Opinione

Perché così tanti adattamenti di Dracula rovinano Lucy Westenra?

>

ATTENZIONE: questo articolo contiene spoiler per la BBC Dracula miniserie.

Nella terza puntata di Dracula , l'ultimo adattamento della BBC del romanzo di Bram Stoker, scritto da Steven Moffat e Mark Gatiss, il pubblico viene presentato alla vivace Lucy Westenra. Viene mostrata come una giovane donna completamente moderna a cui piace fare festa, flirtare e stare con tutti gli uomini che vuole, al diavolo la vergogna della troia. Si rivela anche essere l'unica vittima volontaria del Conte Dracula. Le dice che, tra gli innumerevoli umani di cui si è nutrito nel corso dei secoli, Lucy è l'unica che ha acconsentito. Desidera essere un vampiro, trovando le banalità dei vivi spaventosamente noiose, quindi Dracula la uccide e aspetta che si risvegli come uno dei non morti. Sfortunatamente, la sua famiglia decide di cremarla invece di seppellirla e lei arriva alla porta di Dracula carbonizzata irriconoscibile. Quando guarda il proprio riflesso, vede la sua bellezza originaria e ne rimane abbagliata, ma la rivelazione della realtà la spinge all'angoscia e chiede di essere uccisa. Senza la sua vanità soddisfatta, non si sente più degna della vita.

ricerca della galassia non mollare mai non arrendersi mai

Se ne hai guardati Dracula adattamento nell'ultimo secolo o giù di lì di storia del cinema, allora questa nuova svolta sul destino della povera Lucy potrebbe non sembrare così sorprendente. Certo, è ancora una conclusione scioccante e straordinariamente insensibile nei confronti del suo personaggio femminile, ma Miss Westenra è un personaggio che la maggior parte delle versioni della storia tende a rovinare.



Nel romanzo di Stoker, Lucy è una fanciulla di 19 anni di vera dolcezza e purezza (l'ultima delle quali è menzionata frequentemente perché si tratta di un romanzo di epoca vittoriana scritto da un uomo). È brillante e bella e sta cercando di trovare il suo posto nel mondo, il cui obiettivo principale è il corteggiamento di tre corteggiatori: il cowboy americano Quincey Morris; Arthur Holmwood, un ricco aristocratico; e il dottor John Seward, l'amministratore del manicomio locale. Ha dei sentimenti per tutti questi uomini, dimostrando la sua immensa capacità di amare. A un certo punto, si lamenta in una lettera alla sua migliore amica Mina, perché non possono permettere a una ragazza di sposare tre uomini, o tutti quelli che la vogliono, e salvare tutti questi problemi? Non è inteso come una dichiarazione di avidità o indecisione, ma una vera preoccupazione per le emozioni di tutti e il dolore del rifiuto. Alla fine, sceglie Arthur, ma prima che possano sposarsi, soccombe a una misteriosa malattia. Soffre di anemia, perdita di sangue cronica e avversione alla luce solare. Nonostante le molteplici trasfusioni di sangue dai suoi corteggiatori e dal dottor Van Helsing, si ammala disperatamente, fino alla morte. Van Helsing sa che questa non è una malattia misteriosa, ma il marchio del vampiro, e per salvare la sua anima non morta, hanno bisogno di mettere in gioco il suo cuore e tagliarle la testa. Dopo averla vista risorgere dalla tomba, Van Helsing e i suoi corteggiatori la combattono fino a quando al fidanzato non viene lasciato il compito di ucciderla per sempre, permettendole così di riposare in pace.

bram_stokers_dracula_lucy_mina_2.jpg

Credito: Columbia Pictures

La maggior parte degli adattamenti del romanzo che include Lucy preferisce mostrarla come una donna vertiginosamente promiscua che si diverte a guidare i suoi molteplici corteggiatori maschi. Il suo trattamento di quei corteggiatori è spesso dipinto come vagamente predatorio e qualcosa da disprezzare. Prendi, per esempio, Lucy in Dracula di Bram Stoker , l'adattamento altrimenti eccellente e ragionevolmente fedele diretto da Francis Ford Coppola. Lucy, interpretata da Sadie Frost, è molto più esplicitamente sessuale prima della morte qui che nel libro e i suoi flirt con i suoi corteggiatori sono uno spettacolo apertamente intrigante per mostrare a Mina come può avvolgere tutti questi uomini intorno al suo mignolo. Adottare questo approccio al materiale trasforma la sua eventuale morte violenta in una sorta di punizione per i suoi modi sfrenati.

Questo non vuol dire che il libro sia privo di quella narrativa problematica. La purezza di Lucy come giovane donna appena uscita dall'adolescenza è usata da Stoker come contrasto con la personalità più lasciva che assume dopo che Dracula l'ha attaccata. Prima di morire, chiede ad Arthur un bacio in un modo più appassionato di quanto non abbia mai mostrato in precedenza, esibendo così i tratti più sensuali che il vampirismo ha scatenato in lei. Dracula rappresenta una serie di minacce alla storia oltre la sua sete di sangue. È un aristocratico dell'Europa dell'Est che le donne trovano allettante e il cui potere si estende sia a livello finanziario che personale. È quasi una parodia della propaganda xenofoba che era comune all'epoca (e, purtroppo, fino ad oggi): quel maledetto conte, che viene qui, compra tutta la nostra terra, prende le nostre donne, diffonde malattie! Lucy è il povero sacrificio fatto da Stoker per mostrare con quanta facilità noi povere signore siamo stati portati fuori strada per mano del mostro noto come modernità. E sì, per usare quel vecchio cliché, fa schifo.

Capisco perché gli adattamenti vorrebbero che Lucy abbracciasse più apertamente la sua sessualità invece di tenerla come questa bellezza incontaminata, ma perché così tanti di loro finiscono per rafforzare lo stesso tipo di misoginia che fa Stoker? La sua natura sessuale è trattata tanto male quanto l'idea che lei perda la sua dolcezza. Defanga la potenza della sua tragedia e fa sembrare che Lucy meriti la morte. La versione di Moffat e Gatiss lancia una bella punizione per la sua vanità già che c'è.

C'è un modo per fare un adattamento di Dracula che è fedele alla storia mentre aggiorna il suo peso tematico. Invece di far sì che la tragedia sia la presunta fine dell'innocenza di Lucy, perché non abbracciare l'idea che lei esplori i suoi desideri sessuali e metta in discussione la stretta patriarcale che feticizza la sua verginità? Quando si rende conto che i sentimenti che prova, per Dracula o meno, non sono peccaminosi ma una parte naturale della vita, forse i suoi corteggiatori innamorati diventano gelosi e spaventati dal suo potere. Per loro, la povera Lucy deve essere stata corrotta da questa mostruosa figura, strappandola alla bontà e alla santità del matrimonio, e l'unico modo per farla finita è ucciderla. Lo vedono come salvarla, ma tutto ciò che stanno facendo è distruggere qualcosa che non possono contemplare come qualcosa di diverso dal male.

Un adattamento di Dracula rende giustizia a questa nozione. Il balletto sperimentale di Guy Maddin Dracula: pagine dal diario di una vergine mette in risalto l'idea che gli uomini siano narratori inaffidabili e la loro invidia per il fascino di questo aristocratico straniero su Lucy è una minaccia maggiore del suo bere sangue (nel film, questo Dracula è il raro esempio del ruolo interpretato da un uomo di colore .) Come Maddin spiegato nella sua decisione per aver preso quest'angolazione, quindi tagliale la testa - questo è il vero vampirismo - tagliale la testa in modo che non possa più pensarci, riempile la bocca di aglio così non oserà parlare delle sue fantasie e tagliala cuore nel caso si innamorasse davvero dell'oggetto di queste fantasticherie pornografiche.

zelda respiro della selvaggina dell'anno

Lucy Westenra non deve essere una donna per essere considerata un esempio. Francamente, gli uomini hanno le loro domande a cui rispondere.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^