Sistema Solare

Questo meteorite è così vecchio che ha visto il sistema solare accendersi prima che nascesse il Sole

>

La luce UV è la ragione principale per cui dobbiamo indossare la protezione solare, ma da dove provengono tutti i raggi ultravioletti nel nostro sistema solare?

Miliardi di anni fa, un meteorite che galleggiava nel primo sistema solare guardato in silenzio mentre le radiazioni UV bombardavano i pianeti nascenti. C'erano stati dibattiti sul fatto che tali immense quantità di luce UV provenissero da antiche stelle che esistevano prima del Sole, o dal giovane Sole stesso. Attraverso gli isotopi trovati al suo interno, un meteorite del primo sistema solare ha ora rivelato che la luce proveniva probabilmente da una massiccia stella morta da tempo che ha lasciato la sua impressione su quei pianeti rocciosi.

La missione Genesis aveva precedentemente scoperto che gli isotopi dell'ossigeno sulla Terra, sulla Luna e su altri oggetti relativamente vicini erano diversi da quelli del Sole. Ora il meteorite Acfer 094 ha dimostrato che l'irraggiamento del sistema solare all'inizio era causato da stelle diverse da quella intorno a cui orbitiamo. L'astrofisico Lionel Vacher della Washington University di St. Louis ha scoperto come la luce delle stelle ha modellato la polvere di stelle di cui siamo fatti. Ha condotto uno studio recentemente pubblicato su Geochimica et Cosmochimica Acta.



Acfer 094 è un meteorite molto interessante e unico, ha detto Vacher a SYFY WIRE in un'intervista. È uno dei meteoriti più primitivi che abbiamo nella nostra collezione perché la sua mineralogia e composizione chimica ci dicono che questo meteorite non è stato modificato in modo significativo dopo il suo accrescimento da processi asteroidali secondari.

Questo pezzo di roccia spaziale (sotto) è una capsula del tempo in cui sono ancora conservati gli isotopi della nube di gas e polvere da cui ha avuto origine e il resto del sistema solare. La maggior parte dei meteoriti che cadono sulla Terra hanno subito processi come l'alterazione idrotermale e il riscaldamento da impatti (le cose hanno davvero preso un colpo quando si è formato il sistema solare) o sostanze radioattive. L'Acfer 094 è quasi incontaminato in confronto. Non è noto come sia sfuggito alle devastazioni dello spazio, ma probabilmente si è formato lontano, oltre Giove, da ghiaccio di idrogeno solforato, sostanze organiche e materiali presolari.

Acfer 094 Meteorite

Credito: Dr. Lionel Vacher

Entra nella symplectite cosmica. Non c'è nessun altro meteorite conosciuto che contenga questo miscuglio di ossido di ferro, solfuro di ferro e alcuni degli isotopi di ossigeno più pesanti. Questo è ciò che ha rivelato che l'alba della luce UV nel sistema solare non proveniva dal Sole, perché la nostra stella ha il 6% in più dell'isotopo dell'ossigeno più leggero di tutto ciò che le orbita intorno. Questo perché la luce UV primordiale ha bombardato gli oggetti in quello che sarebbe diventato il sistema solare e ha scomposto il monossido di carbonio in essi nei suoi componenti atomici. La simplettite cosmica era il sottoprodotto.

Le anomalie isotopiche registrate nella simplettite cosmica probabilmente indicano che il nostro Sistema Solare si è formato vicino a stelle massicce che hanno irradiato la nube molecolare solare progenitrice, ha detto Vacher. Fortunatamente per noi, il Sole non si è formato troppo vicino a queste stelle giganti, altrimenti non saremmo qui a parlarne.

Quindi quali erano le stelle mostruose che hanno illuminato il sistema solare con così tanta luce UV? Le stelle più piccole, simili al Sole, si formano comunemente vicino a mostri astrali come stelle massicce di tipo O e B. Queste stelle altamente energetiche vivono velocemente e muoiono duramente. I loro spettri UV sono anche molto diversi dalle stelle come il nostro Sole e la loro luce UV rompe l'idrogeno solforato gassoso, che lascia dietro di sé pesanti isotopi di zolfo. Uno o entrambi i tipi di stelle erano probabilmente nello stesso ammasso stellare da cui è emerso il sole.

Quando la loro potente radiazione di stelle O o B (o entrambi) ha separato gas come l'idrogeno solforato, hanno creato isotopi che modellano l'ambiente in via di sviluppo nella nube nebbiosa dove si stava formando il Sole. La differenza negli spettri tra il Sole e le stelle che lo hanno preceduto ha permesso a Vacher e al suo team di confrontare gli isotopi di zolfo nella simplettite cosmica con le previsioni precedenti. Anche un piccolo pezzo di Acfer 094 è stato sufficiente per eseguire analisi isotopiche, il che gli ha permesso di sussurrare i segreti del sistema solare estremamente primitivo a Vacher e al suo team.

Siamo stati in grado di confrontare le anomalie isotopiche dello zolfo della simplettite cosmica con questi modelli teorici e dire che le anomalie isotopiche dello zolfo registrate nella simplettite cosmica sono coerenti con l'irradiazione da una o più stelle massicce, non dal giovane Sole, ha detto.

Quindi ricorda, non siamo fatti solo di polvere di stelle; in un certo senso, anche noi siamo stati creati dalla luce delle stelle.



^