Spazio

Quando una stella muore, la vita (ipotetica) va con essa?

>

Conosciamo già la risposta per la Terra. Quando il sole inizia la sua agonia e si trasformerà in una gigante rossa in circa 5 miliardi di anni, diventerà un gigantesco inferno infuriato che ridurrà facilmente in cenere Mercurio, Venere e il nostro pianeta. Ma cosa potrebbe accadere se i pianeti o le lune sopravvissuti (come Europa o Titano) che potrebbero ospitare la vita continuassero a orbitare attorno ad esso quando si raffredda in una nana bianca?

Quella non accadrà per altri 10 miliardi di anni. Nessuno vivo ora sarà in giro per vedere le conseguenze. Tuttavia, il telescopio James Webb della NASA potrebbe trovare la risposta a se qualcosa può vivere su un pianeta la cui stella è morta studiando le nane bianche e cercando tracce di vita sui pianeti rocciosi che le orbitano. Il gigante gassoso che è stato recentemente catturato in orbita attorno a una nana bianca da TESS non si qualifica davvero per la vita come la conosciamo. Tuttavia, potrebbero esserci altri pianeti o lune o asteroidi là fuori all'interno della zona abitabile di una nana bianca che stanno strisciando con una sorta di vita, perché le stelle morte non sono così morte.

L'astrofisica e astrobiologa Thea Kozakis e il suo team di ricerca hanno creato modelli per ipotetici pianeti simili alla Terra in orbita attorno a una nana bianca per scoprire se le condizioni su tali corpi potrebbero essere suscettibili di vita. Il team ha modellato la zona abitabile attorno a una nana bianca, che gradualmente si avvicina sempre di più alla stella man mano che si raffredda. Le nane bianche sono i nuclei esposti delle giganti rosse che emergono incandescenti ma perdono drasticamente calore nel tempo a causa della mancanza di una fonte di calore interna. Tuttavia, l'accumulo di gas serra nell'atmosfera di una nana bianca potrebbe estenderne l'abitabilità.

Abbiamo scoperto che un pianeta potrebbe potenzialmente rimanere nella zona abitabile di una nana bianca per almeno 6 miliardi di anni, forse 8 miliardi di anni con limiti più ottimistici, Kozakis, che ha guidato uno studio recentemente pubblicato su Il Giornale Astrofisico , ha detto a SYFY WIRE. Mentre la nana bianca si raffredda emette sempre meno flusso UV, quindi abbiamo studiato come ciò influenzerebbe la chimica atmosferica e le condizioni della superficie planetaria, e anche come cambierebbero le biofirme durante questo processo.

wd1856

WD 1856+534 e il gigante gassoso (molto più grande) che lo orbita. Credito: NASA/JPL-Caltech/NASA Goddard Space Flight Center

Le giganti rosse possono bruciare i pianeti più vicini a loro, e anche dopo aver perso i loro strati esterni e diventare nane bianche, possono ancora emettere troppe radiazioni UV perché qualcosa possa rimanere in vita vicino a loro. Man mano che i livelli di UV scendono, i pianeti e le lune più indietro nel sistema stellare potrebbero avere l'opportunità di avvicinarsi. Di vasta portata il calore della gigante rossa può anche aiutare a generare nuova vita su alcuni di loro. Qualsiasi vita che esiste su questi oggetti può prosperare su un pianeta in orbita attorno a una nana bianca perché la ritenzione di gas serra del pianeta lo manterrebbe caldo molto tempo dopo che il cadavere della stella ha perso la maggior parte del suo calore. La Terra non avrebbe alcuna possibilità contro un Sole gigante rosso, ma la luna di Giove Europa e le lune di Saturno Titano ed Encelado sono possibili candidati per la vita che (se esiste) potrebbe ottenere una spinta quando la Terra è fuori mano.

I pianeti possono anche formarsi attorno alle nane bianche, sebbene si sappia poco su come si evolvono questi pianeti. Probabilmente una seconda generazione di pianeti dovrebbe formarsi nello stesso tipo di disco polveroso e gassoso in cui di solito nascono le stelle.

Non siamo sicuri di quanto sia probabile che i pianeti possano superare questi ostacoli, ma ogni nuova scoperta di pianeti attorno alle nane bianche ci aiuterà a valutare meglio il potenziale di abitabilità, ha detto Kozakis.

Mentre il pianeta in orbita attorno alla nana bianca WD 1856+534 non ha quasi alcuna possibilità di essere abitabile, Kozakis e il suo team hanno recentemente pubblicato uno studio adiacente esplorando le possibilità di un ipotetico pianeta simile alla Terra in orbita attorno alla stessa stella a un ritmo più lento. Hanno simulato questo pianeta attorno a una nana bianca con le stesse condizioni di quella che ora sta ricevendo l'attenzione dei media dall'intero universo.

Mentre il gigante gassoso scoperto ha un periodo orbitale di 1,4 giorni, il nostro ipotetico pianeta dovrebbe orbitare in meno di 10 ore per essere abbastanza vicino da mantenere temperature in grado di supportare l'acqua liquida, ha affermato Kozakis. Abbiamo simulato quanto tempo di osservazione avrebbe bisogno il prossimo telescopio spaziale James Webb per rilevare segni di vita per un pianeta simile alla Terra attorno a questa nana bianca, e i risultati sono estremamente promettenti.



^