I Vendicatori

Quando Godzilla ha combattuto The Avengers: una storia del crossover epico

>

Al largo della costa dell'Alaska, un gigantesco iceberg si frantuma dall'interno. Presto, Godzilla emerge dai detriti congelati. Scendendo a terra, la creatura gigante distrugge una sezione dell'oleodotto dell'Alaska e terrorizza tutti nelle vicinanze prima di essere affrontata dalle forze dello S.H.I.E.L.D., guidate dal braccio destro di Nick Fury, Dum Dum Dugan. Dimostrandosi quasi invulnerabile, Godzilla si dirige verso gli Stati Uniti continentali, atterrando a Seattle e aprendo un percorso verso est, facendo soste - e seminando il caos - a San Francisco, in Nevada, e Salt Lake City, con lo S.H.I.E.L.D. elicotteri all'inseguimento costante.

immagine della terra senza acqua

Alla fine del suo viaggio attraverso il paese, Godzilla sarà arrivato fino a New York City e ha combattuto non solo altri mostri giganti, ma anche supereroi, inclusi i Fantastici Quattro e membri chiave dei Vendicatori - Thor , Iron Man, Vision, Yellowjacket e Wasp, prima di tornare in mare.

È questo il sogno febbrile di un super fanboy? Una storia come quello su cui Patton Oswalt ha improvvisato Parchi e Divertimento nel 2013 , descrivendo in dettaglio un crossover tra Star Wars: Episodio VII e il Marvel Cinematic Universe? No, questa trama è davvero accaduta, ma non nel film.



Per 24 numeri, dal 1977 al 1979, la Marvel Comics pubblicò Godzilla: il re dei mostri , che ha visto il personaggio del titolo razziare per la prima volta sul suolo americano, molto prima del film di Roland Emmerich del 1998 e del reboot di Gareth Edwards del 2014. Ma più che un'odissea americana, la serie a fumetti è stata anche un soggiorno nell'Universo Marvel. Scritto da Doug Moench e illustrato principalmente da Herb Trimpe (con Tom Sutton che sostituisce due numeri), Godzilla della Marvel ha presentato la più grande star della Toho Co. Ltd. in un modo che non era mai stato visto prima e che non si sarebbe mai più visto.

Godzilla 1 copertina Marvel Comics

Credito: Marvel Comics. Il mostro più famoso del Giappone invade l'America - e l'Universo Marvel - nel primo numero di Godzilla: il re dei mostri #1 (agosto 1977). Illustrazione di Herb Trimpe.

MOENCH E IL MOSTRO

Moench aveva già scritto molte storie sui mostri, per titoli Marvel compresi Dracula vive! , Lupo mannaro di notte , e Il mostro di Frankenstein . E aveva un grande affetto per molti dei mostri classici del cinema, anche se Godzilla non era uno di loro.

'Da bambino, ho visto quella che probabilmente era una riedizione della versione sviscerata da Raymond Burr del primo film', ha detto Moench a SYFY WIRE. 'Ricordo di aver pensato,' Gorgo era più fresco.''

Così la Godzilla il fumetto non era un incarico di scrittura che Moench perseguiva. Invece, è stato scelto per il progetto dall'allora editore della Marvel Stan Lee. Moench fu sorpreso, poiché, a quel tempo, era associato a materiale più sofisticato, come Maestro di Kung Fu — fumetti rivolti a lettori più anziani e più maturi. Tuttavia, dice di aver pensato subito ai ragazzi che vivevano nel suo quartiere. 'Erano pazzi per Godzilla', spiega. 'Così ho detto a Stan che avrei voluto porre più enfasi sul punto di vista dei bambini, fare cose che pensavo che i bambini avrebbero davvero voluto vedere, in un modo che piacesse anche agli adulti. Stan ha detto: 'Mi piace! Grande idea! Vai a farlo!''

EVOCANDO UN'ERA

Moench ha ritratto Godzilla, anche se in modo ambiguo, come fondamentalmente una forza per il bene. Dice di aver preso spunto dai film di quel periodo. Includono due note voci: Godzilla contro Megalon , uscito negli Stati Uniti nel 1976, in cui il Big G si allea con il robot Jet Jaguar per combattere i malvagi Megalon e Gigan, e Godzilla sull'Isola dei Mostri (intitolato Godzilla contro Gigan in Giappone), che presenta Godzilla e Anguirus parlando tra di loro . Hai letto bene: parlare.

L'isola dei mostri è stato effettivamente proiettato per i membri dello staff creativo della Marvel, tra cui Moench e Lee, dai dirigenti della Toho prima dell'uscita nelle sale americane del film nel 1977. 'Era una merda', ricorda Moench, 'ma Stan era seduto accanto a me a gridare e gridare. e applausi. È impazzito durante le scene di combattimento, gridando: 'Vai a prenderli, Godzy!''

Alla proiezione era presente anche il noto scrittore di fumetti Roger Stern, editore della Marvel all'epoca. 'Stan stava cercando di mostrare entusiasmo davanti ai dirigenti della Toho', spiega Stern. “Erano tre o quattro uomini d'affari giapponesi che sembravano usciti dal casting centrale: bassi, vestiti con abiti scuri, molto abbottonati e seri. E tutti noi Marvel stavamo crollando, dal film e da Stan. I dirigenti della Toho non sapevano cosa farne. Alla fine, dopo aver visto questo film terribile con questi orribili effetti speciali, Stan ha gridato: 'Prendi questo, Guerre stellari !' E abbiamo rotto tutto da capo. I dirigenti della Toho se ne stavano lì con la faccia di pietra, chiedendosi cosa ci stesse succedendo».

Anche i film di Godzilla di quell'epoca tendevano a presentare un ragazzo come uno dei personaggi centrali. A tal fine, Moench ha presentato il dodicenne Rob Takiguchi, che sarebbe servito come surrogato per i lettori più giovani del fumetto. Accompagnando suo nonno, lo scienziato Yuriko Takiguchi, chiamato ad assistere lo S.H.I.E.L.D., il giovane Rob vede Godzilla come un eroe e lavora per contrastare qualsiasi tentativo di danneggiare o uccidere la creatura. Il ruolo di Rob nella serie raggiunge il suo apice nei numeri 7-13, quando prende il controllo di un robot gigante chiamato Red Ronin, costruito per sottomettere Godzilla, e lo usa per venire in aiuto del mostro contro lo S.H.I.E.L.D. e altre creature giganti.

A proposito, il resto della scuderia di mostri di Toho, inclusi Mothra, Rodan e Ghidora, non appare mai nel fumetto. 'Avremmo dovuto pagare a Toho lo stesso importo per ciascuno', spiega Moench. 'Era un margine di profitto così ridotto che la Marvel non poteva permetterseli.'

Di conseguenza, Moench ha creato i suoi mostri di grandi dimensioni per far combattere Godzilla, come Batragon, un pipistrello mutato da un genetista squilibrato che si fa chiamare Doctor Demonicus (nei numeri 4-5), così come Yetrigar, una creatura simile a Sasquatch esposta alle radiazioni (Numeri 10-11) e i Mega-mostri — tre bestie aliene inviate sulla Terra dai loro padroni per preparare il nostro pianeta alla conquista (Numeri 12-14).

è bucky in pantera nera
Godzilla #23 copertina Marvel Comics

Credito: Marvel Comics. Godzilla #23 (giugno 1979) ha dato il via a una storia in due parti con membri chiave dei Vendicatori. Illustrazione di Herb Trimpe.

ATTRAVERSO L'UNIVERSO MARVEL

Secondo Moench, la decisione di ambientare il fumetto di Godzilla nell'Universo Marvel è stata presa prima che firmasse. 'Potrebbe provenire da Stan, o da Archie Goodwin, che all'epoca era caporedattore', dice. 'Ho detto, 'Okay, ha senso. Ma prevedo difficoltà future a farlo in questo modo. Toho possiede Godzilla e noi possediamo i personaggi Marvel e ora li mescoleremo insieme: quando l'accordo [di licenza] scadrà, cosa accadrà [a tutto quel materiale]?' Archie disse: 'Non è un nostro problema'. E ha ritardato la ristampa della serie per molto tempo.'

(La Marvel ha raggiunto un accordo con Toho per produrre una raccolta tascabile in bianco e nero dell'intera serie, Godzilla essenziale , nel 2006, ma è stato limitato a una stampa ed è ora un oggetto da collezione piuttosto raro.)

Incaricato di integrare Godzilla nell'Universo Marvel, Moench sapeva di non voler adottare un approccio da 'guest star del mese'. 'Archie ha suggerito di usare alcuni personaggi Marvel minori che potrebbero essere presenti in ogni numero', dice. 'Abbiamo deciso per lo S.H.I.E.L.D. – ma poi ci è stato detto che non potevamo avere Nick Fury. A me andava bene, perché Dum Dum Dugan mi piace di più comunque! È più divertente affrontare Godzilla. Nick Fury è troppo serio. Volevo che il fumetto fosse goffo e sbarazzino.'

Moench ha anche scelto di fare una sorta di diario di viaggio negli Stati Uniti. 'Ho pensato che sarebbe stato un fumetto Marvel fatto in America, per la maggior parte dei lettori americani - probabilmente vorrebbero vedere Godzilla in America', dice. 'Se è venduto in Giappone, bene.'

d&d magico crossover

Poi è arrivato al numero 3, in cui Godzilla arriva a San Francisco, e dall'alto sono cominciati ad arrivare suggerimenti su possibili guest star. 'Non sapevo quando abbiamo iniziato', dice Moench, 'che avrei ricevuto una pressione costante per inserire cose come i Champions, personaggi Marvel davvero di basso livello, ho pensato.'

Una squadra di supereroi con sede a Los Angeles, i Champions hanno recitato nella loro serie di breve durata dal 1975 al 1977 e consistevano in Black Widow, ex membri degli X-Men Iceman and the Angel, Ghost Rider e il semidio Hercules. The Champions non è mai stato un best seller, quindi l'apparizione della squadra in Godzilla aveva lo scopo di aumentare l'interesse dei lettori. Non ha funzionato, poiché la serie è stata cancellata diversi mesi dopo, troppo tardi per risparmiare a Moench di scrivere una storia che avrebbe preferito saltare.

Moench non ha avuto scrupoli nell'usare elementi chiave dell'Universo Marvel, purché servissero alle storie che voleva raccontare. Nel numero 17, il dottor Takiguchi e un collega decidono che il modo migliore per contenere e studiare Godzilla è ridurlo di dimensioni, quindi il dottor Henry Pym, ex Ant-Man, è chiamato a fornire la sua tecnologia di restringimento. 'Hank è stato l'unico personaggio Marvel che è stata una mia idea [da portare in Godzilla]', dice Moench.

Il processo di restringimento funziona e Godzilla viene messo in una gabbia delle dimensioni di un forno a microonde, dalla quale, ovviamente, in seguito fugge. Vagando per le fogne sotto Manhattan (nel numero 18, che Moench cita come uno dei suoi preferiti), Little Godzilla si ritrova a combattere una creatura feroce che si rivela una vera sfida per lui: un topo che protegge il suo territorio. Alla fine, Godzilla inizia a diventare più grande, e quando raggiunge i sei piedi, finisce sul molo in un alterco fisico con Dugan e il collega S.H.I.E.L.D. agente Gabriel Jones, che cercano di catturarlo.

Godzilla contro Rat nei fumetti Marvel

Credito: Marvel Comics. Un Godzilla rimpicciolito viene attaccato da un topo di New York City in Godzilla #18 (gennaio 1979). Scritto da Doug Moench, disegni di Herb Trimpe e Dan Green.

le stagioni e gli episodi di The Walking Dead

Godzilla continua a crescere, raggiungendo i 20 piedi. Vagando per la città, attira l'attenzione dei Fantastici Quattro, che lo trovano un formidabile avversario (numero 20). 'Non mi dispiacevano i Fantastici Quattro', dice Moench. 'Quello era il mio libro Marvel preferito. C'è qualcosa nei Fantastici Quattro che in qualche modo aveva senso che sarebbero venuti per opporsi a questa creatura.'

Con la FF ora nel mix, non è stato un grande sforzo portare un altro tropo dell'Universo Marvel, la macchina del tempo del Dottor Destino, che Reed Richards usa per mandare Godzilla a 'casa' - all'età dei dinosauri, 95 milioni di anni fa, per vivere in pace lontano dagli umani. Lì, Godzilla incontra il dinosauro diavolo dalla pelle cremisi, simile a un tirannosauro e il suo compagno scimmia, Moon Boy, due aggiunte allora recenti all'universo Marvel create da Jack Kirby (numeri 21-22).

'Quello che davvero non volevo fare', dice Moench. 'Ma mi è stato detto che avrei dovuto farlo davvero, così l'ho fatto!' La storia del Dinosauro del Diavolo era proprio nel vicolo di Herb Trimpe, tuttavia, dal momento che aveva sempre disegnato Godzilla in uno stile che ricorda quello di Kirby.

Moench mostra anche una generale mancanza di entusiasmo per la trama successiva, che si è rivelata l'ultima. In esso, Godzilla, tornato al presente e riportato alla sua piena grandezza, attraversa Manhattan e affronta la potenza combinata dei Fantastici Quattro e dei Vendicatori (numeri 23-24). Anche Spider-Man si presenta per un cameo. 'Semplicemente non sembrava una scelta naturale', dice.

Tuttavia, c'era un personaggio Marvel - uno che i lettori richiedevano più di ogni altro - che Moench era abbastanza disposto a usare: Hulk. Ma non è mai successo.

Avrebbe avuto perfettamente senso. Sia Hulk che Godzilla erano i prodotti delle radiazioni. Entrambi erano potenti motori di distruzione. E Herb Trimpe era considerato uno degli artisti di Hulk definitivi, avendo lavorato sul personaggio dal 1968 al 1975. Ma secondo Moench, l'ostacolo era lo stesso Trimpe.

'Herb mi ha detto che non avrebbe mai più disegnato Hulk', dice Moench. «Non ho dubbi su quel ricordo. L'ho suggerito più e più volte.'

Trimpe, morto nel 2015, ricordava le cose in modo diverso. In un'intervista del 2001 con G-Fan rivista, ha detto che non sapeva perché Godzilla non avesse mai combattuto Hulk. 'È incredibile perché non ci abbiamo mai pensato in quel momento o non ci siamo mai spinti a farlo', ha detto. 'Mi sarebbe piaciuto disegnarlo!'

Se Trimpe ha davvero boicottato Hulk, è stato solo per un breve periodo, dal momento che stava disegnando di nuovo regolarmente il personaggio in I difensori e in occasionali progetti a breve termine nel 1979, quando il fumetto di Godzilla stava volgendo al termine.

in che periodo di tempo è impostato mulan?
Godzilla e Red Ronin nei fumetti Marvel

Credito: Marvel Comics. Red Ronin arriva per impedire la distruzione del cantiere navale di San Diego in Godzilla #8 (marzo 1978). Scritto da Doug Moench, disegni di Herb Trimpe e Fred Kida.

MOSTRO, INTERROTTO

Godzilla della Marvel concluso con il numero 24, ma non a causa delle basse vendite o dell'insoddisfazione di Toho. ('Non hanno mai obiettato a una sola cosa che abbiamo fatto', dice Moench.) Quando il contratto è arrivato per il rinnovo, Toho ha deciso di aumentare la quota che la Marvel stava pagando per i diritti di pubblicazione, a tal punto che la Marvel ha scelto di interrompere il serie.

'È quasi finito dopo il dodicesimo numero', rivela Moench. 'Avevamo un contratto di un anno e mi è stato detto che la Toho ha cercato di raddoppiare il canone di licenza dopo un anno'. Marvel e Toho sono riusciti a venire a patti per il secondo anno, ma non ci sono riusciti per il terzo. La licenza di Godzilla alla fine è finita alla Dark Horse Comics e, più recentemente, alla IDW Publishing.

Oggi, con Godzilla e Marvel in piedi come potenze cinematografiche e gli effetti visivi più spettacolari che mai, l'idea di un film crossover, che ricorda quello che Moench e Trimpe hanno ottenuto nella loro serie di fumetti più di 40 anni fa, non sembra più completamente fuori dal regno delle possibilità.

'Soprattutto se la Disney acquista Toho', dice Moench ridacchiando. 'Stanno comprando tutto il resto, vero?'



^