Animazione

'La simmetria non è nostra amica': come è stata realizzata Rango, una delle animazioni più fuori dagli schemi di Hollywood

>

Non c'era niente nei cinema che assomigliasse Rango quando è uscito un decennio fa questo mese. Il primo lungometraggio d'animazione del regista Gore Verbinski ha parodiato e reso omaggio con successo al genere western - sia i classici di Hollywood diretti da John Ford e Fred Zinneman, sia gli spaghetti western resi famosi dal regista italiano Sergio Leone - e ha avvolto il tutto in una storia uscito da un neo-noir di New Hollywood. Nonostante abbiano un elenco di A-listers che forniscono le loro voci (Johnny Depp, Isla Fisher, Timothy Olyphant, Alfred Molina), ciò che ha reso Rango unico tra tutti gli altri film d'animazione dell'epoca era lo stile visivo unico del film, specialmente quando si trattava della star del film e del suo cast di supporto.

Rango (Depp), un camaleonte che scopre se stesso mentre salva la città senza legge di Dirt, e gli altri animali antropomorfi del deserto presenti erano completamente diversi dalle creature carine e facilmente commerciabili che si trovano in altri film d'animazione 3D usciti quell'anno, come Il gatto con gli stivali e Kung Fu Panda 2 . All'inizio del film, vediamo Rango, uno sconosciuto in una strana nuova città, che non ha ancora adottato il suo nuovo nome e identità, passare accanto a creature che hanno sicuramente visto giorni migliori. C'è Doc (Stephen Root), una lepre con la pelliccia arruffata e l'orecchio destro mancante; c'è anche il sergente Turley (Verbinski), un tacchino selvatico con una freccia infilzata nel cranio. Anche lo stesso Rango, con il suo collo storto, il fisico panciuto e gli occhi sproporzionati, non è qualcosa che il pubblico si aspetterebbe da un cartone animato allegato a Nickelodeon Movies.



^