coniglio nella foresta profonda e lussureggiante, Mei scopre un antico albero di canfora e sbircia attraverso una cavità nel suo tronco. Cade a testa in giù e atterra sotto un baldacchino dove incontra una gigantesca creatura pelosa che chiama Totoro (la pronuncia errata di una ragazza del tororu giapponese, o troll). Satsuki sembra credere a sua sorella riguardo al Totoro, ma è ansiosa di vederlo davvero, e lo fa una notte mentre lei e Mei aspettano l'autobus del padre sotto la pioggia battente. Totoro sale a bordo di un suo peculiare autobus.

Il Totoro dà a Satsuki e Mei un dono di ghiande avvolte in una foglia, che poi piantano nel loro orto. Una sera, mentre stanno per addormentarsi, Totoro e i suoi amici eseguono una danza cerimoniale e un enorme albero germoglia dal terreno. L'albero svanisce al mattino, ma lascia dei germogli. Mei poi scappa in ospedale quando sente che il ritorno a casa di sua madre è stato ritardato. Satsuki si imbatte in Totoro e, non sapendo cosa fare, implora il suo aiuto. Egli convoca il Catbus (che è esattamente quello che sembra) per portarla da sua sorella e tornare a casa prima dell'alba.

Alcuni momenti del film che ci incantano ancora a trent'anni di distanza:

il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

quando inizia il pugno di ferro su netflix?

Quando sai che la tua casa è infestata, ma non dai fantasmi

Satsuki e Mei prima presumono che gli spiriti incorporei stiano sferragliando nella polvere, ma intravedono rapidamente gli spiriti di fuliggine che scappano troppo velocemente per essere catturati, lasciando solo le loro mani e piedi striati di fuliggine. Anche il padre crede in loro (come crede a tutto quello che poi gli diranno su Totoro e il Catbus). Con così tanti personaggi genitori nei film che sono stereotipicamente cinici e spazzano via quelle che pensano siano fantasie infantili, è rinfrescante vedere scintille di meraviglia in un adulto, ed è proprio lui a spiegare cosa sono i gremlins alle ragazze. Non vorremmo tutti che i nostri genitori fossero così quando fingevano di essere la fatina dei denti?

il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

Quel momento in cui ti rendi conto che qualcosa che potevi solo immaginare esistesse davvero

Immagina di atterrare in un luogo sconosciuto dall'altra parte di una cavità di un albero solo per imbatterti in un'enorme massa pelosa che si rivela essere un'enorme creatura addormentata. Chiunque sia più grande di Mei probabilmente si sarebbe tirato indietro, soprattutto dopo aver visto quegli artigli, e il fatto che non sia spaventata dalla voce muggita che le manda una folata di vento tra i capelli mentre dice qualcosa che sente come Da-a-ro dice qualcosa su un certo coraggio che svanisce con l'infanzia. Anche il potere della creatura non spaventa uno spirito innocente che vede il mondo come un luogo dove la magia si nasconde dietro ogni roccia e fiore.

il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

spawn (film in uscita)

Il sogno che non è davvero un sogno anche se sembra essere un sogno

Quando Satsuki e Mei spiano Totoro e i suoi amici in uno stato di stordimento, si è tentati di pensare che potrebbero essere scivolati in un paesaggio onirico in cui accadono cose improbabili e persino impossibili, ma le creature pelose che si aggirano per il giardino per lanciare un incantesimo su le ghiande che le ragazze avevano piantato sono reali e tangibili come l'erba fresca tra le dita dei piedi. Totoro è pieno di stravaganze anche se non è una delle avventure più selvagge di Miyazaki. La creatura fa materializzare davanti a sé una trottola che li trasporta tutti in cima all'albero che sfiora il cielo notturno.

il mio vicino Totoro

Credito: Studio Ghibli

Ti sei appena trovato nella corsa più assurda e meravigliosa di sempre

Il Catbus, che Totoro usa per spostarsi quando non sta fluttuando sui rami più alti di un albero, è un ghignante veicolo felino che unisce il gatto del Cheshire con un millepiedi. I suoi fari sono topi con occhi rossi luminosi e apparentemente ha il DNA che gli dà l'interno di un autobus, tranne che molto più peloso. Come Totoro e le altre strane creature del film, si rende visibile solo a chi desidera. Cambia persino la destinazione sulle sue terre di visualizzazione dove Mei è in un balzo e si dirige all'ospedale in un altro. Non dirmi che non avresti scambiato volentieri quell'auto di plastica a batteria che avevi da bambino con una di queste.

ritorno al futuro 3 finale

Sei ancora stregato dallo Studio Ghibli? Hai mai creduto che ci fossero più di semplici uccelli e scoiattoli nei boschi? Hai segretamente un Totoro di pezza da qualche parte? Fatecelo sapere nei commenti (non lo diremo)!



^