Cose Che Amiamo

Roba che amiamo: perché At the Mountains of Madness dovrebbe darti incubi insondabili

>

Alcune storie dell'orrore iniziano con strani rumori. Schizzi di sangue. Corpi non identificati nel bosco. Alle montagne della follia nasce con una spedizione antartica perfettamente di routine la cui missione è studiare la biologia e la geologia di un territorio precedentemente inesplorato- che è esattamente ciò che lo rende così terrificante .

H.P. L'ibrido fantascientifico-horror di Lovecraft non si basa sul valore shock istantaneo. Lentamente e sadicamente ti manda a spirale nelle profondità di indicibile terrore, da cui ti rendi conto (troppo tardi) che non c'è modo di artigliare la tua via d'uscita. Alle montagne della follia sembra solo uno speciale vintage di Discovery Channel, fino a quando alcuni elementi innaturali iniziano a insinuarsi in quelle che altrimenti sembrano essere note accademiche scrupolosamente dettagliate, gergo scientifico e tutto il resto. All'inizio potresti non notare le aberrazioni. Probabilmente non li noterai affatto, fino a quando gli eventi successivi non ti faranno girare all'indietro più e più volte per assicurarti quadruplicamente di vedere ciò che speri disperatamente di non vedere.

Ciò che si rivela solo quando gli strati di ghiaccio che oscurano l'orribile verità si dissolvono è che la scalata nelle proibitive montagne ghiacciate dell'Antartide è in realtà una discesa nella follia. Se gli strani segni e i ripetitivi motivi a stella a cinque punte non ti dicono che qualcosa è gravemente sbagliato, allora ciò che può essere descritto come cetrioli di mare troppo cresciuti o uova di funghi che possono uccidere con appendici tubolari succhiasangue lo faranno. Perché in realtà non sono morti, come pensa un biologo troppo sicuro di sé quando ne trascina uno su un rozzo tavolo da dissezione. Almeno non tutti lo sono. Non finiranno nemmeno come gli unici cadaveri ad essere sezionati.



Ingrandire

Illustrazione originale per Alle montagne della follia di Howard V. Brown.

Comunque a questo punto trascorrerai almeno 48 ore con gli occhi ben aperti, quindi perché non continuare la spedizione, più a fondo nelle cose senza nome che non dovrebbero essere viste e non possono essere invisibili? Perché ci sono cose peggiori delle mostruosità fungine con la testa a stella il cui odore probabilmente non saresti nemmeno in grado di togliere dal tuo parka, anche con quel detersivo miracoloso che hai visto in qualche infomercato nel cuore della notte. Ci sono cose informi e selvagge che possono far crescere qualcosa che assomiglia a una bocca o a un arto ogni volta che vogliono decapitare la loro preda e lasciarla coperta da una melma oleosa ancora più vile. Poi c'è l'indescrivibile terrore dei terrori in agguato nelle montagne lontane che brillano di porpora al crepuscolo. Non vuoi andare lì.

episodi completi della serie animata di Star Trek

Con tutto quel parlare ipereccitato sulla ricerca di pianeti abitabili e vita aliena , forse la cosa più orribile di tutte è ciò che potrebbe accadere se una futura spedizione spaziale incasinasse l'ordine naturale di un pianeta che non avrebbe mai dovuto essere disturbato. L'interferenza umana potrebbe gettare nel caos un'intera civiltà aliena, proprio come la distruzione di quella città di ghiaccio antidiluviana si è conclusa con una violenta dispersione di cadaveri. Potrebbero anche esserci cose che dormono e non dovrebbero mai essere svegliate. Sempre.

Leggi Alle montagne della follia (con tutte le luci accese) qui , ma non mi assumo alcuna responsabilità per i tuoi occhi che roteano dietro la tua testa mentre continui a blaterare all'infinito Tekeli-li! Tekeli-li con una bizzarra voce cantilenante.



^