Edward Norton

Wednesday Rewatch: The Incredible Hulk è entrato nel MCU 10 anni fa in un film dimenticato

>

Benvenuto in Wednesday Rewatch , una serie di SYFY WIRE che sfida gli scrittori a rivedere un film di fantascienza, fantasy o altro di genere che hanno già visto e rivalutare in un nuovo contesto. Questa settimana ci rivediamo L'incredibile Hulk (2008) per celebrare il decimo anniversario della sua uscita, che sembra essere oggi!

L'incredibile Hulk è stato a lungo considerato lo strano figlio indesiderato del Marvel Cinematic Universe. In uscita poco più di un mese dopo Uomo di ferro , è stata la seconda uscita ufficiale dei Marvel Studios dopo il lancio della società come entità di produzione cinematografica autonoma e a servizio completo. Ma non era senza bagaglio che, agli occhi di molti fan, lo teneva in una strana zona grigia con un grande piede verde fuori dall'MCU e uno dentro.

Per cominciare, è stato originariamente concepito come un sequel del 2003's Hulk , il film diretto da Ang Lee con Eric Bana e prodotto dagli Universal Studios molto prima che l'MCU diventasse una sua entità distinta. quando Hulk non è riuscito a fare il business al botteghino che la Universal sperava, i diritti creativi sono tornati alla Marvel. Vedendo un'opportunità, lo studio nascente ha deciso che avrebbe fatto un soft reboot del personaggio e avrebbe incorporato Hulk nell'MCU, sebbene la Universal avesse ancora il diritto di distribuire qualsiasi futuro film standalone di Hulk.



Quindi, anche se quattro dei primi cinque film dei Marvel Studios sono stati distribuiti dalla Paramount (fino a quando la Disney ha acquistato la Marvel nel 2009), L'incredibile Hulk è stato rilasciato dalla Universal, ed è per questo che non hai ancora visto la Marvel produrre un altro film basato esclusivamente su Hulk, mantenendolo invece in film d'insieme.

PRIMO GUARDIA

vidi L'incredibile Hulk in una proiezione stampa solo un paio di settimane prima che uscisse nelle sale. C'era un livello di anticipazione ed eccitazione per il film perché, secondo quanto riferito, la Marvel aveva rivisto l'intero concetto, allontanandosi dall'estetica d'essai-incontra-il fumetto del film di Ang Lee, incorporando anche più materiale dai fumetti stessi. Dietro la macchina da presa c'era Louis Leterrier, un regista francese che si era dimostrato capace di creare sequenze di azioni cinetiche in film come Il trasportatore e il suo seguito.

Edward Norton nell'incredibile Hulk

Credito: Marvel Studios

Toy Story 4 chiave e buccia

E davanti alla telecamera c'era un cast completamente nuovo, guidato da Edward Norton nei panni di Bruce Banner/The Hulk. L'ottenimento del (all'epoca) due volte candidato all'Oscar solo per il suo secondo lungometraggio indipendente è stato considerato un grande colpo di stato per la Marvel: Uomo di ferro 's Robert Downey Jr. era più o meno un progetto di bonifica e una scommessa , mentre Norton era un talento sano, fiorente, di serie A. Norton aveva anche lavorato alla sceneggiatura del film (che è accreditato a Zak Penn), apparentemente indicando il suo investimento personale nella produzione.

Insieme a lui c'erano Liv Tyler nei panni di Betty Ross, William Hurt nei panni del generale Thaddeus 'Thunderbolt' Ross e Tim Roth nei panni di Emil Blonsky, la cui origine a fumetti è stata alterata per renderlo un mortale ufficiale delle operazioni speciali che alla fine viene trasformato (tramite il siero del super soldato) in Il cattivo di lunga data dei fumetti di Hulk, L'Abominio.

Ricordo la sensazione di naufragio che ho avuto la prima volta che l'ho guardata L'incredibile Hulk come ho capito che il film non funzionava. All'inizio sembrava promettente: rinunciare alla storia delle origini durante i titoli di coda è stata un'idea intelligente da parte della Marvel, visto che erano passati solo cinque anni dall'ultimo film e non c'era bisogno di ripassare quel terreno.

Il film si apre con Banner nascosto in una favela di Rio, ma a differenza delle precedenti (e future) iterazioni del personaggio, non sta aiutando le persone lì come medico. Sta lavorando in una fabbrica di imbottigliamento di soda mentre rintraccia un fiore che potrebbe essere in grado di fornire un antidoto alla sua condizione. Dice a malapena una parola durante il primo atto del film, che si trascina fino alla prima - e certamente elettrizzante - sequenza d'azione, in cui Banner si trasforma in Hulk mentre viene inseguito prima attraverso la fabbrica e poi per le strade da un Blonsky - squadra guidata.

date di uscita dei film d'animazione dc

richiamo L'incredibile Hulk avendo tre problemi principali quando lo guardavo la prima volta: una storia sottile che serviva semplicemente a mettere insieme tre grandi scene d'azione, personaggi poco sviluppati e una recitazione selvaggiamente divergente (Norton manca stranamente di energia nel ruolo, mentre Hurt mastica ogni pezzo di scenario riesce a trovare) e una computer grafica tutt'altro che spettacolare, che ha fatto sembrare sia Hulk che l'Abominio per la maggior parte avatar di videogiochi.

Dopo l'energia esilarante e l'umorismo di Uomo di ferro , L'incredibile Hulk arrancava cupamente nella sua scia, sostanzialmente priva di entrambi.

l'incredibile-hulk-blonsky-vs-hulk

Fonte: Marvel Studios

IL REWATCH UFFICIALE

Nell'ultimo decennio, poiché l'MCU è diventato il mostro al botteghino e il fenomeno culturale che è ora, ci sono stati tentativi occasionali di guardare indietro L'incredibile Hulk e forse dargli più credito di quanto inizialmente concesso, rivalutando anche il suo posto nello stesso MCU.

Ma rivedendo me stesso per la prima volta dopo anni (non ricordo davvero se l'ho mai visto di nuovo da quella prima proiezione per la stampa), è diventato subito evidente che gli stessi problemi che affliggevano il film allora sono ancora lampanti ovvio oggi.

L'incredibile Hulk è solo, in una parola, noioso. Si tratta di due questioni principali: la mancanza di slancio narrativo nella sceneggiatura e Norton che spreca l'opportunità di fare qualcosa di straordinario con il personaggio di Bruce Banner. Mostra occasionali lampi di rabbia e umanità, ma è soprattutto un cifrario, che si lascia inseguire da una situazione all'altra senza mai farsi carico della propria storia fino alla fine, quando sceglie per la prima volta di interpretare Hulk in per affrontare l'Abominio.

perché i Teen Titans sono cambiati?

Il personaggio più interessante è Emil Blonsky di Roth, che vede il siero del super soldato come un modo per salvare il suo corpo invecchiato e rendersi utile per gli anni a venire come agente militare. Ma anche l'arco narrativo di Blonsky diventa uno scenario di serie, in cui è impazzito dalla formula (cosa che non è mai successa né a Capitan America né a Banner stesso) e alla fine si trasforma in un mostro, anche se nel momento in cui ciò accade, Banner è stato catturato e non c'è nessuna vera ragione o motivazione per Blonsky per diventare completamente Abominio.

Non sorprende che il personaggio scritto più pigramente sia Betty, che è lì solo per a) fornire conforto a Banner o b) essere spinto in situazioni pericolose (l'MCU era lontano anni da personaggi come Black Widow, Valkyrie e Okoye). Liv Tyler non è la migliore attrice nemmeno in buone circostanze, e la sua voce ansimante da ragazzina fa ben poco per venderla come la donna intelligente, pratica e caparbia che Betty era nei fumetti.

Ma anche indipendentemente dagli alti e bassi del cast, L'incredibile Hulk soffre di più da una sceneggiatura che non dà mai veramente corpo ai suoi personaggi né dà loro una trama avvincente e propulsiva. Dieci anni dopo, il film gioca ancora principalmente come una catena di scene tenute insieme da una scena espositiva dopo l'altra. Il migliore di questi rimane l'inseguimento alla favela, dal momento che Leterrier lo gira quasi come un film dell'orrore, mantenendo Hulk nell'ombra il più a lungo possibile.

Ovviamente, la tecnologia ha fatto passi da gigante negli ultimi dieci anni, ed è quasi ingiusto confrontare l'Hulk dei film Marvel di oggi con il grande ragazzo grigio-verde in L'incredibile Hulk . Ma anche per gli standard del 2008, sia Hulk che l'Abominio non sembrano mai più che creazioni generiche in CG. La Marvel all'epoca operava con budget relativamente bassi e si vede più chiaramente nei mostri del film, insieme ad alcune scene che sono o stranamente prive di persone (come la prima battaglia con Hulk nel campus della Culver University) o legate al set (come l'ultimo combattimento sul tetto ad Harlem).

MENZIONI NOTEVOLI

Thaddeus Ross Redux: L'unico attore a tornare nel Marvel Cinematic Universe da L'incredibile Hulk è Ross di William Hurt, che da allora è apparso in Capitan America guerra civile e Avengers: Infinity War dopo aver ricevuto una promozione a Segretario di Stato. È stato bello rivederlo in entrambi i film, se non altro perché la Marvel potesse riconoscere che, sì, L'incredibile Hulk fa ancora parte dell'MCU.

Seguire il leader: D'altra parte, il brain trust dell'MCU ha perso un'opportunità non riportando Tim Blake-Nelson come The Leader. Blake-Nelson appare per una manciata di scene in L'incredibile Hulk come Dr. Samuel Sterns, uno scienziato pazzo ed eticamente sfidato che prima aiuta Banner e poi Blonsky. La sua scena finale nel film lo trova sul pavimento, il siero del super soldato che gocciola nel suo cranio, che inizia a pulsare e ad espandersi. I fan dei fumetti riconosceranno questo come l'inizio della sua trasformazione in The Leader, uno dei nemici più noti di Hulk. La mancanza di un film standalone di Hulk ha forse tenuto The Leader fuori dallo schermo, ma ci piacerebbe vedere la Marvel trovare un posto per lui da qualche parte.

l'incredibile-hulk-tim-blake-nelson

Fonte: Marvel Studios

x men dark phoenix comic

Uova di Pasqua: Come con tutti i film MCU, ci sono molti riferimenti all'Universo Marvel in L'incredibile Hulk . Curiosamente presenta anche tre cenni all'amata serie TV del 1978 che ne condivide il nome: la sequenza di origine che recita sotto i titoli di coda è messa in scena come quella della serie, i cameo originali di Hulk Lou Ferrigno come guardia di sicurezza, e c'è un assaggio del in ritardo, il grande Bill Bixby su uno schermo televisivo in un'altra sua popolare serie, Il corteggiamento del padre di Eddie .

Per quanto riguarda i cenni cinematografici, la maggior parte delle armi nel film è marchiata con il logo delle Stark Industries, Banner è tracciato a un certo punto dallo S.H.I.E.L.D. e il nome di Nick Fury si intravede su un memo. Ty Burrell interpreta il fidanzato di Betty, Leonard Samson, che appare nei fumetti come Doc Samson, a volte un alleato di Hulk. Stan Lee, ovviamente, si presenta nel secondo dei suoi numerosi cameo MCU come un uomo che beve una bottiglia di soda contaminata dal sangue di Banner (ci piacerebbe vedere Stan Hulk fuori, ma non scopriamo mai cosa è successo al personaggio ).

Ci sono anche altri piccoli riferimenti, ma il più grande uovo di Pasqua è riservato alla fine del film, non dopo i titoli di coda, tra l'altro, ma prima che escano. Mentre il generale Ross è seduto in un bar a bere qualcosa, viene avvicinato da Tony Stark di Downey, il quale afferma che una squadra è stata messa insieme, un chiaro riferimento ai Vendicatori. Guardandola ora, tuttavia, la scena ha poco senso dal momento che inizialmente Tony era riluttante a unirsi ai Vendicatori. E perché vuole fare il giro di Ross? Reclutare Hulk o fermarlo?

L'ASPORTO

con nessuno dei due HulkL'incredibile Hulk facendo esplodere il botteghino (quest'ultimo rimane l'incasso più basso dei 19 film del MCU fino ad oggi), sembrava evidente che non ci fosse un grande appetito del pubblico per vedere Hulk nei suoi film. E anche se secondo quanto riferito Norton sarebbe tornato nel ruolo per il 2012 I Vendicatori , avrebbe voluto troppo controllo creativo per i gusti della Marvel ed è stato sostituito da Mark Ruffalo, che ha interpretato con successo Banner/Hulk in quattro film, un cortometraggio e una scena post-crediti.

L'incredibile Hulk di certo non hanno fatto molto per aiutare la propria causa, e nemmeno Norton né Leterrier hanno fatto abbastanza per giustificare il loro continuo coinvolgimento. Forse Hulk non funziona da solo come personaggio, almeno nei film, perché non è né un supereroe in piena regola né un mostro a tutti gli effetti. Quella tensione tra i due lati della sua personalità potrebbe funzionare meglio come una letterale bomba a orologeria nel mezzo di un gruppo, che non sa mai quando potrebbe dover smettere di combattere un esercito di Chitauri o Ultron e iniziare a lottare con uno di loro.

Se sei un completista MCU, L'incredibile Hulk dovrebbe far parte della tua collezione di sicuro. Alla fine, tuttavia, il film soffre di direzioni creative contrastanti e Norton non ha né il carisma ardente e umorismo di Robert Downey Jr. né il cuore di Chris Evans. Il confronto più vicino che riesco a trovare è Al servizio segreto di Sua Maestà , il film di James Bond del 1969 con protagonista lo 007 George Lazenby. Mentre OHMSS è in realtà un film superiore nei suoi termini, il che L'incredibile Hulk non lo è - entrambi esistono adiacenti alle loro rispettive mitologie, come un lontano membro della famiglia i cui genitori tutti ricordano ma che loro stessi sono una specie di estraneo.



^