Opinione

Sovvertire i tropi con Jessica Rabbit

>

Basato sul romanzo Chi ha censurato Roger Rabbit? di Gary Wolf, Chi ha incastrato Roger Rabbit? è noto per essere sia un classico film di successo che un rivoluzionario lavoro di animazione.

La produzione del film è stata quasi interrotta diverse volte a causa dell'escalation del budget. Contro ogni previsione, fu terminato e pubblicato nel 1988 con enormi ritorni al botteghino. Utilizzando cels e compositing ottico e impiegando più di 300 animatori a tempo pieno, la quantità di lavoro che è stata dedicata alla creazione del film è sbalorditiva, e oggi è giustamente riconosciuto come uno dei capolavori del cinema americano moderno.

Schermata (1396)

Chi ha incastrato Roger Rabbit? si svolge nel 1947, in un mondo in cui i cartoni animati, o 'toons', coesistono accanto a veri umani. L'investigatore privato Eddie Valiant (Bob Hoskins) viene assunto dal capo di Roger Rabbit, Maroon, per trovare le prove che la moglie di Roger, Jessica, lo stia tradendo. Cercando di rintracciare Jessica, Valiant va al nightclub dove si esibisce. Canta una graffetta di Peggy Lee prima di ritirarsi nella sua stanza, momento in cui Valiant cattura le fotografie di lei mentre gioca a torta con Marvin Acme, proprietario della Acme Corporation. Dopo che a Roger vengono mostrate le foto, Acme viene trovata assassinata. Tutta la colpa è rivolta a Roger, che si presenta a casa di Valiant chiedendo aiuto.



Scopriamo che sebbene Valiant fosse un tempo un importante sostenitore e difensore dei cartoni animati, l'alcolismo ha preso piede dopo che suo fratello è stato assassinato da uno di loro. Dopo anni in cui si è rifiutato di accettare casi di cartoni animati ed è caduto nell'oscurità, accetta di aiutare Roger per obbligo e forse un po' di speranza. Ha alcune interazioni con Jessica in cui la sua sensualità è interpretata per la commedia. Quando Valiant accusa pensosamente Jessica di aver tradito suo marito, pronuncia la famosa frase, non sono cattiva, sono solo attratta in quel modo.

Schermata (1382)

Jessica Rabbit è innegabilmente fantastica. Non perde mai di vista i suoi obiettivi e non dice altro che logica alla follia che sta succedendo intorno a lei. Quando Valiant la chiama ripetutamente per essere troppo sexy e misteriosa, ha sempre una solida difesa delle sue azioni. È facilmente il personaggio più intelligente del film, e il suo comportamento freddo sotto pressione è stimolante, così come il suo impegno nei confronti di suo marito Roger, che ama per ragioni non superficiali.

A causa della sua pettinatura da peek-a-boo resa popolare da Veronica Lake nei primi anni '40, la maggior parte presume che Jessica fosse basata su Lake, ma alcuni sostengono che l'animazione sia stata ispirata da Vikki Dougan. Una rossa con un debole per indossare abiti senza schienale, Dougan è apparso spesso nelle colonne di gossip insieme a vari beaus (incluso Frank Sinatra per un breve periodo). In seguito, è sembrata delusa dal fatto che fosse conosciuta solo per i suoi abiti iconici e poi per gli uomini nella sua vita, quando voleva sinceramente essere un'attrice.

Quella sfumatura di amarezza per essere considerata nient'altro che un oggetto sessuale ha informato Jessica Rabbit, indipendentemente dal fatto che il suo personaggio fosse basato o meno su Dougan. Anche se allo stesso modo stanca per il suo tempo a Hollywood, la storia di Veronica Lake è cambiata in modo significativo prima ancora che avesse superato i 20 anni. Una cosa che entrambi Lake e Dougan hanno in comune, tuttavia, è che sono conosciuti più per una caratteristica fisica distintiva piuttosto che per le loro personalità o abilità recitative, il che è vero anche per Jessica Rabbit. D'altra parte, il leggero sogghigno di Jessica e gli occhi socchiusi sono inconfondibili marchi di fabbrica di Lake, quindi è probabile che una combinazione di entrambe le donne abbia ispirato la versione cinematografica di questo personaggio.

Schermata (1379)

I personaggi maschili in Chi ha incastrato Roger Rabbit? sono, per la maggior parte, indiscutibilmente squallidi nei confronti di Jessica Rabbit, e molti revisori hanno incolpato Jessica per questo, sostenendo che è una caricatura sessista usata per promuovere la trama. In verità, Jessica si basa sul cliché della femme fatale, proprio come appariva nei gialli degli anni '30 e '40 di autori come Dashiell Hammett. La vera origine delle femme fatale nell'arte risale a più di quanto sarebbe possibile individuare, ma i primi esempi includerebbero Lilith, Elena di Troia e Visha Kanyas.

Fin dai nostri inizi conosciuti, ci sono stati miti della donna stanca che irretisce gli uomini per prosciugarli e ucciderli. L'intero sottogenere del film noir presenta una lunga lista di personaggi femminili che esistono solo per essere così sexy da spingere gli uomini a commettere un omicidio, e Chi ha incastrato Roger Rabbit? utilizza molti tropi noir. Reso popolare da film degli anni '40 come Doppia indennità , Il postino suona sempre due volte , e La signora di Shanghai , tra molti altri, la moglie inaffidabile, assassina, ma in qualche modo tragica e bella è stata parodiata fino alla nausea per decenni a questo punto.

Il lato negativo della femme fatale è che è quasi sempre unidimensionale. Nonostante la sua esorbitante storia in letteratura, teatro, arte, musica e cinema, è molto raro che il personaggio ottenga una personalità più profonda o un retroscena più dettagliato di quanto descritto sopra. La femme fatale esiste solo per rovinare gli uomini intorno a lei, e non sembriamo mai veramente imparare come è diventata così crudele o perché esattamente è che sembra odiare così tanto gli uomini. Il motivo per cui molti mettono in discussione il tropo è che è superficiale ed è servito a denigrare le donne che avevano il controllo della propria sessualità senza fine in vista.

Oltre a ciò, il romanzo minimizza davvero l'autonomia di Jessica e cavalca lo stereotipo della femme fatale fino alla fine. Si presenta usando il sesso come una vera e propria merce di scambio, e il suo personaggio è profondamente svergognato per questo, sia dall'autore che dagli altri personaggi, che si riferiscono a lei solo come un oggetto sessuale. Tradisce suo marito ed è disposta a usare e buttare via chiunque sia coinvolto con lei. Il pubblico non è destinato a schierarsi con lei. Il libro si appoggia con una pesante satira ai tropi che utilizza e non concede ai suoi personaggi tanti tratti umanizzanti come fa il film. Jessica e Roger sono forse i due personaggi che ne soffrono di più, Jessica che mostra un eccezionale livello di insensibilità e Roger che interpreta un patetico pasticcione.

La Jessica Rabbit del film, tuttavia, non è una parodia o una satira; lei è la sovversione di un tropo. È chiaro dalla sua seconda apparizione sullo schermo che non è chi tutti pensano che sia. Ha immediatamente una caratterizzazione più profonda di quella che alla maggior parte delle femme fatale è mai stata data. L'idea che sia cattiva solo perché è quello che tutti pensano che sia è avvincente, dato che fa tutto il possibile per proteggere suo marito per tutto il film. Il suo eroismo è sorprendente e aiuta a rendere il film più interessante.

Schermata (1387)

Il mix di animazione nella storia di Chi ha incastrato Roger Rabbit? ha portato molti bambini a guardare il film in un'età che potrebbe essere stata troppo giovane. L'alcolismo di Valiant, il tono ossessivamente oscuro, i cartoni consumati e stanchi e i numerosi omicidi che si verificano nel film erano tutti probabilmente un po' troppo per il pubblico giovane. Mentre molti elementi sono discutibili, come le reazioni da lupo di molti personaggi maschili a Jessica che viene interpretata per la commedia, Jessica è quasi il personaggio meno problematico del film.

Non è colpa di Jessica Rabbit se vive in un mondo di fantascienza trash, ma mentre Chi ha incastrato Roger Rabbit? è tutt'altro che impeccabile, Jessica Rabbit è significativamente più femminista e più un modello di ruolo di quanto non le sia mai stato dato credito.



^