Astronauti

Il pilota collaudatore Chuck Yeager, il primo essere umano a rompere la barriera del suono, muore a 97

>

Il pilota Chuck Yeager, il primo essere umano a infrangere la barriera del suono e viaggiare alla velocità del suono, è morto all'età di 97 anni. La sfortunata notizia della morte di Yeager è stata confermata su Twitter da sua moglie, Victoria. 'È con profondo dolore, devo dirti che il mio amore per la vita, il generale Chuck Yeager, è passato poco prima delle 21:00 ET', ha scritto. 'Una vita incredibile ben vissuta, il più grande pilota d'America e un'eredità di forza, avventura e patriottismo saranno ricordati per sempre.'

gli episodi completi di youtube che camminano morti

I contributi di Yeager all'aviazione americana - compreso il suo incarico come primo leader della Aerospace Research Pilot School, che ha prodotto gli astronauti originali - hanno contribuito a spianare la strada allo sbarco sulla Luna dell'Apollo 11 nel 1969, che ha effettivamente 'vinto' la corsa allo spazio della Guerra Fredda per gli Stati Uniti. Sebbene non fosse un membro dei Mercury Seven, la storia di Yeager era ancora raccontata nel famoso libro di saggistica del 1979 di Tom Wolf, Le cose giuste . Il libro è diventato un lungometraggio nel 1983 grazie al regista Philip Kaufman; nel film, Yeager è stato interpretato da Sam Shepard.

'Ci siamo resi conto che la cosiddetta 'barriera del suono' impediva davvero di andare più veloce. E una volta che abbiamo ottenuto l'F-1 al di sopra della velocità del suono e poi abbiamo fumato il Mach-2 e oltre, abbiamo capito: 'Ehi, questo ci apre l'intero universo', ha detto una volta Yeager durante un colloquio per il documentario della BBC del 1988 Raggiungere i cieli .



'Non contento di riposare sugli allori, ha continuato a battere il suo stesso record e ha viaggiato a Mach 2.44. Ma anche prima stava servendo eroicamente il suo paese durante la seconda guerra mondiale. Molto tempo dopo essere diventato una leggenda ai suoi tempi, ha continuato a servire il suo paese attraverso l'esercito e in seguito nel suo lavoro in corso per testare nuovi velivoli', l'amministratore della NASA Jim Bridenstine detto in una dichiarazione . 'Il coraggio e i risultati di Chuck sono una testimonianza della forza duratura che lo ha reso un vero originale americano, e il lavoro aeronautico della NASA deve molto ai suoi brillanti contributi alla scienza aerospaziale. Da giovane aviatore navale, ero uno dei tanti in tutto il mondo che ammiravano Chuck Yeager e le sue incredibili imprese come pilota collaudatore. Il suo percorso ha tracciato una scia per chiunque volesse spingere i limiti del potenziale umano, ei suoi successi ci guideranno per le generazioni a venire.'

Chuck è nato come Charles Elwood Yeager a Myra, West Virginia, nel febbraio del 1923. Grazie a suo padre, ha avuto un talento per la riparazione di macchinari fin dalla tenera età. Si è diplomato al liceo sei mesi prima che gli Stati Uniti entrassero nella seconda guerra mondiale e si arruolò nell'Army Air Corps dopo l'attacco a Pearl Harbor. Nel febbraio 1944, iniziò a volare in missioni di combattimento nel teatro europeo, ma fu abbattuto all'inizio di marzo. Con l'aiuto della resistenza francese, riuscì a evitare di essere catturato dai nazisti.

Dopo la guerra, Yeager divenne pilota collaudatore al Wright Field in Ohio, dove fu la prima persona a pilotare il primo caccia a reazione operativo americano, il P-80A Shooting Star. La sua vera pretesa di fama arrivò nell'autunno del 1947 quando usò l'aereo da ricerca missilistico Bell X-1 (chiamato affettuosamente 'Glamorous Glennis' da Yeager) per rompere la barriera del suono, un'impresa che gli valse il soprannome dei media di 'The Fastest'. Uomo vivo.'

'Ogni volo che abbiamo fatto, eravamo in una regione dove nessuno aveva mai avuto un aereo prima. In effetti, non avevamo nemmeno i dati della galleria del vento in quella regione. Era, ogni giorno, qualcosa di nuovo', ha spiegato Yeager in Raggiungere i cieli . 'Il volo stesso è andato come previsto. Abbiamo avuto molti problemi con gli incendi nella coda dell'aereo e gli accenditori che non funzionavano. Fortunatamente, hanno funzionato tutti quel giorno ... Una volta che abbiamo ottenuto il salto di Mach sul misuratore di Mach e tutto il buffeting si è attenuato e abbiamo ottenuto il nostro primo boom sonico, è stata quasi una delusione. Quella dannata cosa non è esplosa!'

È ancora più impressionante se si considera il fatto che soffriva immensamente per un recente incidente a cavallo diversi giorni prima del volo. 'Mi faceva male... mi sono rotto un paio di costole e mi sono fatto male alla spalla... non mi sentivo molto bene, ma il punto era che ho preso la decisione di far volare l'aereo', ha raccontato. 'L'esperienza di combattimento che ho avuto mi ha reso un pilota molto disciplinato, il che significa che ho imparato a controllare le mie emozioni e sentimenti verso il risultato. Non ha fatto alcuna differenza per me, se l'X-1 è esploso in un milione di pezzi o no perché non potevo farci nulla. Quindi devi toglierlo dalla testa; lo fai in combattimento.'

Chuck Yeager

Credito: US Air Force/US Air Force/The LIFE Picture Collection tramite Getty Images

Nel 1962, Yeager divenne il comandante della Scuola per piloti di ricerca aerospaziale dell'USAF, che preparava i piloti per il volo spaziale. La scuola era così competitiva che solo l'1% dei candidati è stato accettato nel suo programma. Trentasette dei suoi diplomati sono stati selezionati per il programma spaziale degli Stati Uniti e 26 di loro sono diventati astronauti certificati tramite le missioni Gemini, Apollo e Space Shuttle. Nonostante il fatto che non sia mai diventato un astronauta, Yeager ha avuto ancora un profondo impatto sui viaggi spaziali come mentore e insegnante.

Quando si ritirò a metà degli anni '70, Yeager aveva totalizzato oltre 10.000 ore di volo in oltre 360 ​​diversi tipi di aerei. Durante la sua carriera, ha collezionato diverse medaglie: la Distinguished Service Medal, la Silver Star, la Legion of Merit, la Distinguished Flying Cross e la Bronze Star e la Presidential Medal of Freedom. Oltre a sua moglie, Yeager lascia anche quattro figli.

(informazioni biografiche via ChuckYeager.com & Il New York Times )




^