Spazio

Quello che ora è il buco nero conosciuto più vicino alla Terra è un vero unicorno

>

I buchi neri possono evocare visioni di bocche spalancate nell'oscurità, divorando silenziosamente tutto, dalla polvere di stelle a intere stelle che si avventurano troppo vicino, ma non tutti sono leviatani spaziali.

C'è una stella collassata che è più un unicorno che un mostro. L'unicorno , chiamato appropriatamente poiché si nasconde nella galassia Monoceros (che letteralmente si traduce in un corno), è il più nuovo di questi oggetti scoperti e ora il buco nero conosciuto più vicino alla Terra, e uno dei più piccoli di sempre. Nessuno pensava che un buco nero di queste dimensioni potesse aver trascinato una gigante rossa morente, ma il ricercatore Tharindu Jayasinghe aveva altre idee.

Sembra esserci un massimo teorico per la massa di una stella di neutroni fino a 3 masse solari, Jayasinghe, che ha recentemente condotto uno studio pubblicato su Astrobiologia , ha detto a SYFY WIRE. Quindi l'Unicorno è davvero uno dei buchi neri più piccoli possibili. Trovare questi sistemi aiuterà gli scienziati a comprendere i meccanismi di formazione dei buchi neri e delle stelle di neutroni.

L'Unicorno è un oggetto compatto con gap di massa a circa 1.500 anni luce dalla Terra. Rari e non ben compresi, questi sono oggetti cosmici che non sono affatto piccoli per gli occhi umani. La stella di neutroni più pesante che è stata trovata finora ha 2,5 masse solari, mentre l'Unicorno è tra i più piccoli buchi neri conosciuti a 3 masse solari. Le poche che sono state rilevate sono tutte intorno a 5 masse solari. Se esiste qualcosa in quel divario di massa tra la stella di neutroni più pesante e i buchi neri più leggeri è ciò che gli scienziati stavano cercando di scoprire, e l'Unicorno si adatta.

I veicoli spaziali e i telescopi non sono in grado di rilevare i buchi neri a meno che una stella non venga distorta dalle maree. Se la nostra tecnologia inconsapevolmente non raccoglie informazioni sufficienti su ciò che osserva e i dati trasmessi suggeriscono un buco nero che potrebbe essere davvero una stella di neutroni o viceversa, potrebbe non esserci alcun divario di massa. Potrebbe essere solo quello ci sono entrambi stelle di neutroni più pesanti o più (relativamente) micro-buchi neri di quanto pensassimo. Tuttavia, è molto probabile che le perturbazioni di marea sperimentate dalla stella gigante rossa provengano dall'attrazione gravitazionale di un buco nero che la sta distorcendo.

buco nero

Che aspetto potrebbe avere un buco nero nella Via Lattea (come l'Unicorno). Credito: Foto 12/Universal Images Group/Getty Images

scoperta delle streghe libro 4

Siamo stati in grado di studiare come la luminosità della gigante rossa variasse lungo la sua orbita usando le curve di luce di vari telescopi, ha detto Jayasinghe. La variabilità di queste curve di luce dipende da alcuni fattori, tra cui l'inclinazione orbitale del sistema e il rapporto tra la massa della gigante rossa e il buco nero. Le curve di luce ci informano anche del periodo orbitale di questo sistema.

Le stelle che sono distorte dalle maree fluttuano in luminosità mentre orbitano, formando un tipo di sistema chiamato an variabile ellissoidale . I buchi neri non sono quasi mai le stelle compagne in questi sistemi. Utilizzando i dati sull'orbita della gigante rossa, compreso il tempo impiegato per completare un'orbita, quanto eccentrica fosse quell'orbita, la sua distanza dal buco nero, è stato combinato con le informazioni che Jayasinghe e il suo team avevano già sulle curve di luce. Questo li ha aiutati a capire proprietà come le masse della stella e del buco nero.

Come si sia formato l'Unicorno rimane un mistero. Le stelle più massicce crollare su se stessi quando muoiono, creando un buco nero. Le stelle leggermente più piccole, ma comunque enormi, diventano supernova e dopo aver esaurito tutto il loro combustibile di idrogeno, si trasformano in buchi neri o stelle di neutroni in seguito. Il motivo esatto per cui una stella collassa o esplode è qualcosa che è sfuggito anche agli scienziati. Se ci sono più piccoli buchi neri come l'Unicorno là fuori, potrebbe aiutare a spiegare almeno alcune ragioni dietro le morti per cui le stelle muoiono.

Jayasinghe crede che ci siano più sistemi come questo in attesa di essere trovati. Gaia potrebbe essere in grado di scoprire da 100 a 1.000 variabili ellissoidali simili al sistema Unicorn, che sono quante, secondo lui e il suo team, potrebbero nascondersi nella Via Lattea.

Stiamo attivamente cercando sistemi simili utilizzando le curve di luce dell'All-Sky Automated Survey for SuperNovae (ASAS-SN) per identificare variabili ellissoidali e set di dati come APOGEE e LAMOST, ha affermato. Sebbene questi dati non siano sufficienti per confermare definitivamente la presenza di buchi neri di massa ridotta, siamo ottimisti sul fatto che possiamo trovare più sistemi come l'Unicorno.

Per ora, l'Unicorno è un vero unicorno tra i buchi neri, ma più di questi oggetti sfuggenti potrebbe apparire quasi magicamente in futuro.



^