Scienza

Mi dispiace, Jurassic Park insegue i fan! Un nuovo studio rileva che T-Rex non era noto per le sue capacità di sprint

>

Ormai ci siamo tutti impegnati a ricordare la scena selvaggia degli anni '93 Jurassic Park dove un tirannosauro furioso sta inseguendo una jeep alimentata a gas su Isla Nublar, con lo specchietto laterale del veicolo che indica che 'gli oggetti nello specchio sono più vicini di quanto sembri'.

Per decenni, il consenso tra i paleontologi era che T. rex fosse un corridore veloce e capace di velocità in campo aperto fino a 30 miglia all'ora, che è vicino alla modalità di sprint per l'olimpionico vincitore della medaglia d'oro Usain Bolt.

Le speculazioni del passato sulla velocità massima di T. rex si sono sempre concentrate sulla massa della creatura, sull'altezza dei fianchi e sulla lunghezza del passo indicata dalle impronte fossili. Stime prudenti hanno concluso che la velocità di camminata del predatore probabilmente era compresa tra 4,5 e 6,7 miglia all'ora. Ma pompa i freni, poiché quelle figure più vecchie potrebbero essere un po 'alte.



Ora un nuovo documento di ricerca pubblicato questa settimana sulla rivista online Royal Society Scienza Aperta ignora l'ossessione per le gambe robuste di T. rex indagando il ruolo critico della sua coda elastica e l'oscillazione unica, il movimento verticale che mostra nelle simulazioni digitali. Sulla base dello studio della nuova biomeccanica, i limiti deambulatori della bestia sono stati notevolmente ridotti a una lentezza di 3 miglia all'ora.

'Le code dei dinosauri erano fondamentali per il modo in cui si muovevano, in molti modi,' autore principale Pasha van Bijlert , un candidato al master che studia paleo-biomeccanica presso la Libera Università di Amsterdam, ha detto a WordsSideKick.com. 'Non solo funge da contrappeso, la coda produce anche molta della forza necessaria per far avanzare il corpo. Lo fa attraverso due grandi muscoli della coda - i muscoli caudofemoral - che tirano le gambe all'indietro durante ogni passo.

ci saranno più vette gemelle?

'Questa combinazione - sospensione passiva mentre è attiva in locomozione - è unica per i dinosauri; non ci sono animali vivi oggi con questa caratteristica. Per questo motivo, eravamo molto incuriositi dal suo ruolo nel modo in cui T. rex avrebbe camminato.'

coda

Credito: Pasha A. van Bijlert, A.J. 'Knoek' van Soest, Anne S. Schulp

Guardando come ondeggia la coda di un T. rex, l'energia viene immagazzinata e rilasciata attraverso una rete di legamenti elastici. Al raggiungimento di un'oscillazione ritmica, la spessa appendice raggiunge una risonanza chiamata 'frequenza naturale', che può essere utilizzata per misurare la cadenza naturale del passo dell'animale.

Per creare una simulazione animata completa, van Bijlert e i suoi colleghi hanno scansionato uno scheletro di T. rex adulto chiamato 'Trix' dal Naturalis Biodiversity Center nei Paesi Bassi. Da lì, i ricercatori hanno evidenziato segni sulle vertebre ben conservate che indicavano le posizioni di attacco dei legamenti per fornire un modello biomeccanico praticabile della coda. Ai fini dello studio è stata concordata una lunghezza del passo predeterminata di 6,2 piedi.

'Il modello della coda ti dà una probabile frequenza/ritmo del passo per il T. rex, ma devi anche sapere quanta distanza percorre con ogni passo,' van Bijlert ha aggiunto . 'Il nostro modello di base aveva una velocità di camminata preferita di 2,86 mph. A seconda di alcune delle ipotesi riguardanti i legamenti e il modo in cui ruotano le vertebre, si ottengono velocità leggermente inferiori o superiori da 1,79 a 3,67 mph, ma in generale sono tutte più lente rispetto alle stime precedenti.'

trix

TRIX - Crediti: Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Ci sono ancora alcune domande e variabili persistenti da considerare in questa simulazione che potrebbero non affrontare adeguatamente l'impatto dei muscoli del carnivoro e il movimento della coda da un lato all'altro.

'Nessuno sano di mente ha mai pensato che i dinosauri avessero code perfettamente rigide (su/giù o di lato/di lato), ma è stato un argomento trascurato per la locomozione,' note John Hutchinson , professore di biomeccanica evolutiva presso il Royal Veterinary College nell'Hertfordshire, nell'e-mail di Live Science. 'Quindi, questo studio copre un nuovo terreno in modo intelligente con un modello originale.'



^