Caronte

Ora abbiamo mappe ufficiali ad alta risoluzione di Plutone e Caronte

>

Tre anni fa domani - il 14 luglio 2015 - la navicella spaziale New Horizons ha superato Plutone a una velocità di 13,8 chilometri al secondo (quasi 50.000 chilometri all'ora). Al massimo avvicinamento era a soli 12.500 km sopra la superficie ghiacciata del mondo, il che è incredibile visti i 5 miliardi di km che aveva percorso per arrivarci!

Giusto in tempo per l'anniversario, il team di New Horizons ha pubblicato mappe ad alta risoluzione sia globali che topografiche (elevazione) di Plutone e della sua luna Caronte, le prime del loro genere ad essere state ufficialmente convalidate. Le immagini di Caronte hanno una risoluzione fino a circa 1,5 chilometri per pixel, mentre alcune aree di Plutone sono state viste a 70 metri per pixel!

Le mappe sono disponibili presso la NASA Sistema di dati planetari , ma noterò che richiedono una certa esperienza per essere utilizzati. La mia amica Emily Lakdawalla ha tutorial online su come elaborarli (Compreso un video tutorial da 88 Mb che puoi scaricare ). Non ho giocato con loro, a dire il vero, essendo un esperto nell'elaborazione delle immagini, in realtà sono un po' reticente: so che finirò per passare le prossime due settimane senza dormire ossessivamente curiosando tra le mappe. Ma immagino che molte persone si divertiranno molto a scavare in loro.



Le mappe hanno una risoluzione variabile, perché New Horizons è passato così rapidamente da vedere solo metà di ogni mondo e ha visto alcune parti meglio di altre. Anche se si è girato dopo il passaggio ravvicinato e ha scattato immagini dei lati 'posteriori', quelle erano le metà non illuminate, quindi non si è visto molto. Tuttavia, poiché Plutone ha un'atmosfera (sebbene molto sottile), la luce diffusa ha illuminato dolcemente parte del lato notturno, quindi è stato visto circa il 78% della superficie di Plutone.

La metodologia e i risultati per Plutone e Caronte sono stati pubblicati in due articoli sulla rivista di scienze planetarie Icarus, se sei curioso di conoscere i dettagli molto tecnici. Alcuni dei punti salienti sono piuttosto interessanti...

Il terreno di Plutone è stato mappato utilizzando le osservazioni di New Horizons. Tombaugh Regio, il cuore, domina. Credito: NASA/JHUAPL/SwRIIngrandire

Il terreno di Plutone è stato mappato utilizzando le osservazioni di New Horizons. Tombaugh Regio, il cuore, domina. Credito: NASA/JHUAPL/SwRI

Ad esempio, Sputnik Planitia (il lato sinistro del 'cuore' di Plutone) è profondo 2,5 – 3,5 km misurato dal bordo. Questo lo rende un bacino piuttosto significativo! Sul suo fianco occidentale ci sono enormi massicci (gruppi di montagne) che sfoggiano i pendii più ripidi su Plutone, alcuni dei quali hanno un grado di 40-50°.

Sebbene non sia affatto ovvio dalle immagini, c'è un sistema di creste e avvallamenti che corre da nord a sud attraverso l'intera faccia mappata di Plutone, a ovest dello Sputnik, che è larga 300-400 km e lunga almeno 3.200 km. È letteralmente da polo a polo, almeno. Potrebbe estendersi lungo il lato di Plutone non visto bene anche da New Horizons. Cosa potrebbe causare una caratteristica così straordinaria? Non è chiaro. È probabile che sia tettonico, in qualche modo. La crosta di Plutone si è espansa dovuto al congelamento del liquido sotto la superficie (probabilmente acqua), chiamato deformazione estensionale. Ciò potrebbe strappare la crosta lungo una linea, creando una tale caratteristica. Nessuno è sicuro.

Un altro mistero si trova al polo nord. C'è una cupola alta 2-3 km e larga 600 km. È piuttosto dannatamente grande. Non è affatto chiaro cosa sia. Potrebbe esserci una crosta più spessa, probabilmente a causa dell'accumulo di materiale nel tempo. Ma se è così, farebbe oscillare Plutone mentre ruota, finendo per ribaltarsi e capovolgere la cupola dall'essere al polo di Plutone all'essere all'equatore. Sarebbe anche vero se si trattasse di un antico vulcano a scudo, o di una sorta di caratteristica di sollevamento dovuta alla risalita interna. Quindi perché è dove si trova, francamente, è strano.

Il caos confuso che è Caronte, la grande luna di Plutone. Credito: NASA/JHUAPL/SwRIIngrandire

Il caos confuso che è Caronte, la grande luna di Plutone. Credito: NASA/JHUAPL/SwRI

Ma non così strano come Caronte, la luna sovradimensionata di Plutone. Ho sempre detto che assomiglia alla luna di Frankenstein, come se fosse stata spezzata e riattaccata.

Non è troppo lontano. I dati di New Horizons hanno permesso agli scienziati di creare modelli di elevazione per circa il 40% della sua superficie e la differenza tra gli emisferi nord e sud è così netta come appaiono nelle immagini.

L'emisfero settentrionale è suddiviso in enormi blocchi a forma di poligono che sono delimitati da avvallamenti profondi fino a 13 km, le caratteristiche più profonde di Caronte. Questi blocchi possono formarsi quando la crosta si frattura (probabilmente a causa dell'espansione, simile a quella di Plutone) e il liquido sottostante estrude tra di loro. Le caratteristiche più alte raggiungono i 5-6 km di altezza, quindi c'è un'oscillazione di elevazione fino a 19 km attraverso la luna, che è più di qualsiasi altro oggetto di medie dimensioni mappato nel sistema solare (eccetto la luna di Saturno Giapeto , che ha le sue stranezze).

L'emisfero sud di Caronte è completamente diverso. Le vaste pianure, chiamate in modo ampio e informale Vulcan Planitia (sì, dopo Star Trek ) sono molto più lisce, la struttura dominata dai processi di tettonica e di rifacimento. È possibile che ci fossero criovulcani - vulcani che eruttano acqua liquida invece di roccia fusa come sulla Terra - che poi hanno inondato la regione. Ma ci sono anche massicci in Vulcan Planitia, che lo rendono meno probabile. È possibile che ci sia stata una rottura della crosta anche lì, ma i blocchi sono sprofondati (crollati), in modo che l'acqua liquida al di sotto di essi sia espulsa, allagando l'area. I massicci sono quindi ciò che resta dei blocchi che hanno appena aperto una breccia nella superficie, le parti che non sono state sussunte.

È così fico! Ma come così tanto nel sistema di Plutone, non è chiaro cosa sia cosa. Abbiamo avuto solo questo assaggio! Tutto ciò che resta da fare è studiare le informazioni restituite su quei miliardi di chilometri da New Horizons e cercare di capire quali forze abbiano scolpito questi bizzarri mondi. Potrebbero volerci decenni prima di vederli di nuovo da vicino, quindi mappe come queste saranno cruciali per gli scienziati planetari da usare e guidarli nella topografia contorta e confusa, nel loro viaggio verso la comprensione di questi piccoli mondi gelidi.



^