Mondo Dei Fan

Star Wars ha un problema con il fandom maschile bianco

>

Kelly Marie Tran, che interpreta Rose Tico in Star Wars: Gli ultimi Jedi , ha cancellato tutte le immagini dal suo account Instagram. Questo presumibilmente è avvenuto dopo un lungo periodo di molestie e abusi che l'attrice ha ricevuto dal cosiddetto Guerre stellari fan, in particolare quelli che odiavano Gli ultimi Jedi e il suo carattere. Due anni prima, Daisy Ridley ha anche cancellato la sua pagina Instagram in seguito alle molestie ricevute dopo aver espresso sentimenti a favore del controllo delle armi. Un commentatore arrabbiato ha risposto con Stai zitto, Ridley, e fai un altro film di Star Wars. Negli ultimi sei mesi circa, il direttore di Gli ultimi Jedi , Rian Johnson , ha subito abusi quasi infiniti su Twitter da parte di coloro che non riescono a superare la loro antipatia per il film. Anche il tweet più benigno del paziente e aggraziato Johnson risulterà in menzioni piene di molestie e abusi. Al momento della stesura di questo post, l'autore Chuck Wendig, che ne ha scritti diversi Guerre stellari romanzi, sta affrontando una raffica di odio da presunti fan che affermano di essere parte della 'rovina' del franchise. Un fan 'satirico', @FakingStarWars, è arrivato al punto di realizzare una maglietta con lo slogan 'Blocked by Chuck Wendig', che usa la sua somiglianza. Wendig ha detto che farà l'avvocato.

Tutto questo accade all'ombra di uno dei più grandi franchise della cultura pop che colpisce il suo primo ostacolo finanziario con la natura poco performante di Solo: una storia di Star Wars . Alcuni di quei fan sono pronti a prendersi il merito del crollo del film affermando che è un segno che il loro anti- Gli ultimi Jedi il boicottaggio ha funzionato. Tra questi proclami, questo sottoinsieme torna ai loro dibattiti preferiti, come se Rey e Jyn Erso sono Mary Sues, e quanto Gli ultimi Jedi e i prequel hanno violentato la loro infanzia.

Sarebbe ingiusto e troppo generico dirlo Guerre stellari ha un problema di fandom. Quello che ha è un problema di fandom maschile bianco.



Il diritto ai fan non è solo per gli uomini bianchi, né è esclusivamente un Guerre stellari problema, ma il modo in cui si è manifestato in questa particolare comunità è profondamente rivelatore di tale mentalità. Guerre stellari ha fatto grandi passi in avanti in termini di diversità, ma come ha rivelato il recente studio della dottoressa Becca Harrison, nessuno dei film è riuscito ad avere una completa parità di genere in termini di ruoli parlanti. Persino Il Risveglio della Forza , il film che sembrava dare il via a questa idea della morte dell'uomo bianco in Guerre stellari , gestito solo il 37%. Eppure questa è una maggioranza sufficiente per questi fan tossici per gridare alla propaganda e rivendicare la loro Guerre stellari è finita. La semplice inclusione di donne e persone di colore è sufficiente per farli piangere e affermare che stanno prendendo il controllo del franchise.

rose e finn su canto bight, l'ultimo jedi

Essere un fan può essere un'esperienza meravigliosa, che ti unisce a persone altrettanto appassionate e alimenta la tua creatività. Può presentarti ad amici per tutta la vita e suscitare ambizioni oltre i nostri sogni più sfrenati. Può anche ospitare il peggio di noi, coccolandoci nei nostri aspetti più reazionari e dicendoci che abbiamo sempre ragione e che nessun altro può apprezzare quella storia, la musica o l'arte come te. Può generare un tipo unico di paranoia, uno che ci sussurra insidiosamente come nessuno lo capisca come te. Esso, e le persone che la pensano allo stesso modo intorno a te, ti incoraggiano a proteggere la cosa che ami perché la sua purezza sarà diluita se è costretta a cambiare o ad accogliere le persone che semplicemente non lo capiscono. Alla fine, ti spinge a vedere il fandom come uno sport competitivo e, se perdi, la tua identità si trasformerà in polvere.

Così, Guerre stellari smette di essere speciale una volta che tutti lo amano, e una volta che smette di centrare esclusivamente uomini bianchi come suoi eroi, perché Rey non sembra un vero eroe, e nemmeno Finn o Rose. Questi personaggi e queste idee non esistevano quando i film erano agli inizi, quindi ovviamente non ci appartengono veramente. Improvvisamente, il fandom è più grande che mai e pieno di persone che si preoccupano di cose come la rappresentazione, ma non erano lì quando c'erano quei veri fan, il che significa che non appartengono. Devono essere mostrati loro il loro posto nell'ordine gerarchico, che si tratti di giovani fan ingenui o di attrici che attirano l'attenzione sullo schermo.

Niente di buono viene dal definirsi esclusivamente in base alle nostre preferenze e hobby della cultura pop. Non c'è niente da guadagnare o da cui imparare quando ci vediamo solo come ricettacoli di beni di consumo, indipendentemente da quanto siano artisticamente degni. La tossicità della mascolinità bianca negli spazi del fandom costringe queste figure a fingere di essere le vere vittime. Mentre Internet era in subbuglio per il trattamento di Tran, il podcast Rebel Force Radio, a lungo criticato per la sua misoginia, ha twittato di aver contattato Lucasfilm per una dichiarazione su Guerre stellari i creatori 'attaccano i fan e incitano la fanbase'. Ci vuole un serio livello di arroganza per giocare quella carta mentre una giovane donna asiatica è stata cacciata da Internet da quell'atteggiamento di auto-vittimizzazione da parte dei fan.

Il Rick e Morty Il fandom è stato immerso in problemi simili per un po' di tempo, arrivando al nadir molto pubblico durante il fiasco della salsa Szechuan di McDonald's. I creatori di quello spettacolo, Dan Harmon e Justin Roiland, hanno fatto il passo unico di chiamare direttamente il loro fandom tossico. Non hanno minimizzato questo comportamento imbarazzante, né hanno cercato di scusarlo perché la passione è andata male. Dopo che un gruppo di fan dello show ha iniziato a molestare le scrittrici della serie, Harmon riassumendo sinteticamente il cuore del problema:

Queste manopole vogliono proteggere il contenuto che pensano di possedere e in qualche modo lo combinano con il loro bisogno di essere orgogliosi di qualcosa che hanno, che spesso è solo la loro razza o genere. Detesto queste persone.'

Un comportamento del genere è stato scusato per troppo tempo nel fandom. Viene liquidato come passione o viene assecondato da società che vogliono disperatamente aggrapparsi a questi dati demografici apparentemente redditizi. quando quelli Rick e Morty i fan si sono ribellati al McDonald's per le vaschette di salsa, il l'azienda ha risposto chiamandoli 'i migliori fan del multiverso' e ha affermato che McDonald's è stato 'umiliato dalla straordinaria curiosità, passione ed energia' delle persone che hanno abusato verbalmente del personale per un condimento. Più questo atteggiamento viene incoraggiato, più gli viene permesso di crescere e diventare irrevocabilmente potenziato, in particolare nelle comunità online in cui molestie e abusi sono eufemizzati come trolling. Siamo ora nella fase in cui i fan che inviano vili abusi tramite i social media non solo sono previsti, ma sono tranquillamente scusati come proprio quello che accade. Più questo comportamento è normalizzato, più diventa difficile affrontarlo. Gli ultimi Jedi gli odiatori considerano quello che fanno come una critica, ma c'è un mondo di differenza tra la recensione di un film e l'esecuzione di un'attrice da Instagram perché non ti è piaciuto il suo personaggio. Chiunque non possa o non voglia dire la differenza è parte del problema.

leia organ, l'ultimo piatto

Roba come questa deve essere chiamata ripetutamente e con grande forza. Abbiamo superato da tempo il punto in cui ignorare i troll era efficace, e fingere di farlo non fa altro che autorizzare i bulli. Abbiamo visto cosa succede quando queste presunte minoranze delle comunità di fan, dominate da uomini bianchi arrabbiati, decidono di lanciare campagne concertate di molestie contro coloro con apparenti programmi politici che accusano di aver rovinato la loro infanzia. Abbiamo visto cosa è successo quando l'estesa umiliazione pubblica di una donna da parte del suo ex fidanzato è diventata una piattaforma per attaccare le donne e le minoranze nell'industria dei videogiochi sotto la facciata dell'etica nel giornalismo di gioco. Abbiamo visto le conseguenze dei razzisti e dei misogini che hanno dirottato gli Hugo Awards per protestare contro la crescente diversificazione del genere. Abbiamo visto come Leslie Jones è stata curata quando non ha fatto altro che unirsi a un riavvio guidato da donne di acchiappa fantasmi . Il modello di comportamento è quasi identico ogni volta che accade, eppure ci comportiamo tutti sorpresi quando succede.

Questo diritto filtra attraverso i pori della nostra cultura ed è ripetutamente legittimato come il modo in cui si comportano i fan. Questo non è normale. Non è quello che fanno i fan. Raggruppare le giovani donne che hanno trovato un nuovo eroe in Rey con gli uomini adulti che stanno acclamando l'uscita di Tran da Instagram fa un grave disservizio a ciò che il fandom può ottenere al meglio. Non c'è modo che abusi come quelli di Tran Pagina Wookiepedia essere stata modificata per cambiare il suo nome in 'Ching Chong Wing Tong' e descriverla come 'stupida, autistica e ritardata' è radicata in qualcosa di diverso dal razzismo e dalla misoginia. Questo non ha nulla a che fare con l'essere un fan. Questo è il massacro ossessivo della mascolinità bianca tossica sotto le spoglie di un hobby.

Guerre stellari non è più quello di una volta, e questa è una buona cosa. Nel 21° secolo, sotto una nuova gestione e attraente per un pubblico più ampio e diversificato, il franchise deve evolversi. Il suo casting e gli ensemble creativi devono riflettere il nostro mondo, non solo perché è la cosa giusta da fare, ma perché fa bene sia all'arte che agli affari. Un'intera nuova generazione di fan potrà vivere queste storie per la prima volta, per trovare eroi che non avrebbero mai pensato di poter avere prima. Il resto di noi vedrà quegli eroi della nostra giovinezza in modi nuovi che potrebbero non sempre piacerci. Han Solo invecchia. Lettura generale ci lascerà presto. Luke Skywalker divenne orgoglioso e spaventato, e le sue azioni non erano quelle dell'eroico. Una grossa fetta di Gli ultimi Jedi si tratta di denunciare l'eccitante aspirante eroismo di Poe e condannare il modo in cui presume di sapere di più sulla situazione di due donne più qualificate. Va benissimo e comprensibile che non piacciano quelle scelte creative fatte, ma bisogna capire che il franchise non è la proprietà consacrata di un gruppo di minoranza che odiano il cambiamento.

Le qualità che un tempo definivano gli emarginati - geek, amore per la fantascienza, amore per le curiosità - sono ora ciò che legano la maggior parte del pubblico che va al cinema. Tutti sono geek ora, che tu stia facendo la fila per vedere Gli ultimi Jedi o comprando una maglietta di Poe Dameron o giocando a Guerre stellari gioco sul telefono. Ciò sembra spaventare di più questo sottoinsieme tossico del fandom: l'idea che la cosa in cui credono ardentemente li renda speciali è in realtà qualcosa che tutti possiedono, comprese le giovani donne, le persone di colore, i fan LGBTQ+ e così via. In realtà, Guerre stellari era sempre per tutti, ma ora il fandom online e una copertura mediatica più ampia significa che quei fan velenosi non possono ignorarlo, anche prima che i film smettessero di posizionare esclusivamente gli uomini bianchi come eroi. Piuttosto che condividerlo, questi fan sembrano decisi a distruggere la cosa che affermano di amare così tanto. Non è la mentalità di un fan. Questo è solo bullismo da giardino.

Guerre stellari Il fandom può essere una cosa davvero bella, ma il marciume che ha infettato il suo cuore grazie ai diritti maschili bianchi e al gatekeeping lo sta rovinando per tutti. La cosa triste è che sembra essere ciò che vogliono questi fan. Non possiamo permettere che ciò accada. Per citare Rose Tico, è così che vinceremo. Non combattere ciò che odiamo, salvare ciò che amiamo.

luke skywalker, l'ultimo jedi


^