Alfred E. Neumann

Cosa, mi preoccupo? MAD Magazine sta interrompendo i nuovi contenuti regolari dopo 67 anni

>

Dopo quasi 70 anni, l'iconico Rivista MAD non rilascerà più contenuti originali su base bimestrale, Bloomberg ha confermato . Tra poche settimane, la nota testata satirica (recentemente rinnovata dalla DC Comics) proporrà solo materiale vintage e speciali di fine anno. I fan della rivista parodia possono ancora ritirare questi numeri nei negozi di fumetti o farli spedire a casa tramite abbonamento.

'Lavorare al MAD è stato un sogno d'infanzia diventato realtà', ha scritto l'ex editor di MAD Allie Goertz in un toccante thread su Twitter (incorporato di seguito). 'MAD è un'istituzione con una storia così ricca. Ha informato quasi tutti i comici e gli scrittori a cui (e probabilmente tu) guardo. Ho lavorato con ICONS. Le visite di Sergio Aragoné erano comuni. Al Jaffee fa ancora il fold-in!'

Fondato da Harvey Kurtzman William Gaines all'inizio degli anni '50, MAD si è rapidamente affermato come il gold standard nel posizionare uno specchio incrinato e comico alla società e alla cultura pop. Senza paura di criticare qualsiasi cosa, dalla politica (come il leggendario scandalo Watergate) ai film e agli spettacoli televisivi, la rivista è stata immortalata con un po' di aiuto dalla sua mascotte sdentata e lentigginosa, Alfred E. Neuman e il suo famoso tormentone di 'Cosa, mi preoccupo? '



Inoltre, il periodico ha contribuito a trasformare artisti come Sergio Aragones , Don Martin e Al Jaffee in nomi familiari. In particolare, la striscia 'A MAD Look At...' di Aragonés e la pagina ripiegata di Jaffe sono diventate imperativi assoluti per quasi ogni singolo numero.

La notizia di MAD (l'ultima pubblicazione di parodia in stampa dopo le terminazioni fisiche di Spy e The Onion) che non ha più rilasciato nuovi contenuti è stata pianta in lungo e in largo sui social media da persone come Rob Delaney, Mark Hamill, Weird Al Yankovic e il regista Brad Bird. John Carpenter ha persino scherzato sul fatto che il terremoto di 6.4 di ieri a Los Angeles sia stata una punizione celeste per la cancellazione della rivista.




^