Guillermo Del Toro

Un esame approfondito della scena di sesso di The Shape of Water e dell'anatomia di Fish Man

>

Doug Jones è un uomo molto umile. Forse è il risultato di aver trascorso gran parte della sua carriera di attore in intricati trucchi, protesi e costumi digitali; forse l'umiltà è solo costruita nel DNA del Midwest del nativo dell'Indiana. Ad ogni modo, la sua proiettata innocenza geniale ha portato a una conversazione leggermente imbarazzante quando il suo frequente collaboratore, Guillermo del Toro, inizialmente gli ha proposto un ruolo da protagonista nel suo nuovo film, La forma dell'acqua .

Fin dall'inizio, quattro anni fa, del Toro sapeva che voleva che Jones interpretasse l'Uomo Pesce, e... Creatura della Laguna Nera umanoide di ispirazione trascinato dall'Amazzonia in una struttura governativa. Abbastanza facile: dopotutto, Jones ha fatto carriera interpretando questo tipo di personaggi, e ha anche interpretato una specie di uomo pesce per Del Toro già, nel Ragazzo infernale film. Ma c'era qualcosa di diverso in questo potenziale nuovo ruolo: avrebbe dovuto avere una storia d'amore interspecie.

'Ha usato un linguaggio fiorito e mi ha detto che stava accadendo una scena intima', ricorda Jones, ridendo. 'Ho chiesto, 'Beh, cosa vuoi dire? Quanto diventa intimo?' E lui ha detto: 'Beh... è in una vasca da bagno'.



A quel punto, del Toro ha fatto marcia indietro e ha spiegato l'intera storia, che doveva ancora essere scritta ed esisteva solo nella sua immaginazione infinitamente vivida. Sally Hawkins avrebbe interpretato Elisa, una custode muta presso la struttura segreta del governo. Riconoscendo una parentela con l'Uomo Pesce, decide di salvarlo dopo aver appreso che il governo ha pianificato la sua eliminazione (l'interferenza delle spie russe ha fatto fare alle persone cose folli allora... e ora).

Ha capito che lei mi avrebbe salvato e avrebbe fatto un piccolo rapimento per tirarmi fuori di lì, e poi sarebbe finita nel suo appartamento nella vasca da bagno. Ero tipo 'oh, vedo dove è diretto', ricorda Jones, ridendo. 'Così finalmente, senza vetri tra di noi, senza un muro tra di noi, senza che io fossi incatenato in una piscina, abbiamo trascorso del tempo insieme tranquillo e senza sorveglianza per consumare quell'amore che stava fermentando.'

Il regista era nervoso per la reazione di Jones alla quasi bestialità, per non parlare della sua consumazione senza vincoli coniugali. L'attore, tuttavia, non ha avuto alcuna trepidazione per l'insolita scena di sesso.

'Il bravo ragazzo cattolico che c'è in me non ha avuto scrupoli', ricorda Jones. 'Come gli ho detto, non credo nemmeno che la Bibbia abbia un riferimento per quale protocollo esiste. Gli animali in natura si sposano prima? Non credo. E lo conosco abbastanza bene da sapere che non sarebbe stata una scena pornografica. Sarebbe stato di buon gusto, adorabile e innocente».

FILO SYFY ha parlato con Jones la scorsa settimana sulla realizzazione del film acclamato dalla critica, incluso un bel po' di più sull'anatomia dell'Uomo Pesce.

Che tipo di cambiamenti ci sono stati in quel periodo? Sei stato coinvolto?

Non volevo davvero, se mi affezionassi emotivamente a un certo look o a una certa tavolozza di colori, non volevo dire, 'Aw, vorrei che non lo avrebbero cambiato.' Ma so che il colore era un grosso problema. Hanno anche provato a usare più rossi a un certo punto, ma poi se guardi la tavolozza dei colori dell'intero film, quel colore verde acqua sembra essere una costante per tutto il film. E usa il rosso solo in luoghi scelti per il personaggio di Sally, quando lei diventa più attuale come umana e diventa più completa, e possiede i suoi punti di forza, è quando arriva a indossare più rosso. Ma anche tutto il suo appartamento, la combinazione di colori e la scenografia della sua abitazione, e il laboratorio da cui provengo, un sacco di verde acqua e verde che rifletterebbero il mio colore.

Guillermo l'ha già detto prima, quando hai una creatura che è il fulcro di un film, è come una specie di grafico a occhio di bue. Al centro di quel bersaglio c'è la creatura, e tu progetti verso l'esterno da quella. Quindi, l'ambiente, la scenografia, i colori, i costumi, anche tutti gli ambienti, le forme, i colori della tua scenografia devono essere un mondo in cui quella creatura può guardare bene.



^