Spider-Man: Into The Spider-Verse

Spider-Man: Into the Spider-Verse ottiene Alt-Universe Cut con una quantità 'folle' di scene eliminate

>

Fresco di una vittoria agli Oscar che ha regalato a un supereroe Marvel una rara vittoria sulla Disney, Spider-Man: Into the Spider-Verse non ha finito di accontentare i fan dei vari webhead nel multiverso. Il film che ci ha regalato Spider-Man Noir, Spider-Ham e Miles Morales uscirà presto a casa, e con esso, un taglio alternativo pieno zeppo di contenuti che semplicemente non si adattavano alla versione finale del film.

Questa versione racconta un tipo di storia molto diverso, presenta un pilastro dei fumetti che abbiamo appena conosciuto e dovrebbe essere altrettanto pieno di fan service come il resto del film esilarante e creativo.

Secondo Cinemablend , che ha parlato con i registi Rodney Rothman, Bob Persichetti e Peter Ramsey, questa versione si chiama Alt-Universe Cut e sarà un'edizione estesa rilasciata con le versioni digitali e fisiche del vincitore dell'Academy Award. Questo perché, ha spiegato Rothman, il film aveva una quantità insolita di materiale in ogni fase della produzione.



Quindi, una quantità folle di materiale per lo storyboard, come folle, come far impazzire i tuoi sistemi di modifica di fascia alta. Una quantità folle di layout, una quantità folle di animazione finita che non è stata inserita nel film... una quantità insolita. Quindi l'Alt-Universe Cut contiene un sacco di quella roba che abbiamo scelto di non inserire nel film, ma che in un universo alternativo avrebbe potuto facilmente finire nel film.

E sappiamo come si sente questo film sugli universi alternativi: includili. Anche se non sono stati tagliati nelle sale, questi materiali offrono comunque un sacco di divertimento per i fanatici di Spider-Man o per i nerd della produzione cinematografica desiderosi di seguire l'evoluzione del miglior film d'animazione dell'anno.

Includendo una nuova breve introduzione di Spider-Ham e una relazione molto più stretta tra Miles e Ganke Lee, questa versione alternativa ha subito dei tagli dopo Spider-Man: Ritorno a casa includeva un'atmosfera da commedia tra Peter Parker e Ned Leeds. La versione alternativa è più legata all'idea che Miles e Ganke fossero amici e coinquilini, ha detto Persichetti, e stanno accadendo molte più cose da coinquilini.

E quello che abbiamo finito per imbatterci è stato solo per due cose. Era proprio come, 'Oh, wow. Ritorno a casa , Ned... molto simile a Ganke». Veramente. E poi, 'Beh, forse è davvero meglio se Miles sperimenta queste cose senza uno sherpa davvero ben educato che gli tenga la mano attraverso tutti i poteri che arrivano e tutto il resto', e alla fine ci ha aiutato per quel posto in cui Peter entra nel mondo. film. Ganke era una parte così importante del film che avevano una versione del primo atto molto, molto tempo fa con Ganke completamente dentro, che era così diverso e divertente, che il film non avrebbe mai potuto avere un Spider-Man.

Ma alcune scene si adattano alla versione attuale della storia, ma non alla versione finale del film. E uno in particolare è stato un colpo di cuore per i registi da tagliare. Vedrai, c'è una scena, la scena del cartellone pubblicitario, dove sono Miles e Peter che parlano, ed è come il 90 percento animato, ed è una bellissima animazione, ha detto Persichetti. Questa scena è rimasta nel film per circa due anni prima che i registi la rimuovessero definitivamente dal montaggio finale.

I registi hanno adorato la scena, ma hanno pensato che il film fosse migliore senza di essa, cosa che i fan potranno determinare presto da soli, dal momento che Spider-Man: Into the Spider-Verse è uscito oggi in digitale, con una versione fisica in arrivo il 19 marzo.



^