Attacco Su Titano

Il preoccupante rapporto tra anime e fascismo

>

Volevo solo guardare un bel anime su persone che incontrano frutti giganteschi.

Almeno, è così che sono stato esposto per la prima volta ACCA: 13-Dipartimento di ispezione del territorio , una serie anime apparentemente su un ispettore che indaga su una possibile cospirazione per rovesciare il governo.

è l'età della resistenza dei cristalli oscuri un seguito?

quando ACCA è apparso per la prima volta sui miei feed di social media, la rappresentazione della frutta, enorme e appetitosa, ha attirato la mia attenzione e gli anime incentrati sul cibo sono uno dei miei generi preferiti. Incuriosito, ho acceso il mio Roku, ho cliccato sull'app Crunchyroll e mi sono messo a guardare il primo episodio di ACCA .



acca

Ho faticato durante quel primo episodio, non perché la trama fosse noiosa (non lo era) o perché i personaggi erano insipidi (in realtà erano piuttosto affascinanti). Il mio superficiale attaccamento era con le uniformi. Ogni impiegato del governo era vestito con un abito nero: elegante e nitido con un pizzico di rosso vicino alle spalle - e riecheggiava un'uniforme delle SS. Questo dettaglio, apparentemente superfluo, mi ha strappato dalla sospensione dell'incredulità e dal godimento dell'anime. L'ambientazione non è chiaramente la Germania dell'era della seconda guerra mondiale, i personaggi non sono ritratti come malvagi, eppure l'immaginario mi ha rivoltato lo stomaco.

Mi sono reso conto che non mi sarei sentito a mio agio nel vedere le persone cosplay come questi personaggi, e ho cancellato la serie dalla mia lista di controllo.

La mia reazione è stata meschina? Avrei dovuto solo potenziare la serie anche se le uniformi mi hanno offeso? Altri fan degli anime sono stati in grado di guardarlo senza arrabbiarsi, quindi perché io non potevo? Forse ancora più importante, perché un numero considerevole di serie di anime ha espiazioni naziste?

Che succede con gli anime e il fascismo comunque?

Una delle serie anime più popolari degli ultimi anni, Attacco su Titano , si svolge all'interno di una città murata i cui cittadini sono dominati da un governo militarista. Il personaggio principale, Eren Jaeger, si unisce al corpo d'armata d'élite incaricato della distruzione di creature gigantesche, fameliche e simili agli umani chiamate Titani. Il governo controlla ogni aspetto della vita all'interno della città e diffonde propaganda elogiando i militari. Eren, in cerca di vendetta per aver perso sua madre a causa dei Titani, accetta completamente la retorica del 'uccidili tutti'. Attacco su Titano avviene in uno stato fascista.

fullmetal-alchemist-hitler

Alchimista Fullmetal , una delle serie anime più amate di tutti i tempi, è ambientata ad Amestris, una nazione vagamente tedesca con, come avrete indovinato, un governo militarista. Per aumentare il divertimento, il leader di Amestris si chiama persino Fuhrer Bradley. Questa connessione è resa più evidente nel Alchimista Fullmetal film, Conquistatore di Shambala , dove la trama rivela che Amestris è una realtà alternativa tedesca. Anche Hitler fa la sua apparizione, in forma di anime.

La lunga serie Mobile Suit Gundam , noto per reinventarsi costantemente dalla fine degli anni '70, presenta quasi sempre uno stato sovrano antagonista basato su una Germania sciovinista dell'era della seconda guerra mondiale. La leggenda degli eroi galattici , una serie di romanzi giapponesi adattata in più spettacoli di anime, contiene anche un governo simile chiamato Impero Galattico. Hetalia: i poteri dell'Asse ritrae un gruppo di paesi antropomorfizzati con una Germania simpatica e sofferente come protagonista.

ragazze-e-panzer-gruppo

È già abbastanza brutto quando questi personaggi dai capelli biondi, dagli occhi azzurri e dai tratti nordici vengono fatti sfilare. È ancora peggio quando questi temi sono confezionati insieme a ragazze 'moe' eccessivamente carine. ragazze e carri armati è una delle mie serie anime preferite. Raffigura un mondo alternativo in cui la guerra simulata di carri armati è uno sport prezioso per le giovani donne e le ragazze delle scuole superiori partecipano a una competizione multinazionale per distruggersi a vicenda in un combattimento simulato. Sovverte l'idea di un esercito maschile, ma il gruppo di liceo disordinato, quello per cui dovresti fare il tifo, usa un Panzer IV, un carro armato tedesco dell'era della seconda guerra mondiale. Questi carri armati attraversavano i campi d'Europa sgominando ogni cosa sul loro cammino, e la dissonanza tra il carro armato che fa esplodere le cose mentre viene pilotato da un gruppo di ragazze carine è allo stesso tempo deliziosamente potente e stranamente inquietante. Mi diverto ancora da morire, perché le amicizie femminili risuonano con me, così come le cose che fanno esplodere.

Streghe d'assalto e Collezione Kantai dimostrano anche questa bizzarra dissonanza tra carino e inquietante. I personaggi femminili che rappresentano aerei e navi da guerra sono immersi in battaglie della seconda guerra mondiale in realtà alternativa in cui il Giappone riscrive la storia e diventa più vittorioso di quanto non fosse nella vita reale.

Queste ragazze carine sono alle redini di queste potenti armi da guerra, ma la loro agenda si concentra sull'amicizia e sul fair play, non sull'odio. Ma questa mancanza di malvagità perdona tutti i dettagli inquietanti?

Questo problema riguarda esclusivamente il regno degli anime militari? No. L'anime della competizione culinaria Guerre del cibo ha una trama con un gruppo elitario di chef che temono la contaminazione del mondo della cucina da parte di altri che non ascrivono alle tecniche tradizionali. La loro agenda prevede di insegnare a tutti gli aspiranti cuochi a fare esattamente la stessa cosa nello stesso identico modo, senza margini di manovra per l'innovazione. Sì, Guerre del cibo raffigura buongustai fascisti.

Ci deve essere qualcosa nel panorama culturale giapponese che si presti a queste narrazioni che spuntano costantemente nei suoi media. Per rispondere a questo, è importante concentrarsi su come il Giappone si ritrae nelle sue stesse narrazioni mediatiche.

In superficie, il Giappone sembra adorare la propria storia. I drammi dei samurai sono perennemente popolari, ma c'è un'epoca che non ha mai ricevuto molta attenzione: la seconda guerra mondiale. Il film Ghibli Tomba delle lucciole descrive gli orrori della Tokyo del dopoguerra nei dettagli grafici, ma il Giappone ha ancora un momento tremendamente difficile nell'accettare il suo ruolo nei conflitti degli anni '30 e '40. L'ignoranza sistematica dell'occupazione giapponese della Cina e la negazione dell'esistenza di donne di conforto sono chiari esempi dell'incapacità del Paese di assumersi la responsabilità del suo travagliato passato. Le atrocità perpetrate dai militari giapponesi di quell'epoca sono a malapena riconosciute, il che porta a un fascino per quell'epoca. E poiché il Giappone lotta con la propria storia di Stato imperialista, l'interesse ricade invece sulla Germania nazista e sulla sua iconografia.

Il Giappone, purtroppo, è ancora una nazione molto xenofoba e fa fatica ad accettare immigrati anche se ne ha estremo bisogno. Il paese lotta per mantenere una forza lavoro con una popolazione in diminuzione. Sempre più donne si stanno concentrando sulla carriera anziché sulla famiglia, il che alla fine non porterà a nuovi lavoratori per sostituire quelli che vanno in pensione. Il Paese ha bisogno di immigrati, che potrebbero suscitare risentimento tra i cittadini giapponesi. Questo ambiente conservatore e reazionario è maturo per creare e sostenere i media che temono gli stranieri, sostengono un governo totalitario e onnicomprensivo e celebrano l'esercito. C'è un'ansia verso la nostalgia, verso le glorie passate e verso il ricordo del Giappone come un impero onnipotente.

La società giapponese eleva e loda le donne che sono sottomesse, delicate e disposte ad acconsentire agli uomini in ogni cosa. Non c'è da meravigliarsi se alcuni alt-right gravitano verso le ragazze 'moe' come avatar, per rappresentare il tipo di ragazza che vogliono invece di quelle femministe arroganti. Le ragazze anime non rispondono, dopotutto, e molti personaggi 'moe' non vengono mostrati nelle relazioni a meno che lo spettacolo non sia specificamente un anime romantico, liberandoli per lo status di waifu. Al di fuori delle loro personalità carine e delle loro simpatie e antipatie, le ragazze 'moe' sono considerate una tabula rasa pronta per l'amore... e i meme nazisti trolly. Forse è la dissonanza che attira di più. L'idea che personaggi così grandi e dai lineamenti morbidi possano nutrire convinzioni così odiose e rabbiose è fatta a mano per Internet, dove l'ironia va a morire.

Pur riconoscendo che molti anime possono attirare i fascisti, cosa si può fare per assicurarsi che questi spettacoli non lo idealizzino? La maggior parte degli spettacoli che ho citato in realtà raffigurano i personaggi principali che combattono contro quei regimi militaristi. Attacco su Titano Eren ei suoi amici stanno tentando di scoprire una cospirazione militare che coinvolge i Titani. Alchimista Fullmetal rivela come una fallita invasione militare di un paese vicino (popolato da persone dalla pelle scura che hanno una religione diversa da quella dei bianchi) mostri la corruzione del governo. Il fascismo negli anime diventa un problema quando i fan glorificano ed emulano questi personaggi chiaramente malvagi. Dopotutto, ci sono un sacco di cosplayer di stormtrooper tra Guerre stellari fan, ma qualcuno di loro crede davvero che l'Impero avesse ragione?

Forse non è il più grande esempio.

Quindi, c'è bisogno di? ACCA personaggi in quelle uniformi? No, le uniformi non sembrano essere coinvolte in nessun punto della trama. Ma perché averlo? Perché persino tentare di evocarlo quando l'immaginario potrebbe (come ha fatto con me) evocare connotazioni negative? Sembrava solo che al creatore del manga piacesse solo l'estetica, e forse, come in quei meme, c'è un divertente senso di ironia nella dissonanza tra i personaggi simpatici e le uniformi in stile SS.

migliori spettacoli di fantascienza 2019

Ma l'ironia, nell'attuale clima politico, è morta, e tali idee fasciste dovrebbero ancora essere invocate perché c'è una linea estremamente sottile tra un troll e un vero credente. Il razzismo ironico è ancora razzismo; il fascismo ironico è ancora fascismo.

Tornerò a ACCA ? Probabilmente no. Continuerò a guardare gli anime? Ovviamente. L'arte riguarda tanto l'interpretazione quanto l'intento dell'autore, e se sono sconvolto dal fatto che qualcosa riecheggia un'epoca o un credo politico che trovo preoccupante, posso scegliere di non guardarlo. Gli anime hanno così tanti sottogeneri che è del tutto possibile guardare gli anime senza un accenno di idee fasciste, e i fan dovrebbero comunque chiamare cose problematiche quando li vediamo. È l'unico modo per assicurarci che i media che consumiamo siano diversificati e inclusivi.

Come protagonista di Porco Rosso una volta detto:

porco-rosso


^