Malattia Mentale

Il vero cattivo della seconda stagione di Jessica Jones è un trauma passato – e questa è la parte migliore

>

Ho vissuto un'esperienza traumatica nel 2013, il tipo di esperienza che sconvolge tutto ciò che capisci delle persone che conosci e di ciò di cui le persone sono capaci. Ho dovuto lasciare il mio appartamento, passare anni di terapia intensiva e attraversare il paese prima di non sentirmi come se dovessi ammucchiare le cose davanti alla porta della mia camera ogni notte per assicurarmi di sentire qualcuno entrare.

Sono passati cinque anni e provo ancora esitazione quando cammino per strada o entro in un bar. C'è un'enorme separazione tra me e il mio trauma, sia in termini di tempo che di spazio, ma i problemi persistono ancora. Il disturbo da stress post-traumatico è come avere uno stalker costante che ti getta nel panico ogni volta che lo vedi con la coda dell'occhio. È un cattivo nella tua vita che non se ne va mai veramente, nonostante qualsiasi recupero tu possa cercare.

chi interpreta Satana nella pubblicità della partita?

Jessica Jones (Krysten Ritter), la supereroina Marvel di Netflix con super forza, un vestito molto coerente e un problema di abuso di alcol, si sente allo stesso modo nella sua seconda stagione. Mentre ha dei veri supercriminali da affrontare, uno spirito più astratto aleggia su tutti i personaggi: il trauma.



Nel Jessica Jones Stagione 2, il cattivo principale da sconfiggere non è un essere con superpoteri, ma il passato letterale.

SPOILER per Jessica Jones Stagione 2 in arrivo

Quando ci incontriamo di nuovo con Jessica, è finalmente libera da Kilgrave (David Tennant), il manipolatore telepatico che l'ha tenuta sotto il suo incantesimo, l'ha costretta a uccidere altri e l'ha violentata nella prima stagione. aiuto di una bevanda forte. Quando sta elencando il suo Rolodex di ricordi orribili alla gestione della rabbia ordinata dal tribunale, la forza della sua rabbia fa crollare un muro. Nei suoi sforzi per tornare alla vita normale dopo Kilgrave e pubblicare qualunque cosa sia successa in I difensori , continua a reprimere i suoi sentimenti.

Nel corso della seconda stagione, ci rendiamo conto di alcune cose, principalmente che Jessica è orribile nel superare il suo trauma passato. Ha ancora problemi di abbandono dopo la morte della sua famiglia in un incidente d'auto quando era un'adolescente e si porta in giro il senso di colpa di essere l'unica sopravvissuta (e di ottenere poteri che sente essere un peso per l'avvio). L'assalto di Kilgrave sia alla sua mente che al suo essere fisico ha anche lasciato alcuni effetti collaterali negativi. Al punto più basso di Jessica nella seconda stagione, la voce di Kilgrave ritorna effettivamente, provocandola e alimentando le sue peggiori insicurezze e le sue più grandi paure. Quando è in grado di sopraffarlo, le dice che sarà sempre vicino, nel caso avesse bisogno di lui.

Jessica Jones e Killgrave

Netflix

Dopo aver visto i primi cinque episodi di Jessica Jones Stagione 2 – quelle rese disponibili ai critici in anticipo – è stato difficile dire chi fosse il cattivo principale. La prima stagione non ha avuto bisogno di tempo per introdurre Kilgrave insieme alla posta in gioco sia nel mondo reale di Jessica che sulla sua salute mentale. C'è stato un po' di languore durante il resto della stagione mentre Jessica ha cercato di riformare Killgrave prima di ucciderlo, ma il punto era chiaro.

I supereroi hanno bisogno di supercriminali. È una tradizione della narrazione dei fumetti. Allora, chi è il cattivo di Jessica?

Otteniamo la prima vera conferma di un 'cattivo' concreto nell'episodio 6, quando la misteriosa donna parrucca interpretata da Janet McTeer si presenta come la madre perduta di Jessica, Alisa, che presumibilmente è morta nel famigerato incidente d'auto. È stata anche tenuta in ostaggio dalla losca organizzazione IGH che ha dato a Jessica i suoi poteri. Alisa ha anche alcune abilità sue. Tuttavia, ha anche più rabbia e problemi di salute mentale che non solo le hanno impedito di riunirsi con Jessica per anni, ma hanno minacciato la loro relazione madre-figlia in futuro.

Per Jessica, non si tratta solo di 'sconfiggere' sua madre nel modo in cui ha sconfitto Kilgrave, o qualsiasi altro supereroe nell'universo Marvel sconfigge il suo cattivo della settimana. Sta cercando di capire come gestire la situazione. Jessica non vuole togliere Alisa dal quadro, soprattutto dopo anni in cui credeva fosse morta, quindi cerca vari modi per farcela. Innanzitutto, cerca di ignorare l'intera faccenda, il che è impossibile considerando la follia omicida di Alisa. Poi prova a convivere con lei, a prendersi cura di lei, e poi anche ad unirsi a lei. Anche se diventa chiaro che l'unico modo per uscire dalla situazione è uccidere Alisa, Jessica si rifiuta di farlo. Se sua madre che torna come supercriminale è una manifestazione fisica di Jessica che affronta il suo passato – incluso uno dei più grandi traumi della sua vita – lo sta affrontando male.

Puoi dire che Alisa è il prodotto dell'arroganza di un'altra persona, un altro esempio di una donna nel Jessica Jones -verse che è stato utilizzato da un uomo senza il suo consenso. Mentre si è innamorata del suo rapitore e piange la sua morte più avanti nella stagione, c'è ancora una corrente sotterranea di controllo che contamina la relazione e la fa arrabbiare. Ha anche un enorme senso di colpa per i suoi anni mancati con Jessica (insieme a tutta quella cosa dell'uccidere il suo ragazzo), e tutto ciò alimenta la sua rabbia dissociativa. Mentre Alisa è un simbolo per i traumi passati di Jessica, è anche una persona che affronta lo stesso conflitto. Anche lei è una vittima.

Alisa Jones (Janet McTeer)

Alisa Jones (Janet McTeer)

La maggior parte del cast principale e di supporto nella seconda stagione può essere vista come una vittima. Anche Trish Walker (Rachael Taylor) e Malcolm (Eka Darville), due persone che rappresentano una certa stabilità nella vita di Jessica, rientrano in questo ombrello. Entrambi hanno a che fare con la tossicodipendenza con vari meccanismi di coping e vari gradi di successo. Trish, di fronte alle sue insicurezze riguardo alla sua capacità di proteggere gli altri, si rivolge alla droga e cade in vecchie abitudini che nemmeno Jessica può aiutarla a rompere. Mentre lotta con la dipendenza, deve anche fare i conti con i sentimenti persistenti nei confronti di sua madre, che ha abusato emotivamente sia di lei che di Jessica per anni, insieme a un regista che l'ha aggredita sessualmente quando era un'adolescente. Tutti questi si sommano per Trish, presentando scenari per il personaggio in cui dovrebbe essere in grado di proteggersi ma non può. Quel conflitto la riporta indietro ad alcune vecchie abitudini nonostante anni di riabilitazione e terapia.

Nel frattempo, Malcolm sta cercando di riempire il vuoto lasciato dalla droga con tutto ciò che può, compresi compiti umili e sesso occasionale. A un certo punto, Jessica lo costringe ad affrontare il suo passato sotto forma della sua ex ragazza e del college da cui ha lasciato. Fortunatamente è in grado di farlo senza creare più cicatrici mentali, ma è ironico che la persona che gli ha fatto affrontare il proprio passato non possa fare lo stesso per se stessa. Malcolm è uno di Jessica Jones Storie di successo relativo della seconda stagione. Ammette di avere un problema, prende il controllo della sua vita quando ha una ricaduta, elimina le forze tossiche e ottiene un lavoro ben pagato. Si dimostra anche agli altri personaggi affidabile e qualcuno da non sottovalutare, il che è più di quanto sia Trish che Jessica possano vantare entro la fine della stagione.

mentre guardi Jessica Jones ripenso a Star Trek: Scoperta , che ha introdotto un personaggio, Ash Tyler, con PTSD grazie a mesi di torture e stupri. È stato fantastico non solo vedere qualcuno in a Star Trek serie che attraversano complesse angosce mentali ma anche vedere un uomo attraversarla. È qualcosa che lo spettatore, in superficie, potrebbe voler vedere: qualcuno che supera i suoi conflitti interiori come un segno di crescita e il completamento di un arco narrativo. Sfortunatamente per il bene degli spettatori, il trauma di Tyler è stato cancellato dal finale di stagione, in cui la magia della scienza di Trekkie TV ha praticamente curato tutti i suoi disturbi.

Nella vita reale, malattie mentali e traumi non possono essere curati con il semplice tocco di un pulsante; né possono essere cancellati dalla caduta di un cattivo o dalla conclusione di uno show televisivo. Non è così che funziona. È una battaglia che dura tutta la vita e che una persona deve affrontare e vivere per sopravvivere. Il trauma di Jessica non scomparirà solo perché Kilgrave è morto; né i problemi di droga di Malcolm o Trish o la rabbia di Alisa. Jessica Jones non ha una conclusione soddisfacente perché la malattia mentale non lo fa mai.

film completo di super mario bros
malcom_ducasse_and_trish_walker_from_jessica_jones.jpg

Trish Walker e Malcolm Ducasse. Jessica Jones. Netflix.

Alla fine della stagione, Jessica si è isolata da Trish e Malcolm, quindi pensiamo che ricadrà nelle sue vecchie abitudini di allontanare le persone. Tuttavia, bussa alla porta del suo sovrintendente e cena con lui e suo figlio. Lo scatto finale è di lei che descrive in dettaglio le sue imprese da supereroe, parlando ad alta voce con le persone della sua vita. È un grande passo per lei e un segno che ha visto crescere in questa stagione, anche se non è un segno definitivo di piena ripresa.

Jessica Jones ha sempre riguardato realtà dure e schiette riguardanti il ​​trauma, e la seconda stagione raddoppia su questo. Non si è mai trattato di sconfiggere il cattivo in un colpo solo, ma è qualcosa che può essere affrontato nel tempo.



^