Giovanni Landis

Quella volta che John Landis scrisse il suo sequel di Un lupo mannaro americano a Londra

>

Sì, c'è già stato un sequel e ora è in arrivo un remake. Ma sapevi che lo stesso John Landis ha scritto un seguito al suo classico? Un lupo mannaro americano a Londra ?

Questo è secondo Spia digitale , che sembra aver dato un'occhiata in anticipo a un prossimo libro di Paul Davis intitolato Attenti alla luna: la storia di un lupo mannaro americano a Londra , in cui Landis rivela di essere stato contattato per fare un sequel del film circa un decennio dopo l'originale, uno dei migliori film di lupi mannari di tutti i tempi e probabilmente con il la più grande scena di trasformazione nella storia del cinema - è uscito:

'Mi è stato chiesto di fare un sequel da PolyGram nel 1991. La società, sotto Jon Peters e Peter Guber, ha realizzato qualcosa come 10 o 12 film, e l'unico che ha fatto soldi è stato American Werewolf.



'Poi hanno lasciato l'azienda e sono stati sostituiti da un ragazzo di nome Michael Kuhn. Mi ha chiamato e mi ha detto che erano interessati a fare un sequel. Ho intrattenuto l'idea per un po' e poi ho tirato fuori qualcosa che mi piaceva e ho scritto una prima bozza della sceneggiatura.'

Si scopre che la sceneggiatura di Landis ha fatto un po' di retconning e si è concentrata su un personaggio che è stato menzionato nel film originale ma che non è mai apparso realmente - Debbie Klein, che il fantasma di Jack Goodman (Griffin Dunne) dice 'pianse molto' al suo funerale dopo che lui e David Kessler (David Naughton) sono stati attaccati da un lupo mannaro nelle brughiere inglesi:

'(Debbie) ottiene un lavoro a Londra come agente letterario e mentre è lì, inizia a indagare privatamente sulle circostanze della morte di Jack e David.

La presunzione era che durante il periodo del primo film in cui Jenny va a lavorare e David passeggia per l'appartamento, ha effettivamente scritto una lettera a Debbie Klein. Aveva tutto a che fare con questo grande segreto che David non aveva mai detto a Jack che aveva una cosa con lei.

Rintraccia il dottor Hirsch, che le dice che Alex (Jenny Agutter) ora vive a Parigi perché era così traumatizzata da quello che è successo... È allora che parla con Sgt McManus, il poliziotto del primo film che non è morto , che scopre che Jenny è ancora a Londra. La chiama e lascia un messaggio di risposta al telefono, che poi riveliamo essere ascoltato dai cadaveri scheletrici di Jack e David, che guardano la TV nell'appartamento di Alex!

'La grande sorpresa alla fine è stata che Alex era il lupo mannaro. Era piuttosto selvaggio. La sceneggiatura includeva tutti dal primo film, comprese tutte le persone morte!'

Landis dice di aver dato la sceneggiatura a Michael Kuhn, che 'Lo odiavo assolutamente ed era in realtà piuttosto offensivo a riguardo', aggiungendo, 'Chiaramente avrebbe odiato la sceneggiatura del primo film, perché così, (il sequel) era divertente e spaventoso - e se non altro, un po' più stravagante'.

Quindi Landis non è riuscito a fare il suo sequel, e invece abbiamo ottenuto il quasi inguardabile Un lupo mannaro americano a Parigi nel 1997, un seguito sciolto di cui nessuno ha mai parlato bene. E ora abbiamo il figlio di John, Max Landis, che sta rifacendo il film di suo padre, che anche papà sembra ambivalente a riguardo , ma questa è Hollywood per te.

Attenti alla luna: la storia di un lupo mannaro americano a Londra sarà pubblicato lunedì (27 novembre) in un'edizione rigorosamente limitata di 500 copie da Cult Screenings, una società con sede nel Regno Unito, e promette circa 300 foto dietro le quinte, interviste con 35 membri del cast e della troupe originali, e molto altro (puoi ordinarlo qui ). Nel frattempo, cosa ne pensi dell'idea di Landis per un sequel, e vorresti che avesse avuto la possibilità di portarlo sullo schermo?

(attraverso Slashfilm )



^