Thor: Ragnarok

Thor: Ragnarok ha usato una nuova straordinaria tecnologia per mostrare le battaglie di Valkyrie

>

Uno dei nuovi personaggi introdotti nel Marvel Cinematic Universe in Taika Waititi's Thor: Ragnarok è Valkyrie, la guerriera asgardiana interpretata da Tessa Thompson. Lei è importante per molto ragioni sociali , ed è anche una parte importante dei più incredibili scene di effetti visivi nel film .

Star Wars episodio 2 obi wan

In uno straordinario flashback al rallentatore, vediamo Valkyrie e i suoi compagni guerrieri affrontare la malvagia Hela (Cate Blanchett) mentre cavalcano maestosi cavalli volanti. Per realizzare la scena al rallentatore distintiva e intenzionalmente disorientante - che mostra l'arrivo dei cavalli, la rappresaglia di Hela con lame mortali e l'uccisione di molti guerrieri - i realizzatori hanno collaborato con Satellite Lab, gli inventori di una nuova tecnologia di acquisizione che combina il movimento luce con immagini ad alta velocità. Lo studio di effetti visivi Rising Sun Pictures ha quindi preso questo filmato e ha aggiunto un sostanziale VFX per le scene finali.

Fare movimento leggero, veloce



Thor.gif

Thor: Ragnarok il supervisore degli effetti visivi Jake Morrison descrive la tecnologia che ha permesso la fotografia al rallentatore come 'come una versione new age del tempo dei proiettili', riferendosi all'array multi-camera utilizzato per filmare le famose scene in La matrice . 'Ma', osserva Morrison, 'mentre il bullet time ti consente di congelare un momento nel tempo e poi muovere la telecamera a velocità impossibili, rappresentando tutto in modo realistico, questa è letteralmente una versione a 180 gradi'.

La tecnologia brevettata, da Satellite Lab, si chiama DynamicLight. Il co-fondatore e artista visivo Carlo Van de Roer ha detto a SYFY WIRE che stava cercando di 'creare un set di strumenti per controllare e giocare con la rappresentazione del tempo e dello spazio all'interno della ripresa cinematografica'. Volevo spostare le sorgenti luminose così velocemente che il resto del mondo apparisse fermo, dandoci la possibilità di spostare le sorgenti luminose all'interno di un mondo sospeso nel tempo.'

satellitelab_05.jpg

L'attrezzatura del Satellite Lab utilizzata durante le riprese.

Van de Roer ha fondato Satellite Lab con Stuart Rutherford (co-protagonista di Waititi e Jemaine Clement's Cosa facciamo nell'ombra ) e Matias Corea (co-fondatore del sito di portfolio online Behance). Quello che hanno sviluppato è stato un modo per spostare una fonte di luce a oltre 10.000 piedi al secondo, ovvero otto volte la velocità del suono.

'La velocità e l'accelerazione delle sorgenti luminose sono controllate con un software in modo che il movimento nella scena e il movimento delle sorgenti luminose possano essere regolati come variabili indipendenti', spiega Van de Roer.

Filmare la scena

Per Thor: Ragnarok , L'attrezzatura del Satellite Lab era un anello di traliccio d'acciaio largo 20 metri sospeso sopra gli attori. Collegate al traliccio c'erano più di 145 flash a slitta.

hel1000_tracomp_v033.1034.jpg

'Il software che hanno scritto sincronizza efficacemente ogni flash con un singolo fotogramma d'azione con una fotocamera Phantom ad alta velocità', spiega Morrison. 'Abbiamo girato con un Phantom Flex4K a circa 1000 fotogrammi al secondo, e quello che succede è questo momento in cui il tempo rallenta fino a diventare una zuppa incredibile. Entra in un'azione molto densa e al rallentatore, ma poi, quasi impossibile, la luce fa un giro completo a 360 gradi intorno agli attori in quel momento.'

Sul set, tutto questo avviene in un istante ('Sembra quasi un servizio fotografico quando i flash si spengono', dice Morrison). Ma quando il filmato viene riprodotto, quel momento è allungato e sostanzialmente ottieni un fotogramma per flash, che si traduce in circa cinque secondi per ogni raffica di flash.

hel1020_comp_v013.1075.jpg

Thompson e Blanchett hanno recitato le loro scene sapendo che un momento cruciale doveva essere catturato proprio in questi brevissimi istanti, che secondo Morrison è stata una grande sfida.

'Fondamentalmente stai cercando di spremere questi incredibili ritmi di recitazione e momenti di performance in letteralmente meno di mezzo secondo. Poi quando lo riproduci, allunga quel momento, e poiché il modo in cui la luce gioca intorno, modella davvero il viso e puoi davvero vedere tutto quello che sta succedendo lì dentro. Penso che ci siano delle bellissime immagini che abbiamo creato lì dentro.'

Cavalli reali e CGI

I momenti sono stati tutti girati contro lo schermo blu, e includevano persino la cattura di un vero cavallo che sostituiva i tanti che avrebbero finalmente abbellito lo schermo. Il terzo piano ha aiutato a previsualizzare o 'prevedere' le scene di flashback in modo che potessero essere girate con precisione. Poiché è stato filmato un solo cavallo, previs è stato in grado di mostrare come riprendere più angolazioni dello stesso cavallo in modo che possa essere duplicato. Molti dei cavalli e dei cavalieri sono stati anche completamente generati al computer, grazie agli sforzi di Rising Sun Pictures.

star trek voyager b elanna
hel1060_comp_v006.1036.jpg

Morrison dice che in una scena che includeva sempre molta CGI, era importante avere quanta più fotografia reale possibile. 'Ci sono cavalli in CG nella scena, ma se tutto è in CG nella scena, penso che perdi parte del DNA dell'essere 'reale'. È stato davvero emozionante essere in grado di spingersi un po' oltre, girare con veri cavalieri, veri cavalli -- abbiamo messo le ali più tardi e abbiamo fatto gli sfondi in CG. C'è la lontana Valkyrie che cade sullo sfondo e persino i cavalli che il dipartimento artistico ha costruito come maquette di cavalli meravigliosamente dettagliate alte un metro che facevamo cadere su fili e sparavamo con il rig.'

Girare una scena particolare del flashback ha fatto impazzire Morrison. È l'inquadratura della valchiria che cade sulla schiena al rallentatore con un mantello fluttuante.

'Questo mi ha davvero coinvolto nel girare una serie di circa 20 momenti diversi in cui gli stuntman di Valkyrie sono su un trampolino. Saltano, fanno un grande rimbalzo, fanno un rimbalzo, un altro rimbalzo, fanno un grande salto, poi entrano in una modalità di caduta dell'anatra morta, a quel punto Carlo Van de Roer sarebbe sul pulsante e catturerebbe quel momento. Non ci sono mantelli CG su quello o qualcosa del genere. Questo è il filmato vero e proprio, ma ha avuto un tale successo che abbiamo finito per usarlo nel marketing e ovviamente anche nel film.'



^