Christopher Nolan

I guai con Rachel Dawes

>

Mentre le motivazioni psicologiche abbastanza basilari di Bruce Wayne, Harvey Dent e, naturalmente, il Joker, sono state analizzate e rimaneggiate negli ultimi anni, uno dei personaggi di Nolanverse Batman rimane non analizzato, e questa è Rachel Dawes. Relegata solo alla sua utilità per la trama o al livello di interesse romantico che i personaggi maschili hanno per lei, Rachel Dawes potrebbe avere molti tratti positivi ma spesso si presenta come un po' unidimensionale, anche nel suo più profondo. Mentre l'unidimensionalità è un problema di cui molti personaggi nei film di Batman hanno sofferto, il problema di Rachel è aggravato dal fatto che è stata creata appositamente per i film e non aveva uno sfondo di fumetti più profondo a cui fare riferimento.

Si dice che Rachel sia stata creata come una fusione di alcuni personaggi, ma è abbastanza facile dirlo dal momento che la maggior parte delle amiche del film di Batman sono più o meno completamente intercambiabili (ad eccezione di Catwoman, che si è sempre distinta da sola) . Chase Meridian, Vicki Vale e Rachel Dawes sono tutte donne orientate alla carriera con una strana attenzione al vigilantismo, e le loro apparizioni nel Batverse tendono a comportare l'allungamento dei loro titoli di lavoro in un modo che le renda rilevanti per Batman. Nel caso di Rachel, nonostante abbia iniziato come amica d'infanzia di Bruce Wayne, diventa assistente del procuratore distrettuale e lei e Batman sono costretti a lavorare insieme.

Nel Batman inizia , Rachel è stata interpretata da Katie Holmes, che aveva lasciato il segno nella coscienza pubblica attraverso Dawson Creek e alcuni ruoli cinematografici. Holmes lasciò il franchise e gli succedette Maggie Gyllenhaal in Il Cavaliere Oscuro . Nel corso dei primi due film, Rachel richiede un costante salvataggio da Batman, che è spesso la persona che la mette in pericolo, fino a quando, alla fine, viene uccisa dal Joker. Riceve una semplice menzione postuma in Il Cavaliere Oscuro Il Ritorno , che sembra ribadire la realtà che nella vita e nella morte, ricopre solo due ruoli: interesse amoroso e vittima.



Tuttavia, c'è qualcosa da dire sulla traiettoria del personaggio di Rachel. Quando ha preso il posto di Holmes, Gyllenhaal è stata soddisfatta dalla risolutezza di Rachel e dalla sua bussola morale, avendo fatto un'intera carriera interpretando personaggi femminili conflittuali e incerti. Rachel si distingue tra gli altri interessi amorosi nei film di Batman in quanto è dedicata al suo lavoro al di sopra del suo interesse per Caped Crusader, mentre personaggi come Vicki Vale sono stati completamente distratti da lui in un modo che è diventato dannoso per le loro carriere. Inoltre, Rachel non si prende gioco di Bruce o Batman, e non ha paura di dirgli perché si comporta regolarmente come un bambino amorale e viziato. Questo è il motivo per cui è un buon personaggio; tuttavia, non è un grande interesse amoroso per lui, ed è nel tentativo di costringerla in quel ruolo che i film vanno male nel loro ritratto di lei.

maggie-as-rachel-dawes

In sostanza, Rachel è un personaggio che sarebbe molto più interessante se non uscisse con Batman. Nel cercare un interesse amoroso per Batman o Bruce Wayne, non c'era un vero motivo per introdurre Rachel Dawes su Catwoman, Nocturna, Silver St. Cloud o un numero qualsiasi di altri personaggi che avevano stabilito continuità e basi di fan nei fumetti. Persino Batman per sempre Chase Meridian, le cui battute sono al massimo traballanti, è ancora più interessante di Rachel. Si potrebbe sostenere che si trattava di un tentativo di ricominciare da capo con il franchise, ma ciò di certo non si applicava a nessun altro elemento dei film, da Alfred a Gordon alla galleria dei cattivi di Batman. Inoltre, la storia delle origini di Bruce Wayne non è in alcun modo aiutata o migliorata dalla presenza di Rachel.

C'è un'insistenza da parte di Bruce, e quindi dei realizzatori, che Rachel sia l'unica che lo capisca, ma non ci sono prove di ciò. Semmai, Alfred percepisce Bruce e le sue compulsioni a un livello molto più profondo. Rachel non sembra affatto in grado di scandagliarlo, nonostante sia una persona profondamente empatica e abbia fatto il tentativo più volte. Ancora e ancora, lei gli dice che quello che sta facendo è sbagliato. Ha ragione, e ha bisogno di sentirsi dire che ha torto, ma non lo fa per una profonda comprensione di Bruce o di Batman. Dimostra il suo sconcerto nei confronti delle sue decisioni in modo coerente nei film. Semmai, vede molto chiaramente le cose che non le piacciono di lui e glielo dice, il che la distingue dalle altre amiche di Batman, ma non è di buon auspicio per la loro relazione in generale. Non è perché Bruce non possa accettare le critiche, ma perché lei non può accettare il suo lato oscuro.

Mark Hamill legge il tweet di Trump

Per quanto riguarda il suo personaggio, Rachel non è solo una Mary Sue; è una Mary Sue la cui importanza è definita attraverso le sue relazioni maschili e che alla fine viene congelata. In sostanza, Rachel si legge come una lista di cattive abitudini, incluso quella in cui è descritta come molto meno simpatica subito prima di essere uccisa dopo la rottura con l'eroe. Detto questo, rompere con Bruce Wayne è sicuramente la mossa migliore di Rachel in entrambi i film (con l'eccezione di provare a tastare lo Spaventapasseri in faccia in Batman inizia ).

Molte persone si sono chiesti perché Rachel avrebbe scelto Harvey Dent invece di Bruce Wayne, ma è abbastanza ovvio. Anche senza l'equivoco di Dent che si è preso la colpa uscendo allo scoperto come Batman, Bruce è incredibilmente bisognoso, usando Rachel come bussola morale (che non è assolutamente il suo lavoro) e costantemente fallendo nel riconoscerla come se stessa. Ci sono enormi differenze non solo nel loro background, ma anche nel modo in cui affrontano cose come la moralità, la filosofia e il lavoro. Il loro unico legame per la maggior parte del tempo sembra essere l'insistenza di Bruce sul fatto che ce ne sia uno.

Nonostante siano amiche d'infanzia, la madre di Rachel era una collaboratrice domestica per la famiglia Wayne, quindi la dinamica del potere è intrinsecamente spenta. Sebbene non affrontato nei film in modo consequenziale, Bruce è cresciuto significativamente più privilegiato di Rachel. Mentre lui vagava senza meta all'estero e si tormentava per il suo trauma, lei si stava iscrivendo alla scuola di legge. Mentre il suo impegno in seguito è aumentato man mano che ha trovato la sua strada, il suo era lì, necessariamente, dal primo giorno. In caso contrario, sarebbe stata persa come le persone che stava cercando di salvare. Il fatto che abbia dovuto lavorare e lottare mentre il suo conflitto principale per diversi anni della sua vita era se uccidere o meno qualcuno a sangue freddo li ha immediatamente posti in mondi completamente diversi. La sua dedizione alla legge e alla struttura poteva essere qualcosa che ammirava, ma era un mondo in cui non avrebbe mai potuto adattarsi, indipendentemente dal fatto che fosse Batman o meno. Anche solo il finale del terzo film, in cui rinuncia al ruolo di Batman, è strano sì, posso pure smettila di essere un atto di petulanza di Batman diretto a una Rachel molto defunta, non la vede mai veramente come una persona e non capisce veramente cosa c'era esattamente in lui con cui lei non voleva passare una vita. Non era Batman; era la sua compulsione. Era la sua testardaggine. Era la sua incapacità di essere il suo vero partner.

Il grande conforto di Bruce nella morte di Rachel non è che Gotham sia stata salvata, che è ciò che desiderava più di ogni altra cosa nella sua vita. Piuttosto, è la sua idea ovviamente irrealistica che lei avrebbe semplicemente tenuto duro aspettando che lui smettesse di essere Batman, e questo la dice lunga sulla loro relazione. Non ha mai visto davvero sua . Sfortunatamente, a causa della scarsa caratterizzazione e della morte prematura, nemmeno noi. Eppure, anche senza essere in grado di immergersi completamente in chi fosse veramente Rachel come persona, una cosa è ovvia: credeva nella legge e nell'ordine più di ogni altra cosa, ed era disposta a mettere tutto in gioco per la giustizia. Alla fine, mentre tutti gli altri nei film erano instabili e non sempre morali, Rachel, che chiedeva apertamente a tutti di operare in modo corretto, avrebbe potuto davvero essere il vero eroe di Il Cavaliere Oscuro .

ReflectingSeveralBackswimmer-size_restricted


^