Duna

Perché la rappresentanza araba e islamica è importante nella nuova Dune

>

Quando sei una persona di origine araba, ti sei spesso rassegnato al fatto che non vedrai molte persone che ti assomigliano nel cinema mainstream. Oppure, se lo fai, quelle persone interpreteranno mogli o tassisti o terroristi... in realtà, nella maggior parte dei casi, terroristi.

libro della giungla live action 1994

Ecco perché, quando è stato annunciato che Duna era stato adattato per la seconda volta, ero eccitato. Il fantasy di fantascienza di Frank Herbert è uno dei romanzi più celebri del secolo scorso e molti dei suoi personaggi, linguaggio, teoria sociale e immagini religiose sono stati presi in prestito dalla cultura araba e islamica.

La storia segue Paul Atreides, l'erede di una nobile casata che ha appena assunto la direzione del pianeta desertico Arrakis, sede della sostanza più preziosa della galassia, il melange o, come viene comunemente chiamato, la spezia. Chi controlla la spezia controlla l'universo, e così la Casata Atreides diventa il bersaglio di rivali politici e deve chiedere aiuto ai nativi Fremen di Arrakis. Credono che Paolo sia un profeta che guiderà una rivoluzione contro il soffocamento feudale sulla loro terra.



Dune-1984

Copyright: Universal Pictures/Dino De Laurentiis Corporation.

Mettendo da parte le ovvie somiglianze tra la lotta per il petrolio greggio in Medio Oriente negli anni '60 e la lotta di potere immaginaria per le spezie nel libro, è attraverso i nomadi Fremen che l'influenza araba e islamica è più sentita. I loro lineamenti sono scuri e abbronzati come gli arabi e la loro lingua è composta da parole arabe. Il nome messianico di Paul è Muad'Dib (mu'adibs significa insegnante in arabo), chiamano i vermi della sabbia Shai-Hulud (Shai che significa Cosa' e 'Hulud' che significa 'Immortalità), e la guardia del corpo del commando di morte di Paul, il Fedaykin, deriva il suo nome dall'arabo Fedayeen, termine usato per descrivere i gruppi militari disposti a sacrificarsi.

Anche il loro nome collettivo è un cenno ai berberi del Nord Africa, da cui Herbert ha pesantemente preso in prestito il loro stile di vita nomade e che vive nel deserto. Come scrive Mira Z. Amiras in Religione, politica e globalizzazione: approcci antropologici , oltre a ravvivare il suo vernacolo immaginario con un'infarinatura del dialetto Tamazight, Herbert ha anche chiamato i suoi eroi alieni 'Fremen' - uomini liberi - una traduzione letterale del termine 'Amazigh' - il nome che i berberi si chiamano.

cersei fa esplodere il sept

Poi c'è la religione; i Fremen erano discendenti di guerrieri zensunni, che è un altro cenno ai berberi e ai musulmani sunniti, anche se Herbert prende in prestito anche dal sufismo (misticismo islamico). I sufi credono che la conoscenza islamica dovrebbe essere trasmessa attraverso gli insegnanti e Muad'Dib è quell'insegnante, il loro profeta simile a Maometto, che credono sia destinato a guidare una Jihad contro i loro oppressori feudali.

L'ideologia, la forza e il senso di comunità dei Fremen furono anche ispirati dagli scritti dello storico arabo del XIV secolo Ibn Khaldun. In Muqqadimah, Khaldun descrive il concetto di Asabiyyah (solidarietà sociale con un'enfasi sulla coscienza di gruppo, la coesione e l'unità) e coloro che abitano in ambienti più difficili ne hanno più dei coloni urbani, che caratterizza accuratamente i Fremen. Anche il loro manuale di sopravvivenza prende il nome da un altro dei libri dello storico, Kitab al-Ibar.

Occhio 1

Un Fremem come si vede sulla copertina di Frank Herbert's Occhio

Potrei entrare in ulteriori dettagli, ma ciò che è abbondantemente chiaro è questo: Duna ei successivi libri della serie non sarebbero nulla senza l'influenza del mondo arabo e islamico. Quindi scoprire che nessun attore mediorientale o nordafricano (MENA) è stato annunciato nel cast per interpretare uno dei personaggi principali dei Fremen è una delusione. Invece, è stato riferito che Zendaya, un'attrice nera birazziale, è in trattative per interpretare il guerriero Chani e Javier Bardem, un attore spagnolo, potrebbe prendere sul ruolo del leader dei Fremen Stilgar .

può una rondine portare una noce di cocco?

Questi due sono entrambi attori di talento, ovviamente, ma cancellare l'identità araba dai personaggi che interpretano equivale a imbiancare. È alla pari con Scarlett Johansson che interpreta il maggiore Motoko Kusanagi in Fantasma nella conchiglia o Joseph Fiennes che interpreta Michael Jackson nella serie Miti urbani , ed entrambe queste decisioni di casting sono state accolte con molto più indignazione di queste Duna quelli.

Questo è probabilmente perché, certamente nel caso di Zendaya, le persone sono semplicemente felici che una donna di colore stia interpretando il ruolo e non sono consapevoli dell'influenza araba e islamica sul testo originale di Herbert. Il film e la serie TV hanno contribuito a questa cancellazione perché anch'essi sono stati completamente imbiancati. Tuttavia, ci sono alcune persone, come Zaina Ujayli, che riconoscono il problema con questo casting unico per etnia.

Herbert si basa sul fatto che non si conosce la storia islamica araba per prestare alla storia l'esotismo e la fantasia, ha affermato Ujayli in un Discussione su Twitter . Solo perché vedi facce marroni nell'elenco del cast, non dovresti applaudire perché chiaramente tutte le minoranze non sono uguali agli occhi di Hollywood.

Zendaya

Foto di AxelleBauer-Griffin/FilmMagic (Getty Images)

Arabi e alleati arabi, musulmani e alleati musulmani, devono alzarsi in piedi e fare storie per questo film. Hanno bisogno di chiedere di vedere facce arabe. O altro Duna si unirà alla lista dei film che, se non sono apertamente razzisti con la storia arabo-islamica, lavorano per cancellarla.

alieno contro predatore: extra alieno contro predatore

Duna non è l'unica proprietà di fantascienza a prendere dalla cultura araba e non riesce a lanciare attori MENA in ruoli significativi; Guerre stellari è il colpevole più evidente. Piuttosto, i film recenti hanno spuntato la casella del franchise per la diversità per gli attori non bianchi di eredità nera, latina e asiatica - e molte di queste star come John Boyega e Kelly Marie Tran non offrivano il potere da star che è così spesso usato come una scusa per non prendere diverse decisioni di assunzione.

Il primo film di Daisy Ridley è stato Guerre stellari e ha interpretato il ruolo principale di Rey, quindi non riesco a capire perché non si possa fare lo stesso con un'attrice e attore araba per Chani e Stilgar, soprattutto quando ci sono ruoli più che sufficienti essere riempito da attori bianchi in Duna per rendere felici i dirigenti di Legendary.

Ci sono anche molte stelle MENA là fuori che stanno faticando ai margini del cinema e della TV. Aiysha Hart, Azita Ghanizada, Kayvan Novak, Saïd Taghmaoui, Tahar Rahim e Souheila Yacoub sono solo alcuni dei nomi che mi vengono in mente, ma ci sono star meno conosciute che meritano la possibilità di entrare in scena. E anche noi, milioni di spettatori di origine araba e islamica, meritiamo di vedere rappresentazioni positive di noi stessi.

Duna è uno dei pochi film mainstream che potrebbe farlo accadere.

Per favore, non cancellarci.



^