Interviste

Perché i cattivi della seconda stagione di The Punisher della Marvel sono nazisti religiosi, alt-right e russi

>

Come prodotto della guerra del Vietnam, The Punisher è un personaggio intrinsecamente politico, un'incarnazione ambulante, parlante e armata di veterani arrabbiati e di identità tipicamente americana. Dal suo debutto nel 1974, Frank Castle è stato spesso cooptato da attivisti politici (e radicali) del mondo reale per la propria agenda; è stato con grande dispiacere del creatore del personaggio , Gerry Conway, ma forse prevedibile per un vigilante antieroe con un debole per la violenza di massa.

Sam e Dean Winchester stagione 1

Gran parte della serie Netflix sul Punitore riguardava le prese con il posto del personaggio nel mondo moderno e come si muove dal trauma della guerra (qui, ha combattuto nella Guerra al Terrore) e l'omicidio della sua famiglia, un vero doppio smacco. La parte più apertamente politica della prima stagione è stata la rappresentazione del disturbo da stress post-traumatico e dei veterani che tornano danneggiati dai loro turni di servizio, solo per essere ignorati dal governo che li ha mandati lì; per la maggior parte, si trattava del viaggio di un uomo. Ma la seconda stagione dello show, che ha debuttato venerdì, ha una visione più ampia, chiedendo nella sua narrativa come Frank possa esistere nella società civilizzata, e forse più filosoficamente, per chi combatterebbe il Punitore in una nazione fratturata che soffre di più violenza armata. , estremismo politico e terrorismo interno come mai prima d'ora.

I cattivi ideologici di questa seconda stagione sono il fanatismo di estrema destra, l'avidità e la malavita russa, i tre principali contributori alla coalizione empia della politica reazionaria più moderna. Frank è alle prese con una cospirazione di corruzione e inganno, imposta da un sicario cristiano puritano di nome John Pilgrim (interpretato da Josh Stewart). Sulla base del trailer, i fan hanno ipotizzato che fosse davvero un personaggio Marvel chiamato The Mennonite, e mentre Lightfoot si è ispirato a quel personaggio, ha anche mescolato cenni a film come La notte del cacciatore e altre convinzioni estremiste. Più di una volta, la telecamera si sofferma sui resti sbiaditi di un tatuaggio della Croce di Ferro sul petto di Pilgrim, prova incancellabile del suo passato nazista.

'Riguardava qualsiasi tipo di fanatismo, qualsiasi fede in qualcosa al punto che chiunque non sia d'accordo con te può essere ucciso, o è meno che umano, è una brutta cosa', ha detto Lightfoot a SYFY WIRE. 'I pellegrini muoiono. Faceva parte di una tribù dei nazisti, roba di estrema destra, perché aveva solo bisogno di appartenere a qualcosa. In un certo senso, è stato salvato da questo grazie a qualcos'altro in cui credere, ma se ci credi fino al livello che sceglie, può diventare una cosa negativa.'

The Punisher Stagione 2 Netflix

Credito: Netflix/Marvel Television

giocattoli delle tartarughe ninja mutanti adolescenti degli anni '80

Uno dei motivi per cui Lightfoot ha scelto di non identificare Pilgrim come The Mennonite è stato il pericolo di un'ampia applicazione. 'Non l'ho fatto deliberatamente perché non volevo dire che questa particolare fede o credo [è cattiva]. Perché non volevo attaccare le persone in quel modo,' ha detto. 'Penso che la fede sia una grande cosa. Penso che guidi un sacco di bene nel mondo, ma penso che se credi in qualcosa al punto che chiunque non sia d'accordo con te è il nemico, allora non può mai finire bene.'

Ma Pilgrim è certamente un cristiano evangelico fanatico, ossessionato dalla purezza e desideroso di ripulire le sporche strade di New York con il sangue. Si autoflagella spesso per fare penitenza per i suoi difetti umani e funge da strumento per una coppia di mentori manipolatori che combinano gli aspetti peggiori della religione di estrema destra e l'ambizione degli affari.

Gli Schultze, una coppia di anziani interpretata da Corbin Bernsen e Annette O'Toole, sono miliardari che gestiscono un culto di una piccola città e un impero globale corrotto. Quando SYFY WIRE ha suggerito che Pilgrim rappresentasse l'alt-right moderno, Lightfoot è stato attento a sottolineare che lo spettacolo non lo identifica mai in modo specifico in quel modo, ma circa a metà stagione, i piani di Schultz si collegano a quel movimento. La protetta accidentale di Frank, Amy (Giorgia Whigham), mette insieme i pezzi di uno schema di ricatto in disfacimento e gli obiettivi di Schultz diventano chiari.

'Fondamentalmente stanno comprando il Congresso, un piccolo pezzo alla volta', dice. 'Gestiscono questi siti web di destra e li usano per inventare scandali e per fottere i loro avversari.'



^