Mostri Universali

Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro è ancora un perfetto omaggio ai classici film di mostri

>

Diversi sottogeneri horror entrano ed escono di popolarità. Grido ha riportato i film slasher negli anni '90, e ora siamo nel mezzo di un'ondata spettrale di storie dell'orrore paranormale. I film sugli zombi continuano a tornare dalla morte; e le persone continuano a trovare modi per rendere freschi gli orrori dei filmati trovati. Ma un genere classico di horror non ha mai davvero goduto di una rinascita moderna - ed è letteralmente un genere classico.

Universal Classic Monsters, il vecchio Frankenstein in bianco e nero, Wolf Man, Dracula e tutti i loro inquietanti amici sono icone horror, ma i tropi e l'estetica del loro tipo di film non sono davvero fioriti negli ultimi anni. Le iterazioni moderne tendono a fondere mostri familiari con un nuovo genere con effetti misti; il 1999 Mummia è stata anche un'avventura pulp, la recente Uomo invisibile un thriller, e il 2017 Mummia un'imitazione di un supereroe dell'universo condiviso. Nessuno di questi ha il vero spirito o le caratteristiche stilistiche dei film sui mostri degli anni '40. Forse il pubblico è troppo stanco e ciò che una volta era spaventoso è diventato banale, persino infantile, ed è forse il motivo per cui Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro è il vero tedoforo (e portatore di forcone!) del genere horror più classico, paesani arrabbiati e tutto il resto.



^