Fumetti Di Meraviglia

La strana e selvaggia storia di Dazzler

>

Dazzler è un personaggio raro in quanto tende a emergere più nella conversazione che sulla pagina stampata. Nonostante un set di poteri piuttosto tipico e la mancanza di una solida caratterizzazione per tutta la durata della sua serie in corso, la sua storia di origine molto strana si fonde con una bizzarra storia di pubblicazione fino a quando non ti rendi conto che TIME potrebbe essere stato su qualcosa quando l'hanno soprannominata una delle migliori 10 della Marvel personaggi più strani.

The Dazzler era un concetto senza nome proposto alla Marvel come progetto di marketing congiunto tra loro e la casa discografica Casablanca Records, che esiste ancora oggi (sebbene dopo una lunga serie di cambiamenti all'interno dell'azienda). Alla fine degli anni '70, Casablanca aveva visto un grande successo con artisti come Cher e Donna Summer. Parzialmente ispirati dalla loro fusione con una società cinematografica, hanno iniziato a cercare iniziative multimediali per espandere le loro proprietà. La band KISS, il cui approccio esagerato al merchandising era alla pari con quello dei Beatles durante la Beatlemania, aveva incluso la pubblicazione di un fumetto di successo con loro stessi protagonisti come parte del loro marchio. Prendendo spunto, i dirigenti di Casablanca hanno cercato di fare un accordo con la Marvel Comics per creare un popolare cantante da discoteca che avrebbe fatto coincidere un fumetto, un film e un album l'uno con l'altro. Non è andata proprio così.

Il design originale del Dazzler di John Romita Jr. era visivamente basato sulla cantante Grace Jones; tuttavia, è stata presa la decisione di basare il design di Dazzler invece su Bo Derek, che era, all'epoca, un attore di nuova popolarità, e i cui capelli biondi e il fisico erano ritenuti più adatti al personaggio. Questo ha deluso Romita e continua a frustrare i fan, poiché Grace Jones ha continuato ad avere un significato culturale molto più grande. Il senso dello stile e delle prestazioni di Jones sono considerati all'avanguardia anche per gli standard odierni, e un Dazzler basato sul suo aspetto sarebbe stato davvero un personaggio molto diverso. Nonostante le innumerevoli e innumerevoli realtà alternative dell'universo Marvel, dobbiamo ancora vedere l'apparizione di un Dazzler ispirato a Jones, ed è nella migliore delle ipotesi un'occasione mancata, nella peggiore un altro esempio di razzismo aziendale che genera omogeneizzazione nei personaggi dei fumetti.



originaldazz

Rimane un trattamento di 11 pagine per un film di Dazzler disponibile per la lettura sul blog dello scrittore Jim Shooter . È assolutamente pazzesco. Non solo il film richiedeva un cast apparentemente lontano (inclusi Rodney Dangerfield e KISS), ma la trama incorpora così tante idee diverse che diventa quasi impossibile da seguire anche in forma di trattamento. Non sorprende che il film non si sia mai realizzato, ma un fumetto chiamato Dazzler: il film fatto. C'è stato qualche commento sulle dinamiche relazionali molto scomode tra i personaggi di Shooter, e Dazzler: il film non è diverso. Dazzler è scritto come un oggetto da conquistare per i personaggi maschili meno importanti ma stranamente prominenti. Anche se non è esattamente buono, il fumetto rimane stranamente avvincente nella sua assoluta novità.

La prima apparizione ufficiale di Dazzler è stata, ancora più paradossalmente, proprio nel mezzo della famigerata Dark Phoenix Saga degli X-Men. Mentre gli X-Men sono nel mezzo di una delle loro saghe più epiche e sconvolgenti, si imbattono in una discoteca dove si esibisce Dazzler, che sembra Bo Derek filtrato attraverso circa 15 palle da discoteca. Questa era Alison Blaire, una cantante da discoteca che aveva inizialmente scoperto i suoi poteri quando si esibiva in un talent show e li aveva affinati per migliorare la sua carriera di cantante. Suo padre disapprovava, trattandola male perché disapprovava sia la sua vita come cantante che la sua esistenza come mutante.

Quando gli X-Men irrompono nel suo spettacolo, tentando di fuggire dall'Hellfire Club, Alison li aiuta a combattere i cattivi perché la fa arrabbiare che le persone stiano rovinando il suo spettacolo. Quando gli X-Men le offrono un posto nella squadra, lei rifiuta, sostenendo che la sua vita come cantante e performer è ciò che vuole veramente. Dazzler rimane uno dei pochissimi mutanti che usa i suoi poteri praticamente e per scopi di carriera piuttosto che semplicemente per impegnarsi in combattimenti a tappeto con i supercriminali, e questo la rende unica.

dazzlerdisco

Quando Dazzler ha ottenuto la sua serie in corso, si è distinto come distintivo tra i fumetti dell'epoca. Sebbene abbia pubblicato solo 42 numeri, si è concentrato più sulla sua carriera di attrice e musicista e sulla sua ricerca per trovare l'amore che sulla sua vita da supereroina riluttante. Alison ha nascosto attivamente la sua identità di mutante, il che dà un'indicazione del perché i lettori queer sono stati alcuni dei fan più importanti di Dazzler nel corso degli anni.

Nonostante molti numeri con copertine accattivanti del famoso artista sperimentale Bill Sienkiewicz, e oltre ad alcuni problemi interessanti in cui Mystica, il suo amante Destiny e la loro figlia Rogue appaiono come cattivi, la serie Dazzler non era un peso massimo creativo. I numeri sembravano incerti sul fatto che facessero parte di un fumetto romantico o di un libro di supereroi e, sebbene siano una lettura deliziosa, non c'è mai una fusione riuscita dei due mondi. Questo riflette molto nella rappresentazione del personaggio di Alison. In breve, i tempi erano scaduti e la serie si è conclusa senza tante cerimonie.

Quando è stata presa la decisione di riunire il team originale di X-Men sopravvissuto in un nuovo libro intitolato X Factor alla fine degli anni '80, Dazzler fu preso in considerazione per l'adesione. Mentre i quattro personaggi maschili sono sopravvissuti, tra cui Ciclope, Bestia, Uomo di ghiaccio e Angelo, c'è stato un intoppo nel piano a causa del fatto che Jean Gray era presumibilmente morto alla fine della Saga della Fenice. A causa di un retcon particolarmente complicato, alla fine Jean è stato scoperto mentre dormiva in un bozzolo in fondo alla Baia di Hudson, e Dazzler era di nuovo nel limbo. Tuttavia, non rimase lì a lungo.

La miniserie La bella e la bestia nel 1984 si concentrò su Alison Blaire dopo che aveva perso la sua carriera a causa della rivelazione pubblica che era una mutante. In uno dei fumetti più stranamente caratterizzati e tracciati dell'epoca, lei e la Bestia degli X-Men hanno una fugace ma accattivante relazione. La Dazzler della metà degli anni '80 è stata ferita, il suo ego ha sofferto il colpo devastante della perdita della sua popolarità a causa di fattori al di fuori del suo controllo. La Bestia è caratterizzata in modo molto diverso da come era tipicamente nelle storie di X-Men, mostrando una visione più violenta e maschile della Bestia blu che rimbalza che abbiamo imparato a conoscere e ad amare. La serie si è conclusa con le due strade separate, ma rimane una delle relazioni più interessanti e importanti di Alison.

Dazzler ha goduto di un periodo abbastanza lungo con gli X-Men durante la loro strana fase dell'outback australiano, in cui la maggior parte del mondo pensava che fossero deceduti e la squadra era composta principalmente da personaggi mutanti meno conosciuti come Longshot e Havok. Sebbene questa era abbia contribuito a portare personaggi come Rogue sotto i riflettori, è considerato un periodo bizzarro per la squadra, poiché i precedenti metodi di narrazione hanno subito cambiamenti significativi e i personaggi hanno assunto un aspetto molto più oscuro. Nel frattempo, la stessa Alison ha avuto una grande crescita. Non solo ha iniziato la sua relazione di lunga data con il famoso ragazzo della realtà alternativa Longshot, ma abbiamo anche imparato a conoscerla come un X-Man capriccioso, geloso, ma alla fine affascinante e coraggioso.

L'era dell'entroterra australiano degli X-Men si è conclusa quando gran parte della squadra ha incontrato la morte in modi molto specifici del personaggio su diversi problemi, e sono stati poi percorsi attraverso un Dio dalla macchina dispositivo noto come Siege Perilous, che ha portato a trasformarli tutti in qualche modo. Dazzler e Longshot sono finiti nella sua dimensione natale, altrimenti nota come Mojoverse. Ben più avanti della curva dei reality e dei social media, il Mojoverse era un mondo alternativo governato da un megalomane noto come Mojo, che si preoccupava solo delle valutazioni e avrebbe ferito, schiavizzato e sacrificato chiunque nella sua ricerca di potere. Dazzler e Longshot si sono ribellati a questo cattivo assetato di potere, ma la maggior parte di quelle storie sono avvenute fuori dalle pagine mentre i due sono stati sconfitti nel limbo dei fumetti per oltre un decennio.

Dopo essere uscito dagli X-Men, Dazzler è apparso solo occasionalmente come guest star. Ricordato molto meglio dai fan degli anni '90 e dei primi anni 2000 come un concetto datato rispetto al personaggio completo e interessante che era diventata, la maggior parte delle sue apparizioni nei fumetti mainstream durante quel lungo periodo riguardavano il fallimento auto-percepito della sua carriera come una cantante e la sua vita da combattente per la libertà nel Mojoverse. Mentre è stato suggerito che fosse rimasta incinta a un certo punto, in seguito per dare alla luce il mutante che sarebbe cresciuto fino a diventare lo Shatterstar di X-Force, i dettagli intorno rimangono confusi. È stata anche brevemente immortale e un agente dello S.H.I.E.L.D. per un secondo caldo, che parla della vera flessibilità del personaggio di Alison tanto quanto lo fa con gli scrittori che sinceramente non sembrano mai sapere bene cosa fare con lei.

Dazzler è tornato a un normale libro mensile con Nuovo Excalibur, poi cancellato troppo presto. Finì con la sua rottura con Longshot, la cui filosofia del libero amore aveva a lungo reso Dazzler a disagio e infelice. Nel X-Treme X-Men , ci è stata presentata una versione in realtà alternativa di Dazzler, che è apparso come il leader di una squadra particolarmente ruvida di X-Men interdimensionali. Dopo le sue apparizioni di successo in quella serie, è stata presentata come uno dei personaggi principali in Una forza .

Anche se è in sospeso se vedremo Dazzler nei prossimi film degli X-Men, c'è una piccola scena dell'uovo di Pasqua in X-Men: Apocalisse quando Ciclope tiene in mano uno dei dischi di Dazzler. Ciò ha finito per essere alquanto controverso, considerando il fatto che all'artista, il già citato Bill Sienkiewicz, non è stato dato un avvertimento dai registi o dalla Marvel che la sua immagine (originariamente apparsa come copertina di Abbagliante #29 ) è stato utilizzato nel film.

Nonostante non sia apparsa nei film, Alison Blaire è apparsa nel pilot originale della serie animata X-Men noto come Pride degli X-Men , con un Wolverine stranamente australiano e molti elementi comici senza senso messi insieme per creare un episodio. In seguito, è apparsa nella Dark Phoenix Saga, come raccontato dalla serie animata, anche se nei suoi abiti punk piuttosto che nelle sue vesti di star della discoteca. L'outfit da discoteca, tuttavia, ha fatto un breve ritorno in un numero di Piscina morta , così come un episodio di Wolverine e gli X-Men .

Più di recente, Dazzler ha ricevuto una one-shot dalla scrittrice Magdalene Visaggio e dalla disegnatrice Laura Braga, chiamata Dazzler: X-Song . Con una versione ormai punk di Dazzler che vive a Brooklyn, la storia ha ridefinito la cantante per una nuova era mantenendo intatti molti dei suoi tratti caratteriali essenziali. In parte per motivi nostalgici e in parte per il fatto che si tratta di un personaggio che non ha mai avuto il dovuto, è emozionante vederla apparire di nuovo in un contesto più moderno. Nonostante il suo passato molto strano e tumultuoso, speriamo di vedere Alison Blaire dare il meglio di sé nel prossimo futuro.

xmenapoc


^