Sam Raimi

Perché la star di Drag Me to Hell's non era d'accordo con il regista Sam Raimi

>

Non vogliamo rovinare il finale del prossimo film horror del regista Sam Raimi Trascinami all'inferno , quindi se non vuoi saperlo, non leggere oltre.

Ma Raimi ha detto ai giornalisti che intendeva che il pubblico seguisse il viaggio con la sua protagonista, Christine (Alison Lohman), fino alla fine.

'Volevo che il pubblico facesse questa scelta con lei', ha detto Raimi in un'intervista di gruppo lunedì a Beverly Hills, in California. 'Volevo presentarla come una brava persona. Lei è una persona carina. Siamo tutti brave persone, ma siamo anche tutti peccatori. E volevo che tu, il membro del pubblico, facessi questa scelta con lei.' (Intendiamoci: grandi spoiler in arrivo!)



La scelta è questa: Christine lavora in banca ed è ansiosa di guadagnare una promozione. Quando la raccapricciante vecchia signora Ganush (Lorna Raver) implora una terza estensione del suo mutuo, Christine nega per mostrare al suo capo che può prendere decisioni difficili. Quello che non sa è che la signora Ganush ha il potere di vendicarsi sotto forma di maledizione: dopo tre giorni, Christine sarà risucchiata all'inferno. A meno che non riesca a fare qualche passo per allontanare il demone, la Lamia, che è dietro di lei.

'La vecchia aveva un aspetto sgradevole, era assurdo', ha detto Raimi. 'Volevo che il pubblico dicesse: 'Sì, negale il prestito e portala fuori dall'ufficio, per aver gridato forte.' Perché avevo sperato che una volta che voi peccatori aveste fatto quella scelta con lei, che vi piaccia o no, avreste saputo nel vostro cuore che quella cosa che le era stata inflitta non sarebbe venuta solo per lei, ma meritatamente così per voi, perché avevi fatto quella scelta con lei. Quel finale, quando è arrivato per lei, anche se potrebbe essere una sorpresa o meno, sapresti che potrebbe essere arrivato anche per te.'

Da parte sua, Lohman, ovviamente, difende la scelta del suo personaggio. 'Il suo capo le sta praticamente dicendo che deve riempire una quota e non darle la proroga, per risparmiare denaro, probabilmente, per la banca', ha detto Lohman in un'intervista separata. 'Il mio personaggio ha i suoi obiettivi, quindi ha sicuramente abbastanza razionalità per giustificare il motivo per cui fa quello che fa. Penso proprio che tu possa simpatizzare con entrambi i personaggi, davvero.'

Bene, è il terzo avvertimento di Ganush. Anche gli zingari magici devono pagare le bollette in tempo, giusto, Sam? 'Certo', disse Raimi. 'Ci sono tutti i tipi di ragioni per essere avidi e crudeli con le altre persone. Possono essere giustificati dalla logica, oppure potresti usare le regole di un'istituzione o di un governo o dell'esercito. Ci sono tutti i tipi di ragioni per tormentare ed essere crudeli con gli altri, ragioni giustificabili e meravigliose. Questo è un altro: che le era stata data una proroga due volte prima. Si aspettava davvero un terzo? Si aspettava davvero pietà dopo che le era stata mostrata un po'? È un altro modo per le persone di nascondersi dietro le proprie scelte.'

Lohman non lo compra. 'A volte io e lui non siamo d'accordo', ha detto di Raimi. «Sta dalla parte di Lorna? Non ho mai visto il mio personaggio come una persona cattiva. È sempre stato difficile [dire], 'Oh, quando prendo la decisione che il mio personaggio si penta finalmente?' Sì, certo, era avida e non le ha dato la proroga quando avrebbe dovuto. Ma lei merita di essere trascinata all'inferno? No, non credo».

Christine cerca ancora disperatamente di evitare le conseguenze della sua azione. Raimi ha elencato eventi specifici del film che supportano la sua prospettiva sul personaggio.

'Quando pensi a quello che fa oltre a buttare fuori di casa quella vecchia donna, lei va contro i suoi stessi voti e uccide quel gatto per salvarle il collo', ha detto. «Lei mente alla figlia della vecchia in quella casa quando cerca di farsi strada e convincere la vecchia a toglierle di dosso la maledizione. Alla seduta spiritica, quando ha chiesto a tutti di rischiare la vita per lei, cerca di incolpare il suo capo quando si confronta con il demone. Lei infatti è pronta a lanciare quella maledizione a qualche poveraccio al locale Howard Johnson's o Denny's. Le è venuta a malapena un'idea migliore. È andata così vicino. Penso che fosse una brava persona all'esterno, ma quando inizi davvero a guardarla, quando si trova in una situazione estrema, la persona vera viene fuori. In effetti, è davvero la vecchia la vittima in questa storia. Penso che il suo personaggio, Christine, abbia meritato, probabilmente, quello che ha ottenuto. Forse era un po' troppo punita. Non sarei stato così duro, personalmente.'

Lohman trova le azioni di Christine che danno potere. 'Ho adorato questo del mio personaggio', ha detto. 'Ho amato quella parte. Il mio personaggio è sottomesso al suo capo, vuole accontentare tutti, e poi prende il comando, cercando di sopravvivere. Mi piace vedere quella dinamica. Lo trovo interessante da guardare in un film, e penso di vedere aspetti di me stesso in questo. In un certo senso volevo attingere un po' a questo.'

Decidi tu stesso quando Trascinami all'inferno apre il 29 maggio



^