Fangrrls Su Film

Star Wars è sempre stato politico

>

Ancora una volta, con sentimento, per chi sta dietro: Guerre stellari ha sempre stato politico.

Guerre stellari è sempre stato politico, perché arte è sempre stato politico. L'arte è sempre stata politica, perché l'arte è intrinsecamente soggettiva. Non esiste l'arte oggettiva, perché i robot non fanno arte.

(... e comunque, allora dovremmo capire chi ha programmato quei robot e come e penso che tu abbia colto il mio punto prima della robotica.)



si questo è ciò che significa ucciderti

L'arte, indipendentemente dallo scopo previsto, riflette la visione del mondo del creatore o dei creatori. Che sia palese e intenzionale come La Sorgente o apparentemente insipido come Paul Blart: poliziotto del centro commerciale , tutta l'arte ci dice, sottilmente o meno, per chi tifare. Chi odiare. Chi riesce ad innamorarsi. Chi diventa innocente. Chi non dovremmo essere.

L'arte si sente apolitica solo quando non hai mai avuto la nascente consapevolezza che ti viene chiesto di odiare te stesso. Il nocciolo della verità al centro di Well, Ora è tutto politico! va bene, io mai capito che era politico!

E, per essere chiari, è va bene rendersene conto per la prima volta. Per le persone con privilegi lungo qualsiasi asse, ci sarà una prima volta, spesso molte prime volte, che avrai questa realizzazione di qualcosa. La crescita è un viaggio. Il modo in cui cresci da realizzazioni come questa è prendere posto, pensare e mettere in discussione i tuoi privilegi. A volte devi solo accettare che alcune opere d'arte non sono pensate per te.

È solo un po' più facile da fare quando hai dovuto accettarlo per tutta la vita a causa di chi sei.

quando esce il nuovo morto che cammina?

così di corso Guerre stellari è politico. Tutta l'arte è.

Star Wars Il Ritorno Della Foresta Jedi Leia Endor

Credito: Lucasfilm

Oh, ed è anche politico perché riguarda il Vietnam.

chitarra mad max fury road

Ricorda: George Lucas era al college negli anni '60. Era un giovane politicamente attivo , e la guerra del Vietnam (da cui ricevette una scusa medica a causa del suo diabete) ebbe un profondo effetto su di lui. Lucas doveva dirigere Apocalisse ora e ha trascorso quattro anni a sviluppare il film con lo sceneggiatore John Milius prima di passare ad altri progetti. Persino Graffiti americani , un film apparentemente apolitico sulla cultura degli adolescenti bianchi dei primi anni '60, termina con un personaggio che si trasferisce permanentemente in Canada, probabilmente per schivare la leva, e un altro che viene segnalato disperso in azione in Vietnam.

Quindi non c'è da meravigliarsi che Guerre stellari , la lettera d'amore di Lucas ai suoi interessi di nicchia, rifletteva anche quelle politiche. In un articolo del 2005 che promuoveva il nuovo rilascio La vendetta dei Sith , Lucas ha detto Chicago Tribune , Riguardava davvero la guerra del Vietnam, e quello era il periodo in cui Nixon stava cercando di candidarsi per un [secondo] mandato, il che mi ha portato a pensare storicamente a come le democrazie vengono trasformate in dittature? Perché le democrazie non vengono rovesciate; vengono regalati. Nixon era, infatti, uno dei modelli diretti di Palpatine, secondo J.W. di Rinzler The Making of Star Wars: Il ritorno dello Jedi .

Il motivo per cui questo non sembra più ovvio è duplice. Come ha sottolineato John Seavey nel 2012 (nel post che mi ha fatto conoscere Guerre stellari politica come tanti anni fa), Guerre stellari è stato scritto nell'amministrazione Nixon e rilasciato nell'amministrazione Carter, diffondendo la sua immediatezza. E come ha sottolineato Enjolras al Poli-Sci Jedi nel 2014 , Guerre stellari ha trasmesso i suoi messaggi radicali utilizzando immagini conservatrici. L'Impero non può essere un sostituto dell'America se sembra un branco di nazisti, duh? .

Stormtrooper Star Wars: Una nuova speranza

Credito: Lucasfilm

Ma la trilogia prequel non è caduta preda del tempismo: gli ultimi due sono stati prodotti e rilasciati durante la presidenza di George W. Bush, la guerra al terrore e l'invasione statunitense dell'Iraq. Lucas ha detto di aver scritto gran parte della sceneggiatura per La vendetta dei Sith , incluso l'iconico di Padmé Quindi è così che muore la democrazia … con una fragorosa linea di applausi, prima degli eventi dell'11 settembre. Ma i paralleli tra il presidente, Palpatine e il giovane Vader erano impossibili da ignorare. Il produttore Rick McCallum ha detto al Chicago Tribune che '... non abbiamo mai pensato che Bush diventasse presidente, o poi l'11 settembre, il Patriot Act, la guerra, le armi di distruzione di massa. Poi all'improvviso ti rendi conto: 'Oh, mio ​​Dio, sta succedendo qualcosa che sembra quasi preveggente.' Lucas ha persino tracciato un collegamento diretto tra la sua ispirazione originale, il Vietnam, e la guerra in Iraq a una conferenza stampa a Cannes mentre promuoveva La vendetta dei Sith .

E quando si tratta della trilogia del sequel, dire che ora è politico perché presenta donne e uomini di colore nei ruoli eroici principali manca il quadro più ampio. La trilogia sequel continua la politica della trilogia originale, con una piccola banda di combattenti della Resistenza che combattono contro il Primo Ordine neofascista. Un'organizzazione che è, potrei aggiungere, guidata (almeno all'inizio) da Snoke, un uomo misterioso e ricco che può o meno aderire all'ideologia del Primo Ordine stesso, ma ne trae grande beneficio (almeno all'inizio). Come Jacob Knight va in grande dettaglio nel suo editoriale su Gli ultimi Jedi , ci sono precisi paralleli tra Snoke e Trump.

uomo ragno nel flusso dei versi del ragno

Sarà interessante vedere come L'ascesa di Skywalker continua questa esplorazione politica. Il ritorno assicurato di Palpatine in Gli ultimi Jedi gli dà una nuova direzione in cui andare: perché questo ciclo è continuato, nonostante gli sforzi di Luke, sia a livello galattico (il rovesciamento dell'Impero) che personalmente (la radicalizzazione di Ben Solo in Kylo Ren)?

Guerre stellari è politica perché l'arte è politica. Guerre stellari è anche politico perché la politica è stata al centro del franchise dal 1977; non è nemmeno particolarmente nascosto. Devi solo aprire gli occhi ed essere disposto a vederlo, anche se ti mette a disagio.



^