Illusione Ottica

Il nuovo tipo di illusione ottica ti farà vedere esplosioni di stelle, senza bisogno di caleidoscopio

>

Hai mai guardato in un caleidoscopio e visto abbaglianti esplosioni di stelle? Ora il tuo cervello può essere indotto a vederli direttamente sullo schermo. Quei tubi di cartone con forme apparentemente magiche all'interno potrebbero essere nostalgici, ma ciò che ha scoperto il designer Michael Karlovich (la cui laurea è in realtà in neuroscienze) è davvero strabiliante.

Il Illusione scintillante di Starburst è un'immagine di poligoni concentrici che fa vedere alle persone raggi di luce inesistenti che formano uno starburst, un po' come guardare in un caleidoscopio senza tutti gli arcobaleni. Il cervello collega gli spazi tra i poligoni per far sembrare che da essi si irradino raggi di luce.

Karlovich, che ha fondato la società di produzione di arte e moda ricorsia - e in precedenza è stato coautore di diversi articoli scientifici - ha recentemente pubblicato il suo ultimo studio in i-Percezione con il neuroscienziato Pascal Wallisch, specializzato in visione. Ha deciso di creare un logo simbolico che presto si è reso conto che si stava trasformando in qualcos'altro. Questo è stato l'effetto che ha finito per chiamare Scintillating Starburst.



Volevo creare un logo che incorporasse bellezza, ordine contro caos, semplicità contro complessità, i miei numeri preferiti, 2, 3 e 7, e un'illusione che gioca con l'ingrandimento corticale, ha detto Karlovich a SYFY WIRE. Volevo anche un logo che simboleggiasse la nozione di pensiero interdisciplinare, che è uno degli attributi principali della mia azienda.

Il tuo cervello può davvero fare un viaggio attraverso i tuoi occhi. Le retine trasmettono informazioni al cervello corteccia visiva , l'area primaria sullo strato esterno del cervello, che riceve tali informazioni e quindi inizia a integrarle ed elaborarle. Ingrandimento corticale significa che un certo numero di neuroni nella corteccia visiva del cervello stanno dando un senso a uno stimolo visivo, la cui dimensione varia a seconda di dove si trova lo stimolo nel tuo campo visivo. Più neuroni elaboreranno quello stimolo e lo renderanno più ad alta risoluzione quanto più vicino sarà al centro del campo visivo. Questo spiega parte del motivo per cui il logo di Recursia è così lontano.

Il cast della sesta stagione di Walking Dead

Mentre Karlovich osservava ciò che aveva creato, si rese conto che stava vedendo un'illusione ottica di cui non aveva mai sentito parlare prima. Non c'era alcun effetto simile in nessuno degli studi che aveva letto. Fu allora che contattò Wallisch, il suo professore di neuroscienze e mentore alla New York University, che convenne che nulla di simile era mai apparso da nessuna parte. Poiché nessuno aveva descritto un tale effetto, Karlovich e Wallisch decisero di scrivere uno studio che lo descrivesse loro stessi. Ci sono alcuni aspetti di Scintillating Starburst che differiscono da altri tipi di illusioni ottiche.

Ci sono diverse illusioni che sono certamente superficialmente simili, ma sono tutte confinate a progetti a griglia o schemi di interferenza, ha affermato Karlovich. Gli Scintillanti Starburst sono categoricamente diversi da queste illusioni. I raggi attraversano lo sfondo del disegno e sono più scuri o più chiari dello sfondo, a seconda della differenza di contrasto tra il colore del disegno e il suo sfondo.

stella_scintillante

Credito: Michael Karlovich / Recursia

Anche altre illusioni non ti fanno pensare di vedere linee che in realtà scintillano. Tutte le linee che gridano e le illusioni di interferenza ingannano il tuo cervello nel vedere corrono solo lungo le griglie e sono tipicamente statiche senza nessuna delle scintille percepite di uno Scintillating Starburst. Nulla sembra illuminarsi davanti ai tuoi occhi. Proprio come la luminosità della luce reale può farti sbattere le palpebre furiosamente, la luce immaginata può essere troppo da guardare dopo un po'. Fissa il logo di Karlovich abbastanza a lungo e inizierai a pensare di dover premere un interruttore della luce da qualche parte. La strana svolta qui è che l'illusione farà anche questo per te. I raggi sembrano svanire e materializzarsi di nuovo.

Un altro motivo per cui il logo di Recursia sembra luccicare è che gli spazi tra i poligoni che fungono da spunti per il tuo cervello per vedere fasci di luce inesistente fanno sì che l'intera immagine agisca come un insieme coeso, qualcosa visto come qualcosa di più della semplice somma delle sue parti. Karlovich crede che la disposizione di questi segnali di luminanza fa parte del cervello crede che le linee colleghino gli spazi vuoti dove vedi la luce.

tom cruise la guerra dei mondi

Quando la visione periferica vede i segnali di luminanza nelle ghirlande, presume che ci debba essere una relazione tra questi punti, facendo sì che questo sistema 'veda' i raggi, ha detto. Quando lo sguardo centrale dell'occhio si sposta nel punto in cui il sistema a bassa risoluzione ha appena rilevato i raggi, l'elaborazione ad alta risoluzione prende il sopravvento e conclude che non ci sono raggi, portandoli a indebolirsi o svanire.

I raggi riappariranno quando i tuoi occhi daranno un'altra occhiata allo schema e la tua visione periferica tornerà nella stessa area in cui la tua visione centrale ti ha detto che non c'erano raggi, e finché il circolo vizioso continuerà a ripetersi, quei raggi scintillanti sembreranno apparire e scomparire. Questo conflitto non si verifica nel cervello quando si osservano altri tipi di illusioni. Karlovich e Wallisch credono che la battaglia mentale sia il risultato di diversi meccanismi neurali che si attivano nella parte del cervello che pensa di vedere la luce e nella parte che non la vede.

I ricercatori sperano di continuare (letteralmente) a indagare su questo per scoprire cos'altro questa nuova illusione ottica potrebbe dirci sul funzionamento interno del cervello umano.

The Scintillating Starburst dimostra come i sistemi concorrenti e cooperanti trasformino le informazioni in un'esperienza, ha detto Karlovich. È un utile esempio di come il cervello utilizzi input limitati dai sensi per ricostruire il mondo fisico nel modo più accurato possibile.



^