Coronavirus

Cosa c'è di sbagliato in Outbreak - e cosa c'è di giusto - sulla diffusione virale

>

Mentre il coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo, un gran numero di persone si rivolge, tra tutte le cose, a film su pandemie immaginarie per divertimento e, forse, per qualche strano conforto. Noleggi su iTunes e Amazon per film come Contagio salito alle stelle, e Epidemia è stato uno dei film più trasmessi in streaming di Netflix. Si dà il caso che il 10 marzo fosse Epidemia il 25esimo anniversario.

Epidemia è abbastanza vecchio per noleggiare un'auto, ed è anche apparentemente abbastanza vecchio per diventare di nuovo del tutto rilevante, ora che il mondo è stato devastato da una pandemia. Quindi, in uno spirito di festa (e un po' di autopunizione), per l'edizione di questa settimana di Science Behind the Fiction, ci siamo seduti a guardare Epidemia di nuovo per vedere cosa ha funzionato bene e cosa ha sbagliato.

LA PREMESSA



Parlando di mutazione, nel film, Salt (Gooding Jr.) identifica la mutazione tramite microscopia ottica, il tipo di microscopi che molti di noi hanno probabilmente usato a scuola. Questa è finzione totale. Ci sono pochissimi virus abbastanza grandi da essere visti in ogni dettaglio reale tramite microscopi ottici. Qualcosa come Ebola o Motaba avrebbe bisogno di un microscopio elettronico per esaminare in dettaglio.

Anche allora, è improbabile che una mutazione sia così facilmente evidente all'occhio. Piuttosto che un segnale visibile, di solito dobbiamo sequenziare il genoma per trovare mutazioni. La sequenza, come è presentata nel film, è del tutto irrealistica, ma fa un buon cinema.

Infine, e soprattutto, la velocità con cui USAMRIID sintetizza un antisiero per la variante Motaba è totalmente impossibile. Una volta catturato l'animale ospite, Salt è in grado di preparare un trattamento farmacologico in un paio d'ore. Sebbene fosse narrativamente necessario, per timore che i personaggi centrali soccombessero alla malattia, è la cosa più irrealistica che accade in un film pieno di cose irrealistiche. Come abbiamo visto con COVID-19, lo sviluppo di trattamenti farmacologici efficaci richiede molto tempo. Inoltre, ci sono molte malattie che esistono da decenni per le quali non abbiamo ancora cure.

Anche se fosse una specie di prodigio, capace di arrivare a un trattamento efficace in così poco tempo, ci sono una miriade di ostacoli legali che dovresti superare prima di poter iniziare a pomparlo nelle vene delle persone. La triste verità è che, anche nel migliore dei casi, la città di Cedar Creek era condannata, indipendentemente dal fatto che Donald Sutherland abbia lanciato la sua bomba o meno.

Alla fine, Epidemia è molto più un film sull'azione e sui fallimenti morali umani che sulla realtà delle epidemie virali. Comunque, quella scimmia era carina. E in tempi come questi, quando le cose possono sembrare un po' disperate, è bello avere un nemico che possiamo sconfiggere con qualche acrobazia in elicottero.

Puoi trasmettere in streaming Epidemia su Netflix, dalla sicurezza di casa tua. Stai al sicuro là fuori.



^