Star Wars: Episodio Viii - Gli Ultimi Jedi

Perché ci è voluto così tanto tempo prima che le donne nere venissero a Star Wars?

>

Per la prima volta da decenni, Guerre stellari avrà finalmente una donna di colore come personaggio principale. In questo mese Solo: una storia di Star Wars , Thandie Newton interpreta la misteriosa Val, un membro della banda disordinata che Han Solo (Alden Ehrenreich) riunisce. Non si perde su Newton quanto sia importante il suo personaggio per i fan, in particolare le donne di colore.

Sono la prima donna di colore ad avere un ruolo di primo piano nel Guerre stellari eredità', ha detto Orari radiofonici . 'Ci sono stati altri con una linea e Lupita Nyong'o era un personaggio generato al computer [in Il Risveglio della Forza e Gli ultimi Jedi ], ma non sei riuscito a vedere il colore della sua pelle. Sono il primo... avrò un giocattolo e tutto il resto.'

La fantascienza non è stata particolarmente gentile con le donne nere. Per anni, ci sono stati solo pochi personaggi importanti che le persone possono nominare— Star Trek è il tenente Uhura e Star Trek: La prossima generazione 's Guinan, personaggi dei libri di Octavia Butler come fratelli protagonista Dana, Lucciola 's Zoë Washburne, e un'infarinatura di altri. Nel Guerre stellari franchise di film, ce ne sono stati zero.



Nonostante il nuovo focus del franchise, Guerre stellari non è iniziato con la diversità come priorità principale. Il film originale, Una nuova speranza , era bianco: l'unica voce nera apparteneva a James Earl Jones nei panni di Darth Vader (David Prowse interpretava la sua forma fisica sullo schermo). È stato solo dopo le lamentele dei fan che altri personaggi sono stati aggiunti o espressi per dare diversità, come il pilota della resistenza asiatica Telsij (Eiji Kusuhara) in Il ritorno dello Jedi , e, naturalmente, Lando Calrissian (Billy Dee Williams) in L'impero colpisce ancora . Ma l'oscurità in Guerre stellari è stato spesso usato come fattore determinante per il carattere e, il più delle volte, ha mostrato i difetti morali di un personaggio.

Lando Calrissian

Per quanto Lando sia figo, è legato a una Hollywood che era appena fuori dall'era della blaxploitation, in cui i personaggi neri erano tipizzati come archetipi violenti e sessualizzati, uno è il protettore, una parola che a volte è legata a Lando dai fan a causa del suo stile di vestiti, capelli e contegno lucido. Come personaggio radicato in quell'archetipo, Lando è qualcuno che aggira la legge anche cercando di essere legittimo. Allo stesso modo, anche se non vediamo mai Jones sullo schermo, la sua voce dà a Darth Vader spazio nella conversazione su come l'oscurità sia armata nei media popolari. Darth Vader è il grande cattivo. È minaccioso e ucciderà chiunque si metta sulla sua strada. Eppure, quando il personaggio è pronto per la sua redenzione, il volto che vediamo è bianco.

Dopo Lando, i film non investono più in personaggi neri, lasciando ai fan neri solo due personaggi, entrambi nello spettro dell'inganno. Confrontandolo con i vari personaggi bianchi che spaziano dall'eroico al male, la rappresentazione per i personaggi neri è appena al di sopra del minimo indispensabile. Per gli altri appassionati di colore, la rappresentazione è praticamente inesistente.

Al giorno d'oggi, Guerre stellari sta finalmente raddrizzando alcuni dei loro torti quando si tratta di diversità. La rappresentazione di Latinx è stata finalmente inclusa con l'introduzione di Poe Dameron, un personaggio che il franchise era in realtà vicino a scrivere fino a quando Oscar Isaac ha convinto J.J. Abramo per tenerlo. La rappresentazione asiatica è aumentata con Jessika Pava (Jessica Henwick) un personaggio che è stato introdotto per la prima volta nel canone scritto e si è fatto strada sul grande schermo, Paige Tico (Veronica Ngo) e sua sorella Rose (Kelly Marie Tran), la prima asiatica donna ad avere un ruolo centrale e fondamentale nella trama principale. La caratterizzazione del nero è stata potenziata grazie al riluttante eroe Finn, consolidando John Boyega come uno dei principali attori della Guerre stellari canone cinematografico. Il coronamento è il momento della femmina nera Guerre stellari i fan aspettano da decenni. Ora abbiamo la Val di Newton, una risposta alla domanda sul perché Guerre stellari ha apparentemente evitato le donne nere.

Perché ci è voluto così tanto tempo? Guerre stellari rimediare a una così grande svista? Forse la risposta sta dietro le quinte, dove le persone coinvolte di solito non erano donne di colore.

Se diamo un'occhiata alla macro principale Guerre stellari personaggi prima Il Risveglio della Forza , un tema è chiaro: questa storia è incentrata sui personaggi bianchi e sulle loro preoccupazioni. La serie cinematografica è iniziata alla fine degli anni '70, quando era ancora raro che le stelle nere fossero presenti, tanto meno nei titoli, in quello che potrebbe essere considerato un film mainstream. Tutto ciò che Hollywood conosceva era la bianchezza, quindi molti dei registi bianchi che diventavano maggiorenni, per così dire, lavoravano in quella cornice.

Mace_Windu_Jedi_Council_TPM.png

George Lucas non era diverso. Il film che lo ha affermato saldamente come regista di talento, 1973's Graffiti americani , è tutto incentrato sulla nostalgia di un tempo bianco passato: i primi anni '60. L'intero film è incentrato su un'esperienza suburbana bianca per antonomasia, una che è commercializzata come universale ma in realtà non lo era, non se si considera ciò con cui i neri nello stesso periodo avevano a che fare. Niente di tutto questo da dire Graffiti americani è un brutto film. Il punto è che Lucas non ha mai avuto molta pratica nel centrare le narrazioni su punti di vista diversi dal suo. Basta dare un'occhiata a come ha pasticciato Guerre stellari prequel. Sebbene fossero abbastanza rudi da soli, ha aggravato il problema facendo affidamento su stereotipi razziali e culturali, tra cui ebrei, asiatici e afroamericani, con l'inclusione di personaggi come Watto, Nute Gunray e Jar-Jar Binks. Mace Windu di Samuel L. Jackson, l'unico personaggio principale non bianco nei prequel e, più precisamente, l'unico personaggio nero dei prequel, non è abbastanza per bilanciare le scale.

La squadra dietro Guerre stellari riflette l'attenzione di Hollywood sulla bianchezza. Come sappiamo ora, da movimenti come Time's Up e da decine di attori di colore che si sono espressi, Hollywood è stata un'industria incentrata sul bianco in cui solo una manciata di persone di colore può salire di livello. Se diamo un'occhiata all'equipaggio il primo Guerre stellari , ad esempio, vediamo che la maggior parte di loro era bianca. Ancora più importante, tutti i crediti di scrittura sia per gli originali che per i prequel vanno a scrittori bianchi, e solo uno degli scrittori dei film originali, Leigh Brackett, era una donna.

La mancanza di opinioni diverse ha portato a molti di Guerre stellari' fallimenti sia nella rappresentazione di genere che in quella razziale. Per anni, la principessa Leia (Carrie Fisher) è stata l'unico volto femminile degno di nota di Guerre stellari , e per molti di quegli anni, il personaggio è stato perseguitato dal momento in cui è stata costretta a indossare un costume da bikini da schiava, rendendola un oggetto sessuale esagerato. Durante i prequel, donne come Padmé (Natalie Portman) e la madre di Anakin, Shmi (Pernilla August), sono state congelate per dare impulso alla storia di Anakin. Gli stereotipi razziali sono stati usati come umorismo. Molti dei costumi della regina Amidala hanno sollevato elementi da gruppi culturali, nonostante pochi, se non nessuno, di quei gruppi culturali rappresentati nei film reali.

VaderSloane.jpg

Questa mancanza di opinioni diverse è anche il motivo per cui così tanti personaggi femminili neri sono stati sottosviluppati nel franchise cinematografico. I personaggi del canone scritto, come il Grand'Ammiraglio Imperiale Rae Sloane, potrebbero facilmente adattarsi Guerre stellari film se Lucasfilm lo avesse scelto. Korr Sela (Maisie Richardson-Sellers), un personaggio secondario in linea di sangue , apparso brevemente in Il Risveglio della Forza , un breve ruolo accorciato ulteriormente dopo che una scena con lei e Leia è stata cancellata. I personaggi dei film originali ottengono il tempo sul piccolo schermo, come Rogue One la senatrice Tynnra Pamlo (Sharon Duncan-Brewster). Altre volte, le donne nere sono esotiche, come nel trailer di Solo in cui una donna nera vestita d'oro si esibisce come una ballerina interstellare in un club, o in scene di Il ritorno dello Jedi dove le attrici nere e asiatiche sono vestite come Twi'lek, alieni che sono spesso schiavizzati come oggetti sessuali per i ricchi.

Come affronta la stessa Newton, Maz Kanata di Nyong'o è un altro punto di costernazione per le fan di sesso femminile che desiderano vedere immagini di se stesse sullo schermo per più di due secondi. Nonostante faccia parte del cast come donna di colore, Nyong'o non riesce a mostrarsi sullo schermo. Invece, è una voce disincarnata per un personaggio in CG. È un altro momento in cui Guerre stellari rievoca involontariamente il suo passato. Come con Darth Vader, l'oscurità viene utilizzata per differenziare un personaggio dall'ambiente circostante.

È triste che questo sia lo sfondo che Val deve usare per il suo ingresso nel mondo di Guerre stellari . Ma mentre ci sono molti errori che Lucasfilm deve ancora espiare, è bello vedere che lo studio sta finalmente iniziando ad affrontare le sviste del suo passato. Prima di tutto, la nuova era di Guerre stellari film e programmi televisivi si concentrano maggiormente sulle storie delle donne nel loro insieme. Questo è più evidente in Gli ultimi Jedi , dove non solo la storia di Rey sta acquisendo più significato, ma anche Leia e il viceammiraglio Holdo (Laura Dern) comandano una squadra militare da soli. Rose, ispirata dal sacrificio di sua sorella Paige, diventa una nuova eroina della resistenza, sfidando Finn e salvandolo da se stesso.

Anche Lucasfilm sta cambiando dietro le quinte. Il generatore di idee per il nuovo lotto di film è, come riporta il New York Times , una squadra di storie composta da quattro donne e sette uomini, cinque dei quali sono persone di colore. Lucasfilm ha anche assunto la sua prima regista donna nera per Star Wars: Episodio IX , con Victoria Mahoney che lavora al fianco di J.J. Abrams come direttore della seconda unità.

Tutto questo è una grande notizia. L'unico inconveniente è che è dovuto venire a scapito del tempo. C'è voluto davvero tanto tempo per fare questo tipo di progressi? In un mondo ideale, non lo sarebbe. Ma, come spesso ci viene ricordato, non viviamo in un mondo ideale.

Indipendentemente dalle battaglie che le persone emarginate devono affrontare, in qualche modo la giustizia ha ancora il sopravvento e, per fortuna, le donne di colore stanno finalmente ottenendo il loro momento di gloria come parte del Guerre stellari pantheon.

alycia debnam-carey lesbica


^