Interviste

Le svastiche sul set di The Man in the High Castle hanno causato problemi alle persone, sono state distrutte

>

Uno degli aspetti di L'uomo nell'alto castello ciò che lo ha reso così accattivante non solo per il pubblico, ma anche per gli uomini e le donne che lo hanno realizzato, è stata l'attenzione ai dettagli con cui è stata messa a punto ogni elemento della produzione. Dai vestiti indossati ai libri sugli scaffali ai Corn Flakes al tavolo della colazione, tutto è stato pensato per dare vita a una versione degli anni '60 che avrebbe seguito i nazisti e il Giappone che vincevano la seconda guerra mondiale.

A volte, questo rende lo spettacolo un'esperienza profondamente inquietante e, altre volte, inquietante a causa di quanto tutto sembri normale. Rufus Sewell, che ha interpretato l'ufficiale nazista americano John Smith nella serie, ha detto a SYFY WIRE che 'una delle cose strane che accadono, al limite del malsano, è che diventi naturalmente molto abituato a questo essere solo ciò che ti circonda'.

quando è uscito Iron Man 1?

E questo significava abituarsi alla presenza delle svastiche come decorazioni per il set, gli oggetti di scena e gli armadi. Il famigerato simbolo del regime nazista è così controverso che è illegale esporlo in Germania , ma secondo Sewell, nel corso delle riprese della serie, la sua presenza è diventata così normale che 'non li abbiamo nemmeno visti'. Non ci siamo nemmeno resi conto che il nostro pavimento in linoleum fosse una svastica per un'intera stagione.'



Chelah Horsdal, che interpretava la conflittuale moglie di Smith, Helen, afferma che il simbolo 'ha perso il suo potere'.

E per Sewell, 'il tuo costume da nazista diventa semplicemente i vestiti che indossi'. Tuttavia, aggiunge, 'Questa è una lezione oggettiva su ciò che accade alle persone, su come ci si abitua alle situazioni. Se dovessi saltarci dentro, sai che durante la notte sembrerebbe mostruoso, ma giorno dopo giorno ti abitui alle cose.'

L'uomo nell'alto castello: stagione 3 Rufus Sewell nei panni di Obergruppenführer John Smith

Credito: Liane Hentscher/Amazon Prime Video

Gli attori, tuttavia, avrebbero avuto ricordi che, al di là del set, queste immagini avevano un potere orribile. Questo si estendeva anche oltre l'uso delle svastiche, secondo Joel de la Fuente, che interpretava l'ispettore capo di Kempeitai Takeshi Kido.

Un giorno, lo spettacolo stava girando una scena all'aperto nel campus dell'Università della British Columbia e, come ricorda, 'c'erano svastiche e la bandiera imperiale ovunque. Ed è divertente, perché sono abituato a vederlo con le svastiche, ma ho visto una persona asiatica-canadese più anziana passare e vedere la bandiera imperiale appesa lì. E la risposta sul loro viso, la reazione viscerale che hanno avuto, è stata qualcosa che non credo dimenticherò mai.'

Quel giorno sono state implementate nuove regole per le riprese in esterni, dice.

Mentre le regole includevano la copertura dei costumi tra una ripresa e l'altra, Horsdal ha vissuto un momento particolarmente sorprendente durante le riprese della terza stagione dello show: il suo guardaroba era così dettagliato che la stilista Catherine Adair ha cucito etichette con la scritta 'fatto da mani ariane' nei vestiti, dove un fotocamera non sarebbe mai in grado di vedere. E un giorno, mentre stavano girando in un hotel del centro di Vancouver, le è capitato di indossare anche una spilla con una svastica, come si addice al suo personaggio, una donna onesta del regime nazista americano.

'In generale, tutti i nostri dipartimenti erano davvero consapevoli sul posto di coprire qualsiasi iconografia e assicurarsi che nessuno del mondo reale avrebbe visto queste immagini', dice, portando a una storia difficile sulla loro pausa pranzo che giorno. 'Ma avevo dimenticato che c'era una svastica sul mio costume, e stavo camminando attraverso l'atrio e con molto entusiasmo, nel classico stile Chelah, ho salutato un paio di persone che erano sedute lì. E l'uomo mi ha guardato, ha guardato la mia svastica, e poi mi ha guardato. Ed era semplicemente scioccato.'

Sul momento, Horsdal si è subito scusato, spiegando che stavano girando uno show televisivo. 'Ero così abituata a girovagare lì dentro, e ho dimenticato che non ho idea di quale sia la storia di quest'uomo', dice. «Non ho idea di cosa significhi per lui questa immagine. Adesso mi viene la pelle d'oca, a pensarci».

Il produttore esecutivo Isa Dick Hackett ha detto a SYFY WIRE che dopo 12 anni di lavoro per portare L'uomo nell'alto castello sullo schermo, è abbastanza consapevole di quanto possa essere impegnativa l'iconografia richiesta dallo spettacolo. 'Fortunatamente, il nostro team di worldbuilding è così eccezionale, ed erano incredibilmente sensibili e premurosi su come lo stavano incorporando nello spettacolo', dice. 'Tutti l'hanno preso molto sul serio.'

In effetti, quando si trattava di oggetti di scena che utilizzavano svastiche (come la bandiera americana/nazista, che presentava una svastica al posto delle stelle bianche), Hackett afferma che c'era un armadio nel reparto oggetti di scena dove erano tutti conservati, e fin dall'inizio della produzione quell'armadio è stato tenuto sotto chiave.

E ora che lo spettacolo è finito, non cercare nessuno di quegli oggetti di scena per le aste di beneficenza o altrove. Secondo Hackett, ognuno di loro è stato distrutto.

'Anche nell'appartamento Smith, dove c'erano mobili per la casa con svastiche, era tutto distrutto se non poteva essere smontato o martellato', dice. 'Era per lo spettacolo, e non per i collezionisti.'

L'eredità dello spettacolo può offrire molte idee importanti per gli spettatori. Ma la cosa più importante potrebbe essere questa: il fascismo ei suoi simboli devono essere abbattuti.

L'uomo nell'alto castello è ora in streaming su Amazon Prime.



^