Ai Confini Della Realtà

Ai confini della realtà: il film e il disastro che ha cambiato il modo in cui vengono realizzati i film

>

Quasi 60 anni dopo, Rod Serling's Ai confini della realtà rimane un'influenza incommensurabile sulla fantascienza, l'horror e la cultura pop in generale. La famosa serie antologica con una delle scene di titoli di testa più iconiche in televisione è stata un crogiolo di ambizioni e la casa di alcune delle grandi narrazioni socialmente consapevoli del mezzo. Alcuni dei più grandi scrittori di fantascienza del nostro tempo hanno iniziato la corsa originale dello spettacolo, da Ray Bradbury a Richard Matheson.

Da allora ci sono stati due revival, con un terzo in cantiere che vedrà Uscire Jordan Peele come produttore esecutivo. Ai confini della realtà è qualcosa a cui il pubblico e i creatori torneranno sempre febbrilmente. Eppure è anche Ai confini della realtà dove si è verificata una delle tragedie più scioccanti di Hollywood, un incidente di arroganza, scarsa pianificazione e violazione delle regole che ha portato alla morte di una leggenda del settore e di due bambini. Ha anche rimodellato il modo in cui vengono realizzati i film fino ad oggi.

Il segmento termina con il personaggio principale catturato da ufficiali nazisti e gettato in un vagone ferroviario con prigionieri ebrei. Questo perché le riprese del finale originale, in cui l'uomo si riscatta salvando due bambini vietnamiti durante un raid nel loro villaggio, ha provocato uno degli incidenti più scioccanti del settore.



quando è uscita la zona crepuscolare?

Il segmento di Landis nel film doveva essere un grande spettacolo di effetti speciali, un netto contrasto con la natura lo-fi della serie. Questo era Ai confini della realtà per una generazione di eccessi. Le riprese sono state un disastro fin dall'inizio. Landis ha violato le leggi sul lavoro minorile per assumere i due bambini piccoli che sarebbero stati salvati da Morrow. Myca Dinh Le, 7 anni, e Renee Shin-Yi Chen, 6 anni, sono state pagate in nero e assunte senza i permessi appropriati perché le leggi della California in materia non consentivano ai bambini di lavorare di notte. Landis avrebbe potuto presentare una domanda per una deroga speciale, ma ha scelto di non farlo perché pensava che comunque non l'avrebbe ottenuta. La scena includeva enormi quantità di acqua ed esplosivi, quindi una tale richiesta sarebbe stata molto probabilmente negata a titolo definitivo. Ai genitori dei bambini è stato anche chiesto dal produttore associato George Folsey Jr. di non dire a nessuno dei vigili del fuoco sul set che i loro figli avrebbero fatto parte della scena. Anche l'addetto alla sicurezza sul fuoco è stato tenuto all'oscuro di questo.

La scena riguardava un elicottero che bombardava il villaggio da cui Morrow doveva salvare i bambini. Ai comandi di questo c'era Dorcey Wingo, un vero veterano della guerra del Vietnam, ma senza esperienza di lavoro nel cinema o nel lavoro acrobatico. Durante le prove, le esplosioni avevano urtato l'elicottero e terrorizzato Wingo, ma non aveva mai raccontato a nessuno delle sue preoccupazioni. Si presumeva che un uomo che avesse vissuto la guerra in prima persona sapesse cosa fare, dimenticando le ovvie differenze tra la guerra reale e le situazioni costruite. Landis aveva anche la reputazione di essere un regista di controllo, uno che spesso urlava, imprecava e pretendeva più di quanto fosse ragionevole dal suo cast e dalla troupe.

Le riprese si sono svolte a Indian Dunes, un ranch famoso per le produzioni cinematografiche e televisive per le sue dimensioni, la distanza dalle principali città e i vari paesaggi. Era il sostituto perfetto per il Vietnam, ma era anche abbastanza grande da consentire effetti di esplosione più grandi, cosa che piacque a Landis. Le riprese della scena iniziarono nelle prime ore del 23 luglio 1982. Morrow fu incaricato di prendere i due bambini, uno sotto ogni braccio, e attraversare il fiume mentre veniva inseguito dai soldati americani nell'elicottero pilotato da Wingo. L'elicottero era posizionato a 25 piedi da terra, in bilico vicino a un grande effetto mortaio. Le esplosioni sono state fatte esplodere, ma era troppo. Il direttore di produzione Dan Allingham avrebbe poi testimoniato di aver detto a Wingo: 'È troppo. Usciamo di qui' in questo momento, ma Landis, alla radio, ha gridato, 'Scendi più in basso! Minore! Superare!' Wingo ha perso il controllo dell'elicottero a causa del guasto del rotore. Già a bassa altezza, si è schiantato in acqua. Morrow aveva lasciato Chen e in quel momento stava allungando la mano per afferrarla. L'elicottero è caduto sopra di loro. Morrow e Le furono decapitati dalle pale del rotore. Chen è stato schiacciato a morte.

Nessuno ha reagito fino a quando la madre di Chen ha iniziato a urlare. Secondo l'amico di Morrow, le ultime parole dell'attore sono state: 'Devo essere pazzo per fare questa ripresa. Avrei dovuto chiedere un doppio.' Le battute del suo personaggio nella scena, che non ha mai avuto modo di dire, erano: 'Vi terrò al sicuro, ragazzi. Lo prometto. Niente ti farà del male, lo giuro su Dio».

A seguito della tragedia, sono state intentate azioni civili e penali contro i registi. Landis, Wingo, il direttore di produzione Dan Allingham, Folsey e lo specialista di esplosivi Paul Stewart sono stati processati con l'accusa di omicidio colposo. Il processo è stato un importante evento mediatico e ancora oggi controverso. Ci sono voluti tre anni per portare tutti in tribunale. Vice procuratore distrettuale Lea Purwin D'Agostino mettere su uno spettacolo degno di un dramma di Hollywood. Ha sibilato 'assassino' a Landis e gli ha offerto drammaticamente dei fazzoletti quando ha iniziato a piangere sul bancone. È stata contrapposta a sette avvocati della difesa, tutti maschi, incluso un ex pubblico ministero del Watergate. Uno di loro tentò di far dichiarare l'annullamento del processo sulla base della fervida accusa di D'Agostino. Non ha funzionato, ma nemmeno D'Agostino è stato condannato. Nonostante gli imputati abbiano ammesso di aver infranto le leggi sul lavoro minorile avendo in primo luogo i bambini sul set, la loro difesa che l'incidente era inevitabile ha vinto la giuria e tutti gli uomini sono stati assolti.

Landis in seguito ha scritto una lettera a ciascuno dei giurati ringraziandoli per i commenti positivi che avevano fatto in una conferenza stampa post-processo. Ha anche raccontato al LA Times delle numerose offerte di lavoro che ha ricevuto in seguito, così come 'una lettera molto carina di John Huston' e 'molte lettere di sostegno dai prigionieri, inclusa una che era stata mandata via da D'Agostino'. .' Nel 1996 , Landis contraddirebbe le sue stesse parole sull'aumento delle offerte di lavoro dicendo: La tragedia, a cui penso ogni giorno, ha avuto un impatto enorme sulla mia carriera, dalla quale forse non si riprenderà mai. Due anni dopo la sua assoluzione, fece Arrivando in America , il terzo film di maggior incasso del 1988.

tizio pollice da ragazzi spia

Le cause non sono finite dopo il processo. Tutte e tre le famiglie delle vittime hanno intentato cause civili e hanno ricevuto accordi. Tutti e quattro i genitori hanno testimoniato di non essere mai stati informati degli elicotteri e degli esplosivi che sarebbero stati utilizzati nella scena. Il padre di Le ha anche testimoniato di aver sentito Landis chiedere che l'elicottero volasse più in basso. Un immigrato vietnamita che era fuggito dalla nazione dopo la guerra, il padre di Le ha ammesso che le esplosioni gli hanno riportato alla mente ricordi traumatici. La madre di Renee Chen, in una deposizione legale, ha affermato 'che continuerà a soffrire di grave angoscia mentale, angoscia emotiva e grave depressione per tutto il tempo in cui vivrà'.

C'è una vecchia battuta molto morbosa su Hollywood: se uccidi qualcuno, non vai in prigione, paghi solo una multa.

L'incidente ha suscitato scosse in tutto il settore. Ha dimostrato quanto fossero disastrosamente inefficaci gran parte delle norme di sicurezza dell'epoca. Quasi immediatamente, è stata presa l'azione. La Directors Guild of America ha iniziato a disciplinare in modo più approfondito i membri che violavano le leggi sulla sicurezza e ha introdotto una hotline per i membri, incoraggiandoli a utilizzarla se i loro set non erano sicuri. Tornato alla Warner Bros., lo studio principale del film, la direzione è stata fortemente coinvolta nel rinnovare l'atteggiamento dell'industria nei confronti della sicurezza per quanto riguarda il lavoro sugli effetti. Alla fine, i principali studi hanno iniziato a distribuire il manuale del programma di prevenzione di infortuni e malattie a tutti i dipendenti. Questa pratica continua fino ad oggi.

Film Ai confini della realtà Vic Morrow

L'attore Vic Morrow in Ai confini della realtà: il film .

è quarzo rosa diamante rosa

Il settore ha visto un notevole aumento nell'assunzione di specialisti nella gestione del rischio. In un'intervista a Ardesia , ha affermato il consulente per la gestione del rischio Chris Palmer, 'Ai confini della realtà' l'incidente ha creato il mio lavoro. È stato un cambiamento epocale nell'industria cinematografica. Nessuno nella gestione del rischio era mai stato sul set prima di allora.' I gestori del rischio non sono solo presenti sul set. Per un film ad alto budget pieno di effetti pericolosi e acrobazie, saranno presenti nelle prime fasi della produzione. Il loro compito è garantire le riprese più sicure possibili, sia attraverso il suggerimento di una location migliore che la descrizione dettagliata dei pro e dei contro di una determinata scena nella sceneggiatura.

Anche i gestori del rischio non possono essere licenziati da un regista o da un produttore. Questo è cruciale perché uno dei motivi per cui incidenti come questo tendono ad accadere è perché i membri del cast o della troupe hanno troppa paura di parlare per paura di perdere il lavoro. Il regista è spesso visto come dominante nel suo potere inappuntabile, e questa era la reputazione di Landis. Anche il cinema è spesso visto come un'attività da macho, e sul set di Ai confini della realtà: il film , Landis avrebbe rimproverato gli elettricisti per essere 'troppo schifosi' per arrampicarsi su 30 piedi di impalcature mentre veniva sbattuto dai venti e dalla corsa dell'acqua dell'elicottero in modo che la scena potesse essere adeguatamente illuminata. Il produttore Martin Bregman ha detto al L.A. Times , 'Ci sono 100 persone su un set che hanno sempre creduto che il regista fosse Dio. Ora si rendono conto che c'è un dio superiore: un procuratore distrettuale».

Sono passati 36 anni da quando Morrow, Le e Chen sono stati uccisi. La realizzazione di film è diventata molto più sicura da allora, ma rimane un'attività incredibilmente pericolosa. La CGI ha notevolmente ridotto i rischi, ma il pubblico è affamato di scene d'azione più pratiche che sembrino reali.' Nel 2011 , un lavoro in più su Transformers: Dark of the Moon è rimasta permanentemente danneggiata al cervello e parzialmente paralizzata quando un cavo d'acciaio si è spezzato da un'auto che veniva rimorchiata e ha colpito la sua testa. Dylan O'Brien ha sofferto lesioni gravi mentre fai Maze Runner: La cura della morte , lasciando molti a temere che la sua carriera fosse finita. Joi Harris , una celebre stuntwoman, è morta durante le riprese di una scena in moto in Deadpool 2 . Le norme sulla sicurezza vengono continuamente migliorate, ma ci sono sempre registi che credono di essere al di sopra di loro. Nel 2014, una sparatoria non sindacale per Midnight Rider: la storia di Gregg Allman è finita in un disastro quando l'assistente alla telecamera Sarah Jones è stato investito da un treno. La produzione non aveva il permesso di girare sui binari del treno, ma è andata avanti comunque. Il Sicurezza per Sarah movimento è stato lanciato in seguito, chiedendo una maggiore sicurezza sul set, 31 anni dopo Ai confini della realtà: il film.

Per lo shock di molti, Ai confini della realtà: il film ha comunque ricevuto un'uscita nelle sale, anche se il pubblico non era entusiasta di vedere il prodotto finito dato tutto quello che era successo durante la sua realizzazione. Guardare il film ora è un'esperienza sconcertante. Ci sono buone scene - tutto nel segmento di Joe Dante è demente beatitudine - ma non puoi scuotere i ricordi di quanto è costato realizzarlo. Tutti coloro che sono coinvolti nella sua produzione sembrano desiderosi di dimenticare che è successo, ma farlo ignorerebbe il cambiamento sismico che ha creato nel modo in cui vengono realizzati i film fino ad oggi. Le norme di sicurezza sono più severe e i set sono più sicuri in gran parte perché questa tragedia è stata così inquietante che nessuno voleva che accadesse di nuovo. Per Hollywood, è stata una dura lezione imparata, ma anche allora è ancora necessaria un'ulteriore istruzione.



^